Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 24 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:651 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1392 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:733 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:923 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:976 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1171 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1505 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1497 Crotone

Chiesa e Convento di San Bonaventura fra i “Luoghi del cuore” finanziati dal Fai

Ci sono la Chiesa e il Convento di San Bonaventura a Caltagirone – al secondo posto nell’Isola e al ventunesimo della classifica nazionale del censimento 2018 con 17.558 voti - fra i quattro “luoghi del cuore” finanziati in Sicilia dal Fondo ambientale italiano (Fai), in collaborazione con Intesa San Paolo. Ad essi, un complesso monumentale fondato all’inizio del Seicento e ricostruito dopo il terremoto del 1693, sarà destinato un contributo di 25mila euro (richiesto dalla parrocchia di San Giacomo, a cui fa capo il bene), con il quale saranno restaurati gli intonaci dipinti nella Cappella di San Francesco e realizzati altri interventi accessori.

Sono stati, quindi, premiati gli sforzi del comitato “Caltagirone per San Bonaventura”, nato dalle realtà associazionistiche locali con l’intento di portare all’attenzione delle istituzioni l’urgente necessità di tutela di un luogo così importante.

Rispetto all’austerità del prospetto, l’interno della Chiesa risulta fortemente decorato con affreschi, maioliche e manufatti lignei, i cui elementi di spicco risultano essere una Madonna del Gagini, la pala d’altare di Vincenzo Ruggeri e un Crocifisso ligneo, opera di fra Umile da Petralia.

Il Convento, che mostra al suo interno un chiostro e alcuni affreschi di Pietro Paolo Vasta, fu trasformato in carcere nel 1890 e definitivamente chiuso alla fine del XX secolo, risultando oggi in un forte stato di degrado. Le cripte furono chiuse nel 1843, beneficiarono di un restauro nel 1990, ma non vennero mai aperte al pubblico.

“Siamo molto soddisfatti – dichiara il sindaco Gino Ioppolo - per il raggiungimento di un significativo risultato, che si deve all’impegno del Fai calatino (responsabile Aline Lo Giudice) e delle associazioni che hanno creduto sin dall’inizio nella possibilità di centrare l’obiettivo e si sono adoperate in questa direzione.  Si compie un primo, significativo passo che lascia ben sperare per il futuro di un complesso di grande rilevanza storica e artistica, oltre che identitaria”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI