Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 16 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:454 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1205 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:555 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:809 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:864 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1058 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1399 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1393 Crotone

L'Occupazione Turca di Cipro: 50 anni di violazioni e conseguenze umanitarie

L'invasione turca di Cipro nel 1974 ha rappresentato un punto di svolta drammatico nella storia dell'isola, segnando l'inizio di un'occupazione militare che persiste tuttora. La Turchia colse l'occasione per imporre i suoi piani di spartizione contro Cipro in seguito al colpo di Stato del 15 luglio 1974, orchestrato dalla giunta militare di Atene contro il governo eletto del presidente Makarios. Il 20 luglio 1974, in violazione di ogni regola del diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite, la Turchia invase militarmente Cipro.

Questa prima fase dell'invasione illegale fu seguita da una seconda fase durante la quale fu occupata la città di Famagosta. La Turchia ha posto sotto occupazione militare oltre il 36% del territorio della Repubblica di Cipro, occupazione che continua fino ad oggi. L'invasione e l'occupazione turca hanno causato lo sfollamento di 162.000 greco-ciprioti, diventati rifugiati nella loro stessa patria. Le autorità di occupazione impediscono loro di tornare alle proprie case e proprietà.

Alla fine del 1975, la maggior parte dei turco-ciprioti che vivevano nelle zone controllate dal governo legittimo furono costretti a trasferirsi nel territorio occupato dalla Turchia, a causa della politica di pressione e ricatto della Turchia. Inoltre, circa 20.000 greco-ciprioti e maroniti scelsero di non lasciare le loro case nonostante l'occupazione. Tuttavia, la maggior parte di coloro che rimasero, principalmente nella penisola di Karpas, furono gradualmente costretti a lasciare l'area, riducendo il loro numero a soli 300.

L'accordo di Vienna del 2 agosto 1975 prevedeva che la Turchia fornisse assistenza alla popolazione enclave, comprese strutture per l'istruzione, l'esercizio della religione e le cure mediche. Tuttavia, in pratica, la Turchia ha violato questi impegni, sottoponendo gli enclave a continue vessazioni, restrizioni ai movimenti e negazione di servizi fondamentali, costringendoli infine a lasciare le loro case.

Dal 1974, la Turchia ha implementato una politica sistematica di colonizzazione della parte occupata di Cipro, trasferendo oltre 160.000 cittadini turchi nel territorio con l'obiettivo di alterare il carattere demografico dell'isola. Questa politica, combinata con l'espulsione degli abitanti greco-ciprioti, la distruzione del patrimonio culturale e il cambiamento dei nomi dei luoghi, mira a eliminare ogni traccia della presenza greca e cristiana e a turchizzare l'area. La leadership turco-cipriota ha consolidato il controllo, aggravato dalla migrazione di massa dei turco-ciprioti, che ha portato il numero di soldati e coloni turchi a superare quello dei turco-ciprioti rimasti.

Il 15 novembre 1983, la leadership turca a Cipro proclamò unilateralmente la cosiddetta "Repubblica Turca di Cipro del Nord", un atto condannato dalla comunità internazionale come illegale e privo di validità giuridica. Le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 541 (1983) e 550 (1984) dichiararono questa proclamazione giuridicamente invalida, invitando tutti gli Stati a non riconoscere l'entità secessionista e a rispettare la sovranità della Repubblica di Cipro.

Dal punto di vista umanitario, l'invasione turca ha avuto conseguenze tragiche, tra cui la sparizione di molte persone. Migliaia di greco-ciprioti furono arrestati e detenuti nei campi di concentramento di Cipro da soldati e paramilitari turchi. Oltre 2.000 prigionieri di guerra furono trasferiti illegalmente e detenuti in Turchia, alcuni dei quali risultano ancora dispersi. Molti greco-ciprioti, sia militari che civili, scomparvero nelle aree occupate, con testimonianze che indicano che furono visti vivi per l'ultima volta nelle mani delle forze turche.

L'invasione turca di Cipro rappresenta una delle più gravi violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani del XX secolo. Cinquant'anni dopo, le ferite aperte dall'occupazione rimangono, con un'isola ancora divisa e una comunità internazionale che continua a cercare soluzioni per una pace duratura e giusta.

La soluzione del problema cipriota viene perseguita attraverso colloqui di pace sotto l'egida delle Nazioni Unite, nel quadro della missione di buoni uffici del Segretario Generale delle Nazioni Unite. Questi colloqui mirano a raggiungere una soluzione globale e praticabile, in conformità con la Carta e le pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite.

L'obiettivo è evolvere lo Stato unitario in una federazione bicomunitaria e bizonale con una sovranità, una cittadinanza e una personalità internazionale, garantendo uguaglianza politica, come definito nelle risoluzioni pertinenti delle Nazioni Unite. È essenziale che la soluzione includa il ritiro completo di tutte le truppe straniere, l'abolizione dell'anacronistico sistema di garanzie, il ritiro dei coloni e la garanzia dei diritti umani e delle libertà fondamentali per tutti i ciprioti.

Inoltre, la soluzione deve garantire l'unità dello Stato, delle istituzioni, della società e dell'economia, essere coerente con i valori europei e rispettare pienamente i principi su cui si fonda l'Unione Europea. Solo attraverso queste misure si potrà creare una base solida per una pace duratura e per il rispetto dei diritti di tutti i cittadini dell'isola.

La visione Greco Cipriota :  è una Cipro libera e riunificata, una patria comune per greco-ciprioti, turco-ciprioti, armeni, maroniti e latini, che possa rappresentare un modello di coesistenza pacifica e prosperità per tutti i suoi cittadini. Vogliamo che Cipro diventi un pilastro di stabilità, pace e sicurezza nel Mediterraneo orientale, un esempio positivo di come diverse comunità possano vivere insieme in armonia e progresso.

 

Fonte varie agenzie 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI