Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 17 Gennaio 2019

Open Day al Nautico

Gen 16, 2019 Hits:153 Crotone

Sanremo: i premi di Miche…

Gen 14, 2019 Hits:740 Crotone

La Beethoven tra Santa Se…

Gen 08, 2019 Hits:991 Crotone

La befana fa visita al Re…

Gen 08, 2019 Hits:979 Crotone

Una originale lettura di …

Gen 07, 2019 Hits:999 Crotone

Maria Taglioni dance proj…

Gen 04, 2019 Hits:1273 Crotone

Rotary club Crotone e coo…

Dic 21, 2018 Hits:1397 Crotone

Concerto per Telethon del…

Dic 18, 2018 Hits:1711 Crotone

La Beethoven tra Santa Severina e Corigliano

Due stupendi concerti, con un programma quanto mai bello e accattivante sono stati programmati dalla Società Beethoven di Crotone nell’ambito della stagione concertistica “l’Hera della Magna Grecia”  annualità 2018.

Il primo il 28 Dicembre nella chiesa Cattedrale di Santa Severina e il secondo il 29 nella Sala degli Specchi del castello ducale di Corigliano. L’orchestra “O.Stillo” e la giovane pianista Teresa Campana hanno presentato un programma dedicato a W.A.Mozart “Divertimento in Fa Magg. op. 138” e il concerto per pianoforte e orchestraKV 488 la Magg.” con l’inevitabile selezioni di canti natalizi.

Un concerto veramente molto accattivante, impreziosito da una acustica molto bella sia a S. Severina che a Corigliano, dove le sonorità espresse sia dall’orchestra, sia dalla pianista hanno trovato un giusto equilibrio per evidenziare la bellezza sonora delle melodie Mozartiane.

Eleganti libertà di articolazione tecnica, intelligente acutezza e modernità di fraseggio, senso modale della forma, attraverso una disciplina agogica che rivela un perfetto controllo della tastiera e dell’impasto orchestrale, sono state le caratteristiche peculiari del concerto.

Una sintesi di equilibrio sonoro, capace di evidenziare ogni piccolo elemento fraseologico dove l’esecuzione sia della pianista sia dell’orchestra, non rimaneva pura esibizione tecnica esecutiva bensì un vulcanico contagio di musica viva.

Uno splendido adagio il 2 tempo del Concerto K 488 dove il ragionamento musicale è sempre intenso, la retorica poetica sotto controllo e la proiezione espressiva sul futuro assecondata da colori giusti.

Un concerto all’insegna della virtuosità, del gusto e della grande espressività.

Naturalmente bis a ripetizioni e un arrivederci al prossimo anno con appuntamenti musicali artistici sempre più importanti.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI