Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 20 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:455 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:545 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1060 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1754 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1068 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1232 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1268 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1474 Crotone

Tasi, la Giunta limita l'applicazione a chi non paga già l'Imu

La Giunta comunale ha deliberato ieri lo schema di regolamento per l’applicazione della TASI che sarà proposto al Consiglio Comunale. La tassa, che i Comuni devono applicare perché così prescrive una legge nazionale, interesserà gli immobili che non sono gravati anche dall’IMU e l’aliquota da applicare è stata individuata nel 2,9 per mille. La Giunta ha anche previsto una serie di detrazioni perequative. La previsione è che, con queste misure, nelle casse comunali entreranno quattro milioni di euro in meno rispetto allo scorso anno.

La TASI sarà applicata solo alla prima casa. Gli inquilini in affitto non saranno quindi interessati, neppure in quota parte, al pagamento di questo tributo. Nei casi in cui si dovrà pagare la TASI, è prevista una detrazione fissa di 50 euro per unità immobiliare, più una detrazione di 20 euro per ogni figlio minorenne, per ogni figlio portatore di handicap senza limiti di età, per ogni minore in affido e per gli anziani proprietari che abbiano più di 70 anni.

La Giunta ha fissato l’aliquota per Palermo a quota 2,9 per mille del valore catastale dell’immobile, ben al di sotto del limite massimo del 3,3 per mille, utilizzando in tal modo lo spazio che la legge lascia alla discrezione dei Comuni.

“Dovendo applicare la TASI, che a tutti gli effetti è una tassa sul patrimonio – afferma il sindaco Leoluca Orlando – abbiamo voluto evitare di gravare su chi già paga l'IMU, e lo possiamo fare solo grazie al lungo lavoro che abbiamo alle spalle per mettere in ordine il bilancio comunale. In altre parole a Palermo chi paga l'IMU non pagherà la TASI sullo stesso immobile. Abbiamo inoltre evitato gli effetti negativi sul mercato degli affitti che sarebbero derivati da una tassazione degli inquilini degli immobili in affitto e abbiamo scelto di andare incontro alle categorie più deboli che esistono anche tra i proprietari di prime case”.

“Con la scelta di non applicare l’aliquota più alta, la limitazione dell’applicazione della tassa solo agli immobili che non pagano già l’IMU e con le detrazioni per le fasce più deboli – sottolinea l’assessore al Bilancio Luciano Abbonato – abbiamo voluto alleviare per i palermitani il peso di questo nuovo tributo introdotto dal governo nazionale che di fatto reintroduce l'IMU sulla prima casa. Le minori entrate, che valutiamo in circa quattro milioni di euro rispetto al gettito IMU prima casa, pari ad una riduzione del 20%, richiederanno ulteriori manovre di risparmio, ma, grazie al lavoro fatto negli ultimi due anni per il risanamento delle finanze comunali, ci è sembrata una sfida possibile oltre che doverosa da accettare”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI