Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 25 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:543 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:592 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1110 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1797 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1109 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1272 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1309 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1517 Crotone

Fonti diplomatiche: minacce "assolutamente inaccettabili" contro Cipro

Il leader di Hezbollah in Libano, Hassan Nasrallah, ha avvertito in un discorso televisivo che, in caso di escalation delle ostilità con l'esercito israeliano in una guerra più ampia, i combattenti del movimento combatterebbero "senza regole" e "senza restrizioni".

In particolare, ha dichiarato che in nessun luogo in Israele ci sarebbe sicurezza dagli attacchi di Hezbollah, menzionando anche potenziali obiettivi nel Mar Mediterraneo.

Contemporaneamente, per la prima volta, Nasrallah ha lanciato minacce anche contro Cipro, sottolineando che Hezbollah potrebbe considerarla coinvolta nel conflitto se continuasse a permettere a Israele di usare i suoi aeroporti e basi per scopi militari.

"Siamo testimoni di un'escalation preoccupante nelle ultime settimane. Il presidente Biden desidera evitare un'ulteriore escalation che porterebbe a una guerra più ampia", ha dichiarato dalla capitale libanese Amos Hochstein, inviato speciale del presidente americano Joe Biden, il cui obiettivo è prevenire una guerra generale tra Israele e Libano. In precedenza aveva visitato Israele, dove aveva tenuto colloqui con la leadership politica e militare del paese.

"La Grecia non accetta indicazioni su come condurre la propria politica e garantire i propri interessi nazionali", chiariscono fonti diplomatiche riguardo alle notizie circolate sui presunti coinvolgimenti della Repubblica di Cipro nella crisi in Medio Oriente.

Sottolineano, inoltre, che "durante la crisi in Medio Oriente, la Grecia ha mantenuto una posizione di principio, apprezzata da tutte le parti coinvolte, per questo motivo mantiene aperti tutti i canali di comunicazione, senza essere entrata in conflitto con alcun paese".

Inoltre, riguardo alle dichiarazioni di Hezbollah contro Cipro, le stesse fonti affermano che "le minacce contro la sovranità e l'integrità di uno Stato membro dell'Unione Europea sono assolutamente inaccettabili".

Infine, evidenziano che "la Grecia, come l'insieme degli Stati membri dell'Unione Europea, è solidale con Cipro", commenti che riguardano indirettamente anche le insinuazioni del ministro degli Esteri turco.

Le recenti minacce lanciate dal leader di Hezbollah in Libano, Hassan Nasrallah, contro Cipro, sono state commentate oggi dal ministro degli Esteri turco Hakan Fidan, in un'intervista alla rete televisiva Haberturk, sostenendo che le isole greche sono utilizzate per operazioni in Medio Oriente.

"Qui siamo di fronte a una grande minaccia e rischio di espansione. Questo rischio continuerà finché proseguirà il genocidio israeliano. Soprattutto ora, il Libano è in agenda. Il fatto che gli 'attori' in Libano minacciano Cipro è un presagio di ciò. Sono in corso operazioni nella regione della Siria. Attualmente, questi scontri a bassa intensità potrebbero attirare altri fattori", ha sostenuto Hakan Fidan.

"Dall'inizio avvertiamo i fattori in Europa riguardo all'amministrazione greco-cipriota (ndr. in Cipro). Il fatto che questo luogo e le isole greche siano utilizzati per operazioni in Medio Oriente non gioverà né all'amministrazione greco-cipriota né alla Grecia. Il nostro consiglio, ciò che abbiamo detto ai greci, è di stare lontani da questi temi, perché quando vi coinvolgete in questo modo nelle guerre in corso in Medio Oriente, se ne diventate parte, il fuoco arriverà a voi.

E noi siamo nella stessa geografia, quindi verrà anche a noi. Pertanto, trasmettiamo ai nostri interlocutori competenti senza esitazioni le conclusioni che abbiamo tratto dalle osservazioni che facciamo sulla base dei dati. Anche loro sono coinvolti in vari aspetti, tuttavia tutti i fattori regionali devono comprendere che c'è una forte militarizzazione lì, e dovrebbe essere impedita la possibilità che accada qualcosa qui nella regione".

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI