Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 26 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:538 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1263 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1998 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1529 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1508 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1476 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1751 Crotone

Stampa Estera : Globo d'oro 60, in lizza Favino, Germano e i fratelli D'Innocenzo

Sessanta candeline per questa nuova edizione del Globo d'Oro. L'atteso premio conferito dall'Associazione della stampa estera in Italia celebrerà anche quest'anno le eccellenze del cinema italiano, promettendo una gara senza esclusioni di colpi - e di sorprese - come già annuncia la terna dei finalisti, selezionata poche ore fa dal comitato della giuria. 

Il Globo d'oro è un premio cinematografico italiano assegnato con cadenza annuale dai giornalisti della stampa estera accreditata in Italia.

Nel 1959 l'Associazione stampa estera in Italia, alla quale facevano riferimento su tutti i critici John Francis Lane, Melton Davis e Klaus Rhüle, volle rendere omaggio al cinema italiano, all'apice della cultura mondiale in quel momento, creando un premio ad hoc sulla scia dei Golden Globe del cinema statunitense. La prima premiazione si tenne nel 1960 e decretò la vittoria del film 'Un maledetto imbroglio' di Pietro Germi. Nel corso degli anni, le categorie del premio vennero ampliate e furono inclusi anche i professionisti del settore, oltre che i film.

L'edizione 1981-1982 vide la partecipazione del presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini. Nel 1995 venne creato il Premio alla carriera.
Ad oggi è considerato fra i tre più importanti premi italiani, insieme ai David di Donatello e ai Nastri d'Argento.


Un anniversario importante che coincide con i festeggiamenti del centenario dalla nascita di Alberto Sordi e Federico Fellini, forse i due rappresentanti per eccellenza del Cinema italiano nel mondo. "Quello della 60a edizione è un traguardo prezioso - spiegano i responsabili del premio Claudio Lavanga e Alina Trabattoni - che cade nel centenario dalla nascita di due grandi maestri del cinema italiano: Federico Fellini e Alberto Sordi. Anche per questo motivo, il Globo d'Oro alla Carriera quest'anno è stato assegnato all'unanimità a Sandra Milo.

Lei è una vera icona vivente per generazioni di spettatori, che ha esordito proprio accanto a Sordi ne 'Lo scapolo', e che successivamente è stata l'indimenticabile interprete di decine di film, tra cui anche '8 ' e 'Giulietta degli spiriti' del maestro Fellini". Ecco, dunque, in gara a contendersi il premio per la Migliore Regia: Giorgio Diritti con 'Volevo nascondermi', Matteo Garrone con 'Pinocchio' e Damiano e Fabio d'Innocenzo con 'Favolacce'. 

Come Migliore opera prima la giuria ha selezionato: 'Piciridda', che segna l'esordio di Paolo Licata. I volti femminili scelti come premio per la Miglior Attrice sono Valeria Bruni Tedeschi, protagonista di 'Aspromonte, la terra degli ultimi', di Mimmo Calopresti, Marta Castiglia per 'Picciridda' e Paola Lavini interprete di 'Volevo nascondermi'; i tre finalisti per la categoria maschile, invece, sono Elio Germano per il film 'Volevo nascondermi', Pierfrancesco Favino in 'Hammamet', di Gianni Amelio, e Luca Marinelli per 'Martin Eden', di Pietro Marcello. Da 'Nevia' di Nunzia De Stefano viene scelta Virginia Apicella, che riceverà il premio come Giovane Promessa.

Per il Premio alla Miglior Colonna Sonora il comitato ha selezionato Marco Biscarini per 'Volevo nascondermi', Pericle Odierna autore delle musiche di 'Picciridda' e il maestro Nicola Piovani per il film 'Aspromonte, la terra degli ultimi'. Per la sezione Miglior Fotografia si contenderanno il Globo d'Oro Matteo Cocco con 'Volevo nascondermi', Nicolaj Bruel per 'Pinocchio' e Stefano Falivene per 'Aspromonte, la terra degli ultimi'; chiude la serie il Premio alla Miglior Sceneggiatura: Giorgio Diritti, Tania Pedroni, Fredo Valla autori di 'Volevo nascondermi'; Damiano e Fabio D'Innocenzo per 'Favolacce' e Paolo Licata e Catena Fiorello di 'Picciridda'. La statuetta per la Miglior Serie tv vede candidati 'L'amica geniale 2', 'Diavoli' e 'The New Pope'. Il Gran Premio della Stampa Estera quest'anno verrà assegnato a Carlo Poggioli, costumista di fama mondiale. “Per il secondo anno di seguito abbiamo deciso di assegnare il Gran Premio della Stampa Estera a un italiano che ha varcato i confini diventando ambasciatore del nostro paese nel mondo”, hanno commentato Lavanga e Trabattoni.


A questa selezione di eccellenze, si aggiunge quest'anno la categoria Miglior Commedia, a contenderla 'Tolo Tolo' diretto e interpretato da Luca Medici, in arte Checco Zalone, 'Odio l'estate' con il trio Aldo Giovanni e Giacomo guidati da Massimo Venier e '7 ore per farti innamorare' con protagonista Giampaolo Morelli che ne firma anche la regia. Sarà una scelta difficile, quella del comitato di giuria, che in questi giorni ha dovuto prendere anche la decisione di non organizzare la celebre soirée di gala per festeggiare i vincitori, ai quali verranno consegnati i premi dai responsabili della giuria a nome di tutti, con una premiazione online, che verrà trasmessa al pubblico il 15 luglio sul sito del Globo d'Oro.

"Il Globo d'Oro celebra un prestigioso traguardo - dichiarano i membri del comitato di giuria - tuttavia, a sessant'anni dalla prima cerimonia, purtroppo, come succede nelle più imprevedibili delle sceneggiature, non sarà possibile festeggiare questa pietra miliare con il Gran Gala di premiazione che tutti i premiati di quest'anno avrebbero meritato. Come corrispondenti non abbiamo mai smesso di lavorare per raccontare la pandemia, ma nonostante questa battuta d'arresto non abbiamo voluto rinunciare alla visione e votazione dei numerosi film, documentari, serie tv e cortometraggi in concorso, per dare voce anche quest'anno questo premio che è unico nel suo genere.
Un riconoscimento indipendente al cinema italiano, assegnato da chi l’Italia la racconta ogni giorno guardandola da fuori”.

60° Globi d'oro, le nomination 

Nomination della 60ma edizione del Premio Globo d'Oro

Miglior Film

Pinocchio

Volevo nascondermi

Picciridda

Migliore Regia

Giorgio Diritti, Volevo nascondermi

Matteo Garrone, Pinocchio

Damiano e Fabio D’Innocenzo, Favolacce

Miglior Opera Prima

Picciridda, Paolo Licata

Miglior Attrice

Paola Lavini, Volevo nascondermi

Marta Castiglia, Picciridda

Valeria Bruni Tedeschi, Aspromonte, la terra degli ultimi

Miglior Attore

Elio Germano, Volevo nascondermi

Luca Marinelli, Martin Eden

Pierfrancesco Favino, Hammamet

Premio Giovane Promessa

Virginia Apicella, Nevia

Miglior Fotografia

Volevo nascondermi, Matteo Cocco

Pinocchio, Nicolaj Bruel
Aspromonte, la terra degli ultimi, Stefano Falivene

Gran Premio della Stampa Estera
Carlo Poggioli, costumista

Premio alla Carriera

Sandra Milo

Miglior Serie Tv

Diavoli

L’amica geniale 2

The New Pope

Miglior Commedia

Tolo Tolo, Checco Zalone

Odio l’estate, Massimo Venier

7 ore per farti innamorare, Giampaolo Morelli

Miglior Colonna Sonora

Marco Biscarini, Volevo nascondermi

Pericle Odierna, Picciridda

Nicola Piovani, Aspromonte, la terra degli ultimi

Migliore Sceneggiatura

Volevo Nascondermi, Giorgio Diritti, Tania Pedroni, Fredo Valla

Favolacce, Damiano e Fabio D’Innocenzo

Picciridda, Paolo Licata e Catena Fiorello

Miglior Documentario

La passione di Anna Magnani, Enrico Cerasuolo

Vulnerabile bellezza, Manuele Mandolesi

La Mafia non è più quella di una volta, Franco Maresco

Miglior Corto

Gli occhi dell’altro, Gianpaolo Tescari

Delitto naturale, Valentina Bertuzzi

L’amore oltre il tempo, Emanuele Pellecchia

La 60ma edizione del Premio Globo d’Oro vede in giuria un comitato rinnovato composto da:

Claudio Lavanga (co-responsabile del premio), NBC NEWS (Stati Uniti); Alina Trabattoni (co-responsabile del premio), Eurovision (Svizzera); Alvise Armellini, Agenzia DPA (Germania); Marina Collaci, WDR Radio (Germania); Ahmad Ejaz, Tehqiq Nama (Pakistan); Ewout Kieckens, Reformatorisch Dagblad (Paesi Bassi); Patricia Mayorga Marcos, El Mercurio (Cile); Vera Shcherbakova, Agenzia TASS (Russia); Giada Zampano, freelance per Politico Europe (Belgio).

LA GIURIA

Tetsuro Akanegakubo, Alvise Armellini, Francesca Biliotti, Marie Delphine Bonada, Michael Braun, Teresa Bustelo, Esma Çakır, Tatiana Covor, Carmen Del Vando Blanco, Antonino Galofaro, Francisco Gonzalez Garzia, Amanda Hargreaves, Richard Heuze, Gustav Hofer, Christina Höfferer, Alba Kepi, Ewout Kieckens, Giorgio Lambrinopulos, Claudio Lavanga, Peter Loewe, Benigna Mallebrein, Catherine Marciano, Mustafa Marghadi, Patricia Mayorga, Dimitri Mihoudis, Elisabeth Missland, Vera Naydenova, Christa Peduto Langen, Silvia Martinez Puentes, Jorge Pinas, Elena Postelnicu, Philip Pullella, Carlo Rebecchi, Dennis Redmont, Cecilia Sandroni, Julia Sarkozy, Susanne Schaller, Vera Shcherbakova, Domenico Stinellis, Constanze Templin, Alfredo Tesio, Alina Trabattoni, Praxilla Trabattoni, Maarten van Aalderen, Kelly Velasquez, Julia Sandra Virsta, Giada Zampano.

 

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI