Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 12 Luglio 2020

Il colore dei sentimenti umani

image

Il prossimo 24 ottobre 2014 alle ore 18.30, presso la Libreria Mondadori Multicenter Duomo (Milano), si terrà la presentazione del libro “RENATO AMORUSO. Il Colore dei Sentimenti Umani” di Lucrezia De Domizio Durini.

L’autrice racconta il famoso pittore Renato Amoruso e la ricerca artistica che, avulsa da ogni forma di omologazione, contrassegna da sempre il suo percorso esistenziale ed il suo modo del tutto solitario e originale di vivere la pittura, sua compagna di vita. Infatti, l’artista ritiene la pittura come quella zona intima dell’uomo, già definita da Aristotele “la forma dell’anima”.

Renato Amoruso, che vive e lavora a Firenze, è un artista dall’innata creatività, che esprime magistralmente in opere di alto profilo, attraverso un viaggio ricco di fantasmagorici colori rivolti alla Natura, i quali si rispecchiano nel suo universo onirico. Le sue opere, libere da ogni titolazione, sono la rappresentazione dei sentimenti umani, valori eterni in una dimensione di Arte Totale.

Il libro “Il Colore dei sentimenti Umani” contiene testi nelle quattro lingue: Italiano - Inglese- Francese - Spagnolo di Lucrezia De Domizio Durini, degli Storici dell’Arte Gérard-Georges Lemaire, Pilar Parcerisas e Marisa Vescovo. Pubblicato da Electa, è composta da 336 pagine e 170 immagini a colori.

La partitura musicale “Il colore dell’Anima” è del Maestro Marco Rapattoni e le poesie dell’artista Aldo Roda.

Inoltre, per l’occasione, verrà presentato, in anteprima internazionale, il film del regista Stefano Odoardi, con la collaborazione di Lucrezia De Domizio Durini, dal titolo “I colori del sentimento umano”.

Lucrezia De Domizio Durini, autrice di questo interessante libro, è un’artista eclettica che opera da circa quarant’anni nell’ambito della Cultura internazionale nelle diverse vesti di giornalista, scrittrice, curatrice, nonché di collezionista ed editrice di opere d’arte. Si può considerare un’operatrice culturale indipendente, che ha fatto dell’Arte, della Cultura e delle tematiche umanitarie ed ambientali lo scopo primario della propria esistenza. L’artista ama definirsi “collezionista dei rapporti umani”.

La sua prima sfida risale alla fine degli anni sessanta, con l’apertura dello Studio L.D. di Pescara, una casa-galleria strutturata da Getulio Alvani, Ettore Spalletti e Mario Ceroli.

Prestigiosa organizzatrice di mostre di artisti di notevole spessore, da Burri a Fontana, da Capogrossi a Pistoletto, propone la Pop Art americana e il Costruttivismo internazionale.

Nel suo percorso, fondamentale l’incontro con l’artista tedesco Joseph Beuys, grazie al quale nel 1974 nasce la sua prima discussione “Incontro con Beuys”. La De Domizio Durini, in totale empatia con il Beuys, diventa una studiosa dell’intera filosofia beuysiana, filo conduttore della sua attività svolta a salvaguardia dell’ambiente e in difesa antropologica dell’uomo e della sua creatività.

Negli ultimi quindici anni, le campagne abruzzesi rappresentano per l’artista il suo rifugio più creativo.

Dopo la morte nel 1986 dell’artista tedesco, Lucrezia De Domizio Durini dedica tutte le sue energie alla diffusione universale del pensiero beuysiano attraverso ogni forma di comunicazione, fra conferenze, pubblicazioni, convegni, mostre presso i vari musei internazionali. Inoltre, è autrice di ventisei libri dedicati a Joseph Beuys, fra i quali “Il cappello di feltro”, tradotto in sette lingue e adottato come libro di testo in famose accademie ed università italiane.

Promotrice di diverse iniziative, fra le quali il progetto decennale “Free International Forum”del 2003, ha ricevuto molte onorificenze, fra esse quella di Cavaliere dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana” dal Presidente della Repubblica e “La medaglia al merito della Cultura”, assegnatole dalla città di Sarajevo.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI