Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 22 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:617 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1355 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:697 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:896 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:951 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1144 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1480 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1472 Crotone

Maslow: non sapevo di essere un cyberbullo

Terminato con successo il percorso educativo sui social promosso dal progetto l’Atelier Koine nel Liceo Pitagora di Crotone. Sarà ripetuto anche il prossimo anno

“In una società iperconnessa, in cui immagini e video scorrono a ripetizione e la quotidianità è ormai ‘on-line’ è assolutamente necessario insegnare ai giovani a utilizzare i social al meglio, mettendoli al corrente che oggi, un loro comportamento sbagliato, può avere un effetto ripetizione con conseguenze inimmaginabili”. 

Fabio Riganello, presidente dell’associazione A.Maslow, partner del progetto l’Atelier Koine, sintetizza in maniera chiara uno degli obiettivi dell’hub ‘Attiva-Mente’ che ha coinvolto 50 ragazzi delle classi III, IV e V, del Liceo Classico “Pitagora” di Crotone. Incontri, con la collaborazione della ‘Soc.Coop. Agorà Kroton’, che saranno ripetuti anche durante il prossimo anno scolastico. 

“La cosa che ci ha colpito molto - spiegano Andrea Prestinice e Debora Basile esperti Hub dell’associazione A.Maslow - è che spesso i ragazzi non si rendono conto di quanto un commento postato sotto una foto o un video possa avere un effetto domino. Candidamente qualcuno ci ha confidato di non aver intuito subito quanto potesse essere stato offensivo o di come potesse essere recepita una frase anche scherzosa. Ecco perché è importante sensibilizzare i giovani su tematiche molto rilevanti oggi con l’uso dei social, come il cyberbullismo o il bodyshaming. Tematiche molto attinenti all’educazione civica che potrebbero diventare materia di studio”.  

“Il laboratorio - sottolineano Andrea Prestinice e Debora Basile – è nato principalmente per promuovere la cultura della legalità, della conoscenza e la difesa dei diritti di ogni cittadino. Volevamo dare l’opportunità ai ragazzi di guardare con occhio critico ciò che oggi li circonda, approfondendo temi e argomenti con la pluralità delle idee. Tutto questo per rafforzare i valori dell’inclusione sociale, dell’integrazione culturale, della responsabilità individuale di fronte alla collettività, del consumo critico e consapevole, della risoluzione pacifica dei conflitti rendendoli consapevoli della rilevanza dei propri comportamenti individuali nella società. Gli incontri ci hanno dato molte soddisfazioni. I ragazzi hanno mostrato maturità e capacità di andare a fondo. Per questo è importante che il lavoro venga ampliato e diventi un percorso tracciato anche per gli studenti di domani”.

“L’Atelier Koinè” è un progetto multi regionale selezionato da impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo a contrasto della povertà educativa minorile. 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI