Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 19 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:591 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:171 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:462 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:496 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:712 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1112 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1104 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1476 Crotone

Cardiology: al Sant’Anna Hospital intervento senza precedenti nella letteratura biomedica internazionale

L’intervento risale all’estate scorsa e a riceverlo era stato un paziente portatore di uno stent coronarico che, a causa di formazioni calcifiche nel vaso, era sottoespanso e aveva perduto la sua corretta geometria, compromettendo così il regolare flusso del sangue. Il dottor Gaetano Morabito, emodinamista dell’équipe diretta dal dottor Bindo Missiroli, aveva quindi utilizzato, per la prima volta in Calabria e la seconda in Italia, la procedura conosciuta col nome di “Shockwave” in una modalità del tutto innovativa, risolvendo positivamente il caso e restituendo così piena funzionalità allo stent.

Quel caso è ora pubblicato in un articolo su “Cardiology”, la prestigiosa rivista medico scientifica internazionale, fondata nel 1937 da Bruno Kisch. Lo firmano i dottori Missiroli, Tripolino, Tassone, Grillo e lo stesso Morabito. È la prima volta al mondo che un caso del genere trova posto in letteratura; un primato facilmente riscontrabile utilizzando “PubMed”, il database bibliografico dedicato alla letteratura scientifica biomedica a partire dal 1946 e che contiene oltre 23 milioni di riferimenti bibliografici derivati da circa 5.600 periodici biomedici.

<< Per l’équipe – ha commentato Morabito – è sicuramente un ulteriore motivo di soddisfazione. Sapevamo di avere usato lo Shockwave in una modalità del tutto nuova rispetto all’utilizzo tradizionale di una procedura, che è stata concepita essenzialmente per favorire l’impianto di uno stent e non per restituire funzionalità a uno già impiantato. Per questo abbiamo deciso di descrivere il caso e di proporre il lavoro a “Cardiology”, che evidentemente lo ha ritenuto meritevole di pubblicazione. Il crisma della scientificità così ottenuto significa che qualunque emodinamista al mondo potrà, volendo, riprodurre il nostro intervento, proprio perché per la prima volta in letteratura vi è il riscontro oggettivo e documentato in ogni passaggio, fino al felice esito finale della procedura >>.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI