Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 03 Dicembre 2022

Nasce l'Arancinario, il ricettario di arancine e arancini che racconta il cuore croccante della Sicilia

Nemmeno i recenti chiarimenti dell’Accademia della Crusca hanno messo d’accordo i siciliani sul nome più giusto con cui indicare le arancine o gli arancini siciliani. Facendoli incontrare a tavola, proverà a farlo il primo “Arancinario”, ovvero il primo ricettario interamente dedicato alla regina (o al re) dello street-food. 

Nel giorno in cui Palermo festeggia Santa Lucia con l’ormai famoso #ArancinaDay2016, in Sicilia viene ufficialmente lanciato l’Arancinario che promette, nel segno del gusto e una volta per tutte, non soltanto di metter d’accordo i siciliani ma anche di incuriosire e soddisfare i palati di quanti, in tutto il mondo, amano questa tipicità isolana. Il libro, che è acquistabile sul sito www.arancinario.it e a breve nelle librerie e negli store digitali, è nato proprio dal coinvolgimento dei siciliani a cui, attraverso i social, è stato chiesto di contribuire a raccontare quello che è stato definito come “il cuore croccante della Sicilia”. Un’idea originale promossa da Arancinotto, l’ormai notissimo stampo per arancini, che ha voluto così coinvolgere i quasi sessantamila followeer in un vero e proprio progetto editoriale. 

La sfida è stata quella di rifarsi alle tradizioni raccogliendo, grazie all’aiuto dei siciliani, le ricette più famose e tipiche delle varie realtà locali, per trasformarle in arancine/i con l’obiettivo di portare un po’ di Sicilia sulle tavole di tutto il mondo. E a rispondere sono stati davvero in tantissimi, pronti ad indicare le “loro” ricette tipiche provenienti da varie zone dell’isola ma anche da oltreoceano, dalle generazioni di siciliani emigrati e che nella valigia dei ricordi hanno portato dietro la tradizione del cibo di strada, mescolandola agli usi del luogo. 

Ricette che sono state poi selezionate e “declinate” in arancini e arancine con la consulenza gastronomica di Mastercheffa (Stephanie Cabibbo), food blogger del circuito GialloZafferano. Del resto la cucina dell’isola riesce a conquistare al primo assaggio, anche se in questo caso sarebbe più corretto dire “al primo morso”. E con l’Arancinario sarà davvero impossibile resistere tra ricette tradizionali (come le più diffuse al ragù, agli spinaci o al burro) o le siciliane (come l’arancina alla norma o pesce spada e melanzane), le gourmet (arancina alle verdure o salsiccia e funghi o ancora la gustosa e particolare “San Domenico”, in onore del “Raviolone San Domenico”, temuta prova anche nei più famosi concorsi gastronomici), oppure le dolci (alla ricotta e cioccolato o alla cassata con colata di miele caldo) per arrivare alle ricette “fuori dall’isola” (come le arancine arabe o le orientali a partire da quelle indiane). 

Arancinario le racchiude tutte offrendo meticolose informazioni sulle modalità di preparazione, gli ingredienti da utilizzare, la difficoltà, i tempi di preparazione insieme a splendide e “gustose” fotografie che raccontano il risultato finale. Ma il libro è anche una mini guida per imparare a realizzare arancine/i perfette/i indicando i vari passaggi per la cottura del riso, la formatura (a mano o con gli stampi), la croccante panatura fino al fatico e delicato momento della frittura. Un ricettario che è uno scrigno di saperi e sapori ma anche segreti che rendono unica questa eccellenza tutta siciliana. 

Ad offrire un contributo anche sotto l’aspetto storico-culturale, raccontando tante curiosità, ci pensa lo studioso Carlo Blangiforti che con la sua prefazione regala al lettore piacevoli nozioni sulla storia dell’arancina e sulla sua evoluzione e diffusione, così come un divertente chiarimento sulla ormai secolare diatriba riguardante il “sesso” da attribuire a questo piatto: arancina, alla palermitana, a forma tonda, per evidenziarne una specie di rotondità, morbidezza materna, oppure arancino, alla catanese, a punta, simbolo del vulcano Etna e della virilità maschile? 

“L’arancino o l’arancina – spiega Blangiforti - è, senza alcun dubbio, protagonista dello street-food siciliano e come nessun altro piatto racchiude in sé il profondo e intimo senso della sicilitudine: un piatto radicato nell’anima della tradizione capace di innovarsi e trasformarsi in un ciclo continuo. Anche per questo, l’Arancinario, che ne testimonia la vitalità, è un libro da leggere, coccolare e custodire con l’amore che solo i siciliani hanno verso la cosa più bella e vera della vita, il cibo”.

Ma Arancinario è anche un libro multimediale grazie alle videoricette di Mastercheffa da guardare facilmente attivando il qr-code in modo da scoprire immediatamente “il cuore croccante della Sicilia”. 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI