Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 25 Gennaio 2020

Presentato anche quest’anno ad Hamm, in Germania, il progetto I love Calabria. L’associazione Amici del tedesco ha partecipato alla ventesima edizione della festa "La Fete" organizzata dal Martin-Luther-Viertel Verein ed ha invitato i cittadini tedeschi a scegliere la costa ionica come meta per le vacanze. Attraverso uno stand si sono proposti anche prodotti tipici locali. Punto forte dell’evento, che si è svolto durante tutta la giornata di sabato 31 agosto, l’esibizione del gruppo crotonese “Skrokko’n’roll”. Il complesso musicale formato da Paolo Sestito, Antonio Calabretta e Alessandro Calabretta ha letteralmente incantato il pubblico tedesco attraverso l’esecuzione di brani di musica italiana e di Rock and Roll. Valanga di applausi e anche di cori del pubblico. Gli abitanti della città di Hamm hanno apprezzato molto la presenza del gruppo musicale crotonese e dell’associazione Amici del tedesco che si propone di far incrementare gli scambi tra la città di Pitagora ed i paesi di lingua tedesca. Werner Reumke, presidente dell’associazione Martin-Luther-Viertel Verein che ha organizzato l’evento, ha calorosamente ringraziato la delegazione crotonese. Presente anche il sindaco di Hamm Thomas Hunstegger Petermann. Il sindaco ha ricevuto in dono un cesto con prodotti tipici dell’azienda crotonese Only Good Italy. Il primo cittadino di Hamm ha evidenziato che Crotone è una bella città. “Ci sono stato- ha detto- lo scorso maggio e ho apprezzato il calore con cui sono stato accolto”. All’evento ha partecipato anche don Giuseppe Noce, il sacerdote ha portato i saluti dell’arcivescovo di Crotone, mons. Domenico Graziani ed ha parlato del progetto Policoro e del centro turistico giovanile, sostenuto dalla Chiesa Italiana. La manifestazione La Fete è una festa italo francese che si tiene ormai da 20 anni ad Hamm. All’evento hanno partecipato anche gli amministratori della cittadina francese Toul con cui Hamm è gemellata. Durante la permanenza ad Hamm la delegazione crotonese ha incontrato varie realtà, la sera di sabato 30 agosto per puro caso il gruppo dei Skrokko’n’Roll è stato invitato a cantare alcune canzoni presso il rinomato ristorante “Torino” gestito da una famiglia di Cropani. Anche in questa occasione il pubblico si è lasciato coinvolgere. Applausi, balli e ringraziamenti in italiano e in tedesco hanno fatto da contorno all’esibizione della band crotonese.

Il progetto I love Calabria, finanziato da Fondazione con il Sud e Fondazione Vismara, si propone di far conoscere il territorio della costa ionica e di favorire l’incoming di turisti attraverso l’utilizzo dei beni confiscati.

“Ti preghiamo affinché le nostre vite trasformate diventino come gioielli viventi nella tua corona di elevazione e gloria”. E’ questo il passaggio più importante letto durante la preghiera per l’incoronazione dell’Effige della Madonna di Czestochowa venerata negli Stati Uniti, avvenuta lo scorso 25 di agosto nel corso di una solenne cerimonia presieduta dall'Arcivescovo di Philadelphia Charles Chaput. A tenere l’omelia, invece, è stato Thomas Wenski, Arcivescovo di Miami, di origini polacche. La funzione è avvenuta, alla presenza di migliaia di fedeli, nel Santuario American Czestochowa di Doylestown, luogo di grande devozione per la comunità polacca presente negli Stati Uniti e visitato negli anni da milioni di pellegrini, tra questi anche i presidenti degli Stati Uniti Lyndon B. Johnson e Ronald Regan e Karol Wojtyła, che durante il suo pontificato ha benedetto l’Icona della Vergine, giunta dalla Polonia negli States. A realizzare i Diademi è stato il maestro orafo Michele Affidato, che dopo il prestigioso incarico conferito dai Padri Paolini di Czestochowa al maestro per la realizzazione dei nuovi diademi per la Vergine polacca del Santuario di Jasna Gora, in occasione del 300° anniversario della sua prima incoronazione, ha ricevuto dai Padri Paolini d’America del Santuario American Czestochowa di Doylestown, l’incarico di realizzare anche i nuovi diademi per l’Effige della Madonna che si trova in  Pensilvania. Diademi che, nello scorso mese di luglio, sono state benedetti in Vaticano da Papa Francesco, alla presenza del “Provinciale D’America” Padre  Fr. Tadeusz Lizinczyk, accompagnato da una rappresentanza di Padri Paolini. Un’opera particolarmente importante per la comunità cattolica polacca presente negli Stati Uniti. “Questa corona - spiegano i Padri Paolini - è un simbolo del nostro amore e gratitudine per Maria, che ha fatto così tanto per noi e continua a farlo. Da questo momento la nostra Regina - ma da sempre nostra Madre - che non ci lascerà mai e alla quale desideriamo rimanere fedeli per sempre”. I diademi sono stati realizzati interamente a mano, con pietre preziose simili a quelle utilizzate per la Madonna di Czestochowa in Polonia. A rappresentare il gruppo Michele Affidato negli Stati Uniti c’era Antonio Affidato, che ha collaborato insieme allo staff del maestro alla realizzazione dei Diademi, che sono stati accuratamente sistemati sul capo della Vergine. “E’ un lavoro che parte da lontano - spiega il maestro Michele Affidato - il rapporto che si è venuto a creare con i Padri Paolini nel corso degli anni è qualcosa di speciale davvero. Un rapporto grazie al quale è nato anche il gemellaggio tra i Santuari di Jasna Gora e Capocolonna, due Madonne nere unite per sempre e che, dopo la posa dell’icona della Madonna di Czestochowa nella Basilica Cattedrale di Crotone donata dai Padri Paolini di Czestochowa e consegnata per mano dell’Arcivescovo Waclaw Depo come segno di unione tra i due popoli, si rafforzerà ancora di più il prossimo anno con la consegna di un’icona della Madonna di Capocolonna al Santuario di Jasna Gora e che resterà per sempre  a suggello del gemellaggio tra due popoli uniti nel nome di Maria”.

 

Si conclude con la serata finale del Magna Graecia Film festival un’estate all’insegna del grande cinema per il maestro Michele Affidato. L’orafo, infatti, ha realizzato i premi per tre delle manifestazioni più attese nel mondo del grande schermo: il Taormina Film Fest, Le Giornate del Cinema Lucano e appunto il Magna Graecia Film Festival. Quest’ultima kermesse, giunta ormai alla XVI edizione, si è conclusa nei giorni scorsi in una serata durante la quale è stata assegnata la famosa Colonna D’Oro realizzata da Affidato ai protagonisti. A trionfare è stato il film "In viaggio con Adele”, Miglior attore Alessandro Haber sempre per "In viaggio con Adele", Migliore attrice Chiara Martegiani per "Ride". La Migliore regia, invece, è stata giudicata quella firmata da Simone Catania per "Drive me home", mentre a Valerio Mastrandrea la Migliore sceneggiatura per "Ride". Premio del pubblico a "Domani è un altro giorno" del regista Simone Spada. A decidere i premiati è stata la giuria presieduta da Alessandro Genovesi e composta da Chiara Francini, Dino Abbrescia, Claudia Potenza, Dario Bandiera e Nicolas Vaporidis. Sono stati davvero tanti gli ospiti internazionali presenti alla Magna Graecia Film Festival, anche quest’anno diretto artisticamente da Gianvito Casadonte. Tra questi l’attore statunitense Christopher Lambert, interprete di cult “Highlander” al quale è stata assegnata la Colonna d’oro realizzata da Affidato. Durante la settimana si sono alternate sul red carpet diverse star italiane del cinema, come Isabella Ferrari, Valerio Mastandrea, Vinicio Marchioni, Nicolas Vaporidis, Marco Leonardi, Milena Vukotic, Francesco Pannofino, Cristina Donadio, Herbert Ballerina, Giulia Penna. Nella serata finale, inoltre, al regista Pupi Avati è stata assegnata una Colonna d’Oro alla carriera. Riscontri positivi anche per “il Magna Graecia Book Festival”, rassegna letteraria diretta dallo scrittore, giornalista e critico letterario Andrea Di Consoli, responsabile tra le altre cose delle Teche Rai. Sempre nel corso della serata conclusiva, allietata dalle esibizioni musicali dei Selton, Teresa De Sio, Giulia Penna, Alma Manera e del Trio Appassionante, il maestro Michele Affidato è stato chiamato sul palco insieme ai premiati che hanno esibito con orgoglio le opere realizzati dal maestro. “Chiudiamo con il Magna Graecia Film Festival il periodo dedicato al mondo del cinema - commenta Affidato - anche se la nostra estate prosegue con altri impegni della stessa importanza. Negli ultimi due mesi le nostre opere hanno premiato, così come accade da un po’ di anni, star internazionali come Nicole Kidman, Richard Gere, Christopher Lambert e molti altri. Per noi si tratta di conferme per il lavoro che, ogni giorno, con amore e passione esercitiamo nel nostro laboratorio. Incarichi questi che ci danno quello stimolo a fare sempre meglio”. E adesso le opere di Michele Affidato saranno protagoniste del “Premio Letterario Caccuri”, una manifestazione alla quale il Maestro tiene particolarmente visto che si tratta di una vera e propria eccellenza culturale del suo territorio. Per l’occasione ha realizzato la “Torre d’Argento” simbolo della kermesse, che anche quest’anno vanta ospiti di grandissimo livello. 

Dalla Polonia agli Stati Uniti D’America, nel nome della Madonna di Czestochowa. Dopo il prestigioso incarico conferito dai Padri Paolini al maestro orafo Michele Affidato per la realizzazione dei nuovi diademi per la Vergine polacca, in occasione del 300° anniversario della sua prima incoronazione avvenuta con diademi donati da Papa Clemente XI e trafugati nel 1909, i Padri Paolini d’America del Santuario American Czestochowa di Doylestown in Pensilvania,  hanno incaricato l’orafo italiano di realizzare anche i nuovi diademi per l’Effige della Madonna che viene venerata negli Stati Uniti. I Diademi realizzati da Affidato interamente a mano con pietre preziose sono molto similari a quelli consegnati per la Madonna di Czestochowa in Polonia. Le opere prima di partire per l’America sono state presentate a  Papa Francesco in Vaticano che ha dato la sua benedizione alla presenza del “Provinciale D’America” Padre Lizinczyk Taddeo, accompagnato da una rappresentanza di Padri Paolini arrivati per l’occasione dalla Pensilvania. Opere che andranno ad impreziosire anche l’icona della Vergine di Czestochowa nel cuore degli Stati Uniti D’America, dov’è presente una folta comunità di polacchi. Sono diverse le opere realizzate da Michele Affidato e benedette da Papa Francesco, Pontefice per il quale ha realizzato anche lo Stemma Papale. L’Effige della Vergine Polacca “tanto cara a Giovanni Paolo II” è un punto di riferimento per i cattolici degli Stati Uniti D’America ed ha una storia molto particolare. Nel 1952 è stato Michael Zembrzuski, un Padre dell’Ordine dei Paolini, a portare negli Stati Uniti una copia fedele dell'icona della Madonna di Czestochowa (benedetta da Papa Giovanni XXIII), nella speranza di poter realizzare un Santuario americano simile a quello presente in Polonia. L’incoronazione con i nuovi diademi avverrà nel prossimo mese di agosto in Pensilvania in un evento molto atteso dalla comunità cattolica presente negli Stati Uniti, luogo che i Padri Paolini D’America definiscono “Non un semplice Santuario o il monastero dei Padri Paolini, ma soprattutto un luogo in cui l'uomo incontra Dio, trova la guarigione, il perdono, la misericordia e la forza attraverso le sue grazie”. Afferma invece il maestro Michele Affidato: “Vivo questi momenti con grande emozione, dopo aver firmato una pagina di storia per il popolo polacco, sono davvero soddisfatto, insieme ai miei collaboratori, di aver ricevuto anche l’incarico per la realizzazione dei nuovi diademi per il Santuario American Czestochowa, che saranno posti sul Capo della Vergine Polacca il prossimo mese di agosto. Un altro momento storico legato alla nostra arte che andrà ad impreziosire l’Effige della Madonna venerata negli Stati Uniti”.

«La biblioteca è un organismo in crescita» così sosteneva il famoso bibliotecario indiano Shiyali Ramamrita Ranghanatan. Un’affermazione che la biblioteca Pier Giorgio Frassati della Fondazione D’Ettoris ha considerato prioritaria sin dalla sua nascita (13 maggio, 2003), attivando un rinnovamento librario annuale grazie soprattutto ai propri sforzi economici e all’aiuto di alcune grandi case editrici italiane. Partendo da un patrimonio privato di settemila libri, la biblioteca vanta oggi, oltre quarantamila documenti delle più svariate discipline. Anche per l’anno 2019, la Frassati continua l’opera di riqualificazione del suo patrimonio, acquistando un totale di 512 libri e 27 film in dvd. L’ultimo consistente aggiornamento è stato possibile grazie ai fondi elargiti dalla Regione Calabria in seguito alla partecipazione all’Avviso Pubblico per "Interventi finalizzati a sostenere il funzionamento delle biblioteche e degli archivi storici calabresi", grazie al quale la Fondazione ha proposto il “Catalogaboratorio”, un laboratorio didattico di catalogazione, completamente gratuito, per i ragazzi degli istituti superiori di Crotone. In gran parte il materiale acquistato è stato scelto dai ragazzi partecipanti all’iniziativa e visionato dalla Fondazione. La crescita del patrimonio è avvenuta tenendo conto delle importanti regole di biblioteconomia. Considerando innanzitutto il proprio patrimonio librario, gli obiettivi della Fondazione D’Ettoris, quali incentivare le nuove generazioni all’amore per la lettura e stimolare la frequentazione delle biblioteche. Si è tenuto conto anche delle richieste dell’utenza e del patrimonio delle altre biblioteche del territorio, il tutto per offrire un maggiore e più efficiente servizio alla popolazione non solo locale. Il risultato è stato quello di un incremento di documenti di importanti autori delle diverse classi miranti a una crescita culturale ed educativa dei più giovani. Nella scelta degli acquisti è stata, inoltre, valutata l’importanza di testi adatti a sviluppare la capacità nei ragazzi di fantasticare perché come scriveva Michael Ende:«Quando un uomo perde la capacità di fantasticare, perde anche i suoi valori più profondi, che è invece importante tenere ben presenti nella realtà, per poter creare ed inventare. E se di quando in quando non facciamo un viaggio nella fantasia alla riscoperta dei nostri valori, essi andranno perduti».

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI