Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 01 Febbraio 2023

Al Nautico laboratori con…

Gen 26, 2023 Hits:231 Crotone

Parte il progetto "M…

Gen 21, 2023 Hits:343 Crotone

Virtuosità tecnica, liris…

Gen 21, 2023 Hits:338 Crotone

La pizza Crotonese a Sanr…

Gen 07, 2023 Hits:670 Crotone

Maria Taglioni: è' tornat…

Gen 07, 2023 Hits:657 Crotone

Per gli "Amici del t…

Gen 07, 2023 Hits:673 Crotone

PMI DAY 2022: Studenti in…

Gen 07, 2023 Hits:628 Crotone

I Filarmonici di Busseto:…

Dic 10, 2022 Hits:1478 Crotone

I problemi da risolvere nel Mezzogiorno

In primis, diciamo che, ad oggi, i problemi da risolvere, ancora, nel Mezzogiorno, sono un’assenza di nuove infrastrutture ed una insufficiente innovazione, ovvero, “Industria 4.0 al Sud”. Infatti, per quanto riguarda il primo punto, la dotazione infrastrutturale vede tutte le regioni del Mezzogiorno collocarsi nella seconda metà della classifica, con livelli di infrastrutturazione, particolarmente, bassi. Primo problema, quello dei porti del Mezzogiorno: il calo più rilevante, nel 2016, si è registrato per Brindisi(-14,4%) e Palermo(-5,9%). Analizzando, poi, i dati più nel dettaglio, è possibile evidenziare come in tutte le regioni meridionali la dotazione di strade ed autostrade sia inferiore alla media europea. Per quanto riguarda il secondo punto, c’è un  monito  degli economisti della Fondazione nazionale Svimez: “Sarebbe auspicabile introdurre nel “Piano Industria 4.0” una declinazione territoriale a favore del Mezzogiorno, prevedendo, ad esempio: un rafforzamento delle misure agevolative relative al super ed iper ammortamento”. Ma c’è di più. E’ stato stimato che le agevolazioni del “Piano Industria 4,0” potranno imprimere, notevolmente, nel periodo della loro implementazione, ovvero, un aumento del tasso di crescita degli investimenti pari a quasi 6 punti percentuali al Sud e 2 punti percentuali al Centro-Nord. In conclusione, noi diciamo che è auspicabile che la politica nazionale “si rimbocchi le maniche”, affinchè, questa previsione di crescita del Mezzogiorno diventi, al più presto, una realtà.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI