Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 22 Novembre 2019

Tre per una, un disco per Mina: intervista al pianista Danilo Rea

Danilo Rea non ha bisogno di presentazioni. Fra i titoli del suo vasto curriculum si ricordano l'esperienza con Roberto Gatto, con Giammarco e i Lingomania, col New Perigeo di Giovanni Tommaso, nei Doctor 3 con Pietropaoli e Sferra, a livello internazionale con Chaka Khan, Olivia Newton-John, Chet Baker ... Rea ha dalla sua anche l'essere "interprete autentico" di Mina di cui è stato - come peraltro con diversi altri grandi artisti, un nome su tutti Gino Paoli - accompagnatore di fiducia se non proprio abituale. Dunque uno dei pochi a conoscere da vicino la Tigre di Cremona al di lá della cortina di non penetrabilitá che la cantante si è creata per difendersi dalla curiositá mediatica. 

Mina, una fuoriserie del canto italiano da oltre 50 anni, che naviga sui 10 milioni di visualizzazioni per Amor mio e Ancora Ancora Ancora ... Canzoni non facili da catalogare. Mina è anche l'urlatrice ye-yè della vintage Tintarella di Luna; la sensuale femme fatale di Io e te da soli; è quella dei duetti con Gaber, Dorelli, la Pavone, Battisti, Cocciante, Celentano e ora di Fossati; del dialogo cantato/parlato con l''Alberto Lupo di Parole parole parole; è l'ironica golosa di Ma che bontá... Ma è soprattutto l'interprete "romantiConfidenziale"di Grande Grande Grande, non proprio felina! 
Ma, da dietro le quinte, chi è veramente Mina? 

Una persona dolcissima, sempre presente anche come amica nei momenti più particolari. E di estrema sensibilitá. Di temperamento, certo. In musica il temperamento è tutto. Ma la sua sensibilitá l'ha portata a certe scelte difficili come quella di non apparire in pubblico da un certo momento in poi della sua vita artistica e professionale.

Questo disco, Tre per una, inciso per la Warner, con Massimo Moriconi al contrabbasso e Alfredo Golino alla batteria, tuoi colleghi che hanno lavorato anch'essi a lungo con la cantante, va a coronare una collaborazione più che consolidata con la cantante lombarda. Stavolta però è la musica di Mina a prestarsi al gioco di voi tre jazzisti. In effetti brani come E se domani hanno la struttura di una ballad che si presta a rivisitazioni jazzistiche...e comunque è da tempo che Mina incrocia il jazz almeno dai tempi della sigla Tv Non gioco più con l'armonicista Toots Thielemans fino a più recenti incisioni come L'allieva del 2005, nel quale eravate presenti voi tre.
Devo dire anche in proposito che quando si registra in studio in lei si incide una due massimo tre volte. Non si va oltre perchè lei stessa è convinta che oltrepassando quel limite si perderebbe la veritá del brano. Questo metodo ha l'immediatezza di tante registrazioni jazz.

Se si pensa al vocalese di Brava ci si rende conto di come Mina sia una crooner abile nel vagare sul pentagramma dalla tonalitá stilisticamente marcata, per certi versi teatrale. In La Banda di Chico Buarque si ha impressione di una certa anima latina, lei che venera Jobim. Liza Minnelli l'ha definita la nostra più grande cantante. Sei d'accordo?
Assolutamente si! La storia ci insegna che le migliori voci sono italiane. Ci sará probabilmente qualcosa di genetico nelle nostre ugole. Mina è anzi una voce mondiale. Non a caso è stata chiamata da Frank Sinatra anche lui naturalmente di origini italiane. Di Liza Minnelli si, mi risulta che sia attenta all'uscita di ogni disco di Mina.

Qual è stato il criterio di scelta dei brani per il disco?
Semplice! Nel corso di 25 anni di collaborazione abbiamo suonato forse 200 brani fra originali e standards. Oltre agli evergreen lei infatti selezionava nuove canzoni dal materiale di quanti le scrivevano da tutto il mondo .
Caso vuole che Mina abbia iniziato a far musica prima di noi. Ed allora si è deciso di partire da quanto era avvenuto prima, negli anni d'oro, i '60 / '70. L'album è in effetti anche un omaggio oltre che a Mina ai grandi compositori che hanno scritto all'epoca per lei. Parliamo di brani come Se telefonando e di compositori come Gianni Ferrio e Bruno Canfora, autori che erano oltretutto direttori d'orchestra, come del resto Armando Trovajoli, che veniva invitato a vari festival jazz del suo tempo.
Fra gli autori da inserire Lucio Battisti per le canzoni date esclusivamente a Mina.

Musicisti influenzati dai ritmi moderni made in USA ma con un piede nelle nostre tradizioni musicali.
Certo, e musicisti completi. Penso a un Trovajoli che ha riarrangiato arie d'opera... io stesso sono partito spesso da Puccini perché è il piu vicino ai grandi compositori americani. Puccini è secondo me trait d'union fra opera e colonne sonore di tanta musica da film. E le arie d'opera, quelle in possesso di sonoritá pianistica che danno maggior suggestioni, hanno sempre stimolato la mia improvvisazione fondata essenzialmente sullo sviluppo del tema melodico.

Una domanda sul rapporto fra lirica, pop e canzoni, visto che la musica operistica la reinterpreti con quello scavo melodico e quel piglio armonico "pieno" con cui tratti De Andrè e i Beatles. Non ti senti un pò pifferaio di Andersen, un elemento di raccordo nell'attrarre al jazz proseliti provenienti da altri generi musicali?
Se comunico così ne sono felice. I generi musicali tendono a chiudersi su stessi. Da parte mia ho sempre amato Peter Gabriel, Keith Emerson, Jimi Hendrix... Un tempo c'era rivalitá fra gli appassionati. Io ho avuto la fortuna diplomandomi a Roma a 20 anni di formarmi da pianista classico pur seguendo Yes e Genesis. Avvicinandomi al jazz non ho dimenticato che Bach era un grande improvvisatore. Il jazz è poi diventata la forma migliore per approfondire il discorso improvvisativo, ma allargato non settoriale. Rollins sostiene che per far capire bene un'improvvisazione al pubblico occorre esporre un tema noto o facile. Purtroppo si è un pò usciti da quell'ottica e il pubblico si allontana dalla musica troppo cervellotica.

"Il pianista di Mina" Danilo Rea and partners son riusciti a dar "voce" con il proprio strumento alle di lei canzoni. Considerando come Mina abbia radicalmente aggiornato l'idea stessa di un Belcanto moderno, adattandolo all'Italia dagli anni del boom a seguire, poteva sembrare essere un'impresa veramente titanica! Ma realizzata.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI