Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 19 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:516 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1257 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:606 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:838 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:894 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1086 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1427 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1419 Crotone

Incoronata la madonna dell’udienza di melissa

Momenti dell'incoronazione

 

É stata tanta l’emozione che lunedì 27 maggio ha accompagnato l’incoronazione della bella statua della Madonna dell’Udienza, a Melissa, avvenuta davanti alle autorità civili e militari, tra cui il sindaco del Comune, Gino Murgi. Un semplice gesto quello di Monsignor Domenico Graziani: porre sul capo di Maria e del Bambinello le due corone, ma un gesto che ha suscitato in tutta la comunità di Melissa forte commozione, perché quella meravigliosa raffigurazione di Maria, da quando era avvenuto lo spregevole furto delle corone, sembrava un po’ spoglia, anche se sempre bella.

Il Comitato Parrocchiale lo scorso anno si era da subito adoperato, raccogliendo oggetti d’oro e offerte, affinché venisse riparata l’offesa fatta a Maria e contestualmente a tutta la comunità. E queste donazioni, fuse poi in un lingotto, hanno fatto sì che il maestro orafo crotonese Michele Affidato potesse cominciare la sua opera di realizzazione delle corone. Le corone sono state realizzate interamente a mano con la tecnica dello sbalzo, e impreziosite con pietre incastonate di colore di taglio sfaccettato.

Nel suo intervento l’orafo Michele Affidato ha ringraziato il parroco Don Pino Giorno, il sindaco Gino Murgi e tutta la comunità parrocchiale di Melissa per l’incarico ricevuto.

«Non è una cosa facile abbellire ed impreziosire qualcosa di già esistente, - ha dichiarato nel suo intervento il maestro Michele Affidato - specialmente quando si tratta di un’ opera sacra, e in particolare della Madonna da cui traspare la bellezza e la grandezza della Santità per eccellenza. La Madonna, colei che è sempre al cospetto di Dio è l’ideale supremo di perfezione che gli artisti di ogni tempo hanno cercato di riprodurre nelle loro opere. Il mio lavoro ha solo cercato di dare luce e mettere in risalto la bellezza di questa statua».

In questi ultimi mesi Michele Affidato ha realizzato varie opere di arte sacra, tra cui il restauro del “Quadricello” della Madonna di Capocolonna. Un lavoro accurato e pieno di dedizione e devozione che ha consentito di poter restituire il “Quadricello” alla Chiesa e ai fedeli crotonesi nel massimo del suo splendore e senza chieder alcun compenso.

Continua e costante è l’opera di Michele Affidato e diversi sono gli incarichi che giungono nel suo laboratorio di piazza Pitagora, a Crotone. Per la Basilica Cattedrale Cardinalizia di Ostia, il maestro orafo crotonese sta realizzando le corone per la Madonna Regina Pacis, molto venerata sul litorale romano, che sarà incoronata direttamente da autorità ecclesiastiche della Santa Sede nel mese di settembre. Michele Affidato ha inoltre realizzato i diademi della Madonna di Porto di Gimigliano, fedeli a quelli trafugati alcuni mesi fa, la corona per Santa Veneranda in Carfizzi, la spada per San Michele Arcangelo di Cuturella e l’importante incarico di restaurare ed impreziosire le corone della Madonna della Pietra di Chiaravalle. Proprio per benedire alcune delle sue opere d’arte sacra, Michele Affidato ha incontrato già due volte, nel solo mese di aprile, Papa Francesco.

Momenti della benedizione

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI