Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 15 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:427 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1177 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:525 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:796 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:850 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1047 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1389 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1382 Crotone

Lega: cordone sanitario contro immigrati clandestini

Da gennaio la Guinea è vittima di una seria epidemia di febbre Ebola.
Secondo la onlus Medici Senza Frontiere si tratta di una epidemia senza precedenti nell'Africa dell'ovest. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato l'allarme per gli aeroporti di Parigi, Bruxelles, Madrid, Francoforte e Lisbona. Nessun riferimento, invece, a Lampedusa nonostante ogni giorno sbarchino sulle coste italiane centinaia di richiedenti asilo, provenienti anche dalle zone dove si sta sviluppando l'epidemia. Ci chiediamo cosa aspetti il Ministro della Salute ad adottare nuove e più stringenti misure sanitarie al fine di tutelare i cittadini e gli operatori che vengono a contatto con gli immigrati clandestini. Occorre coinvolgere immediatamente il Ministero degli Interni, così da predisporre un cordone sanitario finalizzato alla tutela della popolazione impedendo gli sbarchi". Lo dichiarano i deputati della Lega Nord Guido Guidesi e Marco Rondini, che sulla questione hanno presentato un'interrogazione al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

"Entro oggi o domani, verrà firmato il piano nazionale per le malattie rare". Ad annunciarlo è stato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin a margine dell'incontro con i pazienti di Malattie Rare che si è svolto questa mattina presso l'Auditorium del Policlinico Umberto I di Roma. "Il piano recepisce le istanze presentate da associazioni di pazienti e famigliari, ma ne pone anche di altre", ha specificato. Inoltre, "attua strategie europee" e "prevede un coordinamento tra tutte le realtà e le figure che si occupano del tema", dalla socio assistenza alle prestazioni, dal volontariato alla ricerca. Sul tema "c'è necessità di informazione e formazione e interventi sociosanitari", perché le malattie rare sono state per molto tempo "neglette", "nascoste perché riguardano poche persone. E' questo è inaccettabile", ha detto. "Non è possibile che le famiglie siano lasciate sole", perché questo significa un danno per la salute ma implica anche che molte si rivolgono allo stregone"

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI