Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 19 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:591 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:172 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:462 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:496 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:712 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1112 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1104 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1476 Crotone

La Fine di tutti i guai, il nuovo disco di Sergio Cammariere

Non si può ascoltare la voce di Sergio Cammariere disgiungendola dal suono di quel suo pianoforte che sa imprimere vivaci toni jazz e melancoliche cadenze blues alla base del proprio canto. E non si possono sentirne i testi, come quelli che il cantautore-paroliere Roberto Kunstler ha scritto per il nuovo album La fine di tutti i guai edito da Parco della Musica, senza lasciarsi trascinare da un ritmo che non sai se provenga dalla musica o dalla metrica poetica. Quella del crotonese è un'ugola della generazione di mezzo, collocabile diciamo fra un Gino Paoli e un Tricarico, che ha ormai maturato un 'identità artistica provata dalla sua riconoscibilitá immediata. Ed è interna ad un impasto sonoro ben costruito come in questo disco nel quale ci si aspettano a un certo punto le folate improvvisative di Daniele Tittarelli al soprano, e quelle, puntuali, arrivano a dare il cambio alla melodia vocale. Si tratta di produrre una musica senza eccessi nè "eccessiva" nel senso di antiretorica affinché il messaggio di Cammariere arrivi a destinazione, stavolta con poche concessioni ad influssi etnici (da registrare comunque la presenza di Alessandro D'Alessandro all'organetto e Bruno Marcozzi alle percussioni) semmai con quello spirito ancor più "francese" che ce lo fa accostare idealmente ad alcuni grandi interpreti transalpini di chansons, i più esistenziali.

In tale contesto il compito della sezione ritmica composta da Luca Bulgarelli al contrabbasso e Alfredo Golino o Amedeo Ariano alla batteria, talora con l'apporto dei chitarristi Roberto Taufic e Maurizio Fiordiliso e del violinista Open Cesari, è quantomai complesso. Ma la navigata collaborazione, rafforzata da un interplay consolidato in concerti e incisioni, non fa che completare l'affresco d'insieme di "parole e note che restano lá nell'anima".

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI