Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 29 Maggio 2023

Book Baby Boom: partita l…

Mag 04, 2023 Hits:806 Crotone

Al via il progetto Book B…

Apr 22, 2023 Hits:1133 Crotone

Il "Ciliberto" …

Apr 22, 2023 Hits:1238 Crotone

Crotone in Fiore abbelisc…

Apr 22, 2023 Hits:1115 Crotone

Giovanissima si, ma con e…

Apr 05, 2023 Hits:1387 Crotone

Il progetto “Book Baby Bo…

Mar 31, 2023 Hits:1635 Crotone

Daniel Dramisino, virtuos…

Mar 25, 2023 Hits:1404 Crotone

Presidenza svedese della UE: Il ministro Urso incontra gli ambasciatori UE a Roma

Il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso ha incontrato presso l’Ambasciata di Svezia a Roma gli ambasciatori dei 26 Paesi appartenenti all'Unione Europea. L'incontro, ospite l’ambasciatore svedese Jan Björklund  è stato l'occasione per un ampio confronto sulle iniziative che sta mettendo in essere l'Italia sul piano industriale ed economico. Un momento particolarmente importante anche in vista dei prossimi appuntamenti sul piano comunitario, fondamentali per delineare una rinnovata politica industriale europea che sia competitiva, pragmatica e sostenibile.

Nel suo programma relativo alla competitività la Presidenza svedese si prefigge di adoperarsi per garantire che l'ambizione di una maggiore competitività europea sia il principio guida. L'invasione russa dell'Ucraina, la crisi energetica e l'aumento dell'inflazione comportano sfide significative per le imprese europee. Per farvi fronte sono necessarie misure di emergenza a breve termine. Tuttavia, le misure di crisi temporanee non possono diventare la "nuova normalità" e l'UE deve tracciare una rotta su come gestirà le sfide e le crisi future. È quindi necessario mettere la competitività in primo piano. Solo attraverso imprese competitive è possibile, secondo la Svezia, creare una crescita sostenibile, accelerare le transizioni verde e digitale, aumentare la resistenza economica e rafforzare l'importanza geopolitica dell'UE. Le misure a livello comunitario devono basarsi su valori fondamentali come l'apertura, la libertà di circolazione, una concorrenza effettiva, quadri normativi uniformi e favorevoli alla crescita e l'innovazione. La presidenza contrassegna il 30° anniversario dell'avvio del mercato interno che ritiene è un punto di partenza naturale per stabilire un percorso per rafforzare la competitività dell'UE a lungo termine. Urso, nel Consiglio Competitività UE del 2 marzo scorso, aveva specificato come “il mercato unico europeo si trova oggi ad affrontare la duplice transizione verde e digitale in un contesto molto diverso del passato: prima la pandemia, poi la guerra della Russia in Ucraina, quindi le misure della amministrazione Biden realizzate per rispondere alla sfida della Cina hanno sconvolto gli assetti della globalizzazione e ci impongono di prendere atto della realtà, per esempio per quanto riguarda l’autonomia strategica europea sulle materie prime critiche, sulle tecnologie verdi e digitali. La Commissione europea deve adeguare le politiche comuni alle nuove realtà economiche e sociali. Nel settore autoveicoli abbiamo dato un segnale di allarme nella convinzione che occorra procedere con una visione pragmatica e non ideologica e nei colloqui che abbiano avuto ci siano resi conto che le nostre riflessioni trovano sempre maggiore consenso. Speriamo che la ragione prevalga nei prossimi dossier, dal regolamento CO2 sui mezzi pesanti a quello sull’EURO 7, sui quali chiediamo un approccio di neutralità tecnologica, così come sugli altri provvedimenti che hanno conseguenze sulla competitività del sistema industriale, come quelli sull’imballaggio, sull’ecodesign, sulle acque reflue”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI