Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 25 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:808 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:264 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:556 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:587 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:815 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1184 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1172 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1547 Crotone

Dado Moroni omaggia Coltrane

Nella storia del jazz, e' un'opinione comprovabile da fatti, c' e' posto per la teoria dei corsi e ricorsi. Ciclicamente, infatti, avviene che alcuni dei capisaldi di tale musica, appunto, ritornino in quanto evocati, anche a distanza di mezzo secolo, da autori e interpreti che a loro si ispirano per un tributo, ne ripropongono brani, ne  riprendono le innovative tecniche esecutive, ne riproducono in qualche modo organici, moduli, essenza. E' il caso di John Coltrane a cui stavolta e' il pianista  Dado Moroni a rifarsi e intitolare l'album Five For John (Jando Music/ Via Veneto). Vi figurano in scaletta Naima, After The Rain, Mr. P. C., scritte dal grande sassofonista oltre a composizioni di Mc Coy Tyner, Gershwin, Bartz, Lacey.
A Max Ionata e' affidato il ruolo più delicato svolto, peraltro, in modo impeccabile da uno dei virtuosi di sax più coltraniani che esistano oggi in Europa e non solo. La sezione ritmica col talentuoso Marco Panascia al contrabbasso e Il batterista Alvin Queen, già pupillo di Elvin Jones (che fece parte del 4et di Coltrane) conferisce un assetto di solida graniticita' e nel contempo di variabilità e colore timbrico perfettamente in tema. In sintonia con Moroni, che si cimenta oltre che come pianista ideatore del progetto, anche da compositore, c'è il vibrafono di Joe Locke, dal tocco sapiente, a completare la formazione che incornicia un compact per John fresco e vitale, fuori da qualsiasi intento celebrativo, capace di passar oltre una lettura pedissequa: In absentia, la sua immagine viene messa a fuoco in una sorta di specchio percettivo, riflessa per linee stilisticamente significative.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI