Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 19 Aprile 2021

Renzi a RTL 102.5 : Il 16 dicembre sara il funerale delle tasse sulle case

"Il 16 dicembre" gli italiani pagheranno la "seconda rata della Tasi, quello è il funerale tasse sulla casa" afferma il premier Matteo Renzi a Rtl 102.5 ribadendo la volontà del governo al taglio delle tasse sulla casa dall'anno prossimo.

"L'Ue che si gira dall'altra parte sui migranti pensa di venirci a spiegare le tasse, c'è qualcuno a Bruxelles che pensa di mettersi a fare l'elenco delle tasse da tagliare, spero sia stato il caldo, le tasse da tagliare le decidiamo noi, non Bruxelles", ha detto Renzi.

"E' fondamentale che l'Europa si dia bella svegliata e faccia la sua parte" anche perché sul tema dei migranti "si gioca la faccia" afferma il premier ribadendo la necessità di una "politica unitaria" che tenga insieme accoglienza, rimpatri di chi non ha diritto e che "salvi vite umane".

"Il governo italiano presieduto da Matteo Renzi ha tutta l'autorevolezza e la credibilità in Europa per proseguire in piena autonomia il percorso riformatore e, quindi, anche le modalità con cui decidere la riforma del fisco e il taglio delle tasse che, è evidente a tutti, sono molto, anzi troppo, alte nel nostro Paese" dihiara ai giornalisti Sandro Gozi

La proposta di ridurre le tasse sulla casa è contraria alle raccomandazioni Ue. Lo fanno notare fonti europee, sottolineando che a Bruxelles "abbiamo letto i recenti annunci sulle tasse in Italia, ma non avendo dettagli sui piani non possiamo fare commenti". "Però, più in generale è ben noto - osservano le fonti - che in diverse occasioni il Consiglio ha raccomandato che l'Italia sposti sugli immobile ed i consumi il carico fiscale che attualmente grava su lavoro e capitali, per sostenere i fattori produttivi dell'economia". La flessibilità, sotto forma di riduzione da 0,5% a 0,1% dell'aggiustamento, è già stata concessa all'Italia la primavera scorsa in cambio delle riforme. Fonti Ue notano che il paese "ha già fatto progressi" nelle riforme ma ora "è essenziale che non si perda lo slancio" nella messa in atto. Il che è "fattore chiave per esaltare il potenziale di crescita dell'Italia".

Il progetto di finanziaria per il 2016, secondo le norme previste dal '2-pack' ed applicate per la prima volta nell'autunno 2014, dovrà essere sottoposto alla Commissione entro il 15 ottobre. L'esecutivo, come previsto dall' art. 7 della legislazione sulla governance dei paesi dell'Eurozona, deve poi esprimere la sua opinione al più presto possibile ed "in ogni caso non oltre il 30 novembre". "Naturalmente - dicono le fonti all' ansa - ci aspettiamo che l'Italia rispetterà tutte le raccomandazioni del Consiglio che formalmente le emana, su raccomandazione della Commissione, ndr, comprese quelle sulla politica tributaria". "Le regole della flessibilità - aggiungono a Bruxelles - sono già state applicate per l'Italia e riflettono le raccomandazioni fatte sotto la procedura del Semestre Europeo". "L'Italia ha già fatto progressi nel perseguire riforme strutturali in diversi campi. Riforme che sono la chiave per esaltare il potenziale di crescita dell'Italia. E' essenziale che lo slancio delle riforme sia mantenuto".

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI