Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 05 Ottobre 2022

Migranti, l'Italia chiede di non essere lasciata sola

"L'Italia chiede di non essere lasciata sola". Di fronte all'ennesima tragedia del mare, un naufragio dai contorni ancora "nebulosi" che potrebbe arrivare a contare fino a 700 vittime, Matteo Renzi rivolge il suo appello alla comunità internazionale e innanzitutto l'Unione europea. Il premier italiano, in asse con il presidente francese Francois Hollande, chiede che si convochi in settimana un Consiglio Ue straordinario perché l'Ue rafforzi la sua azione contro gli "schiavisti del mare" e la smetta di considerare l'immigrazione un problema "di serie B".

La Commissione Ue, esprimendo "profonda frustrazione", sostiene la necessità di "un'azione decisa". Ma l'Italia, anche con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, un "impegno" dei partner europei lo invoca con urgenza. Ed è "accorato" l'appello di Papa Francesco alla comunità internazionale, perché simili tragedie che colpiscono persone che "cercavano la felicità" non si ripetano. Pero la verità a mio avviso è che l'Europa non ha alcuna voglia di risolvere un problema considerato tuttora italiano. Troppo misero il peso geopolitico dell'Italia perché qualcuno partecipi al problema. Al massimo sono disposti a dare qualche soldo in più e tanta solidarietà per mettersi a posto con la coscienza. Ma è una solidarietà rosso sangue. E mentre il premier Matteo Renzi parla a Palazzo Chigi al fianco del primo ministro maltese Muscat, nel Mediterraneo, all'altezza della Libia, vengono avvistati altri tre barconi, con a bordo centinaia di disperati. E si rischia l'ennesima strage. Per questo il premier ripete che il problema non è il soccorso in mare - che c'era anche sabato scorso ma non ha impedito al Mediterraneo di inghiottire 900 disperati - ma è quello di bloccare gli "schiavisti del XXI secolo" in partenza. Di dichiarargli guerra, appunto. "Prenderli deve essere una priorità per la comunità internazionale", assicura e annuncia "interventi mirati" per bloccarli da presentare al vertice straordinario di giovedì prossimo.Cosi sbarca la strage e siamo invasi di chiacchiere, non solo ipocrite, ma dannose. Perché a forza di chiacchiere il Mare Nostrum è diventato un cimitero.Ci sono voluti novecento morti per far dire a una certa Italia, all'Europa e al mondo: mio Dio, nel Mediterraneo c'è un problema. Settecento morti per aprire gli occhi. Settecento morti per capire che i viaggi della morte non sono un diritto dei migranti, ma una tragedia. Adesso se ne può parlare. Ora i professionisti della chiacchiera morale prendono in considerazione l'ipotesi che ci sono trafficanti di uomini che fanno affari sulla pelle dei disperati. Il governo ha spacciato come una risposta il nome sacro di Mare Nostrum. L'Europa chiamata in causa ha rinviato al mittente ogni responsabilità: non sono affari nostri. Al'Onu adesso si sono tutti seduti a un tavolo per parlarne. I ministri europei addirittura mettono in agenda un tavolo di lavoro dove si evocano lo sbarramento navale e la possibilità di affondare i barconi. La rottura in pratica di un tabù, peccato che l'impressione sia quella di chi parla e prende tempo per non sporcarsi le mani, per non assumersi responsabilità. L'Italia nel frattempo non regge più e la Morte Spa è un'azienda sempre più organizzata che lavora per finanziare il terrorismo islamico e comprarsi case da 13 milioni di euro.Intanto : Dal racconto dei sopravvissuti all'ecatombe avvenuta due giorni fa nel canale di Sicilia emergono sempre più dettagli su quanto accaduto. Lo scafista - raccontano i superstiti - forse nel tentativo di nascondersi avrebbe condotto il barcone contro una nave mercantile portoghese, la King Jacobs che era arrivata nelle vicinanze per prestare soccorso. Una versione confermata anche dai pm di Catania secondo i quali il naufragio sarebbe dovuto a due cause: lo spostamento dei migranti sull'imbarcazione, che era sovraffollata, e l'errata manovra dello scafista che l'ha portata a collidere con il mercantile King Jacobs. Secondo i pm "non è stato ancora possibile accertare il numero dei morti" nel naufragio in Libia, perché i superstiti riferiscono di cifre comprese tra i 400 e 950 passeggeri, ma "secondo alcuni sopravvissuti sentiti su nave Gregoretti e un report del mercantile portoghese si stima che a bordo del barcone ci fossero circa 850 migranti".Il primo contatto che ha fatto Renzi  è stato con Hollande, dopo la tragedia che assicura all'Italia un impegno forte rispetto a un problema che incontra resistenze tra alcuni colleghi europei. "L'Ue deve rafforzare il numero di navi nell'operazione Triton", dice Hollande ai Paesi più recalcitranti. E come Renzi sollecita un vertice Ue. "Al più presto, entro giovedì", chiede il premier italiano nei colloqui con i colleghi, da Angela Merkel a David Cameron. "E' inaccettabile" quanto successo, dichiara la responsabile della politica estera Ue, Federica Mogherini, che nel pomeriggio è a Palazzo Chigi. Il tema, annuncia, sarà discusso domani dai ministri degli Esteri Ue e in settimana anche dai ministri degli Interni. Il commissario all'immigrazione sarà in Italia giovedì, domani Renzi vedrà a Palazzo Chigi il premier maltese. Ma è una risposta unitaria dei capi di Stato e di governo dell'Ue che l'Italia chiede. L'immigrazione, afferma Mogherini, "per troppo tempo è stata lasciata solo ai Paesi del sud"."La morte di centinaia di profughi manifesta la totale insufficienza delle iniziative assunte fin qui dalla comunità internazionale", dichiara il presidente Mattarella, che invoca "un'iniziativa umanitaria straordinaria di Ue e Onu". "Il problema - spiega Renzi - non è il controllo del mare, perché la tragedia non è derivata da mancanza di soccorsi, ma distruggere i trafficanti di uomini, i nuovi schiavisti". Come? Non con un blocco navale, perché se fatto in acque internazionali sarebbe come un "servizio di taxi" agli scafisti. O con i respingimenti, che "sono impossibili" in Libia. E non è una soluzione neanche il ripristino di Mare nostrum, "operazione tampone". Perché, dice il premier, il problema va risolto "alla radice": "Siamo pronti a fare tutto ciò che è necessario perché non partano. L'idea di un coinvolgimento delle Nazioni Unite e delle istituzioni europee è sul tavolo. Ma il problema è risolvere il problema in Libia", un Paese in guerra e senza un governo stabile dal quale parte il 91% dei migranti. E' la Libia la priorità, ribadisce Renzi. E fonti di governo spiegano che l'Italia chiede all'Ue un impegno su due piani. Da un lato sulle regole di ingaggio contro gli scafisti per non lasciare a loro la gestione della disperazione dei migranti, "creando - spiega una fonte - dei canali sicuri".Dall'altro lato, con un intervento per la sicurezza politica in Libia. Renzi di Libia ha parlato venerdì anche con Barack Obama, con il quale assicura esserci "totale condivisione" sulla necessità di combattere innanzitutto "il traffico degli umani". In un giorno di "grande dolore", il premier batte anche sul tasto di una risposta sul piano politico e culturale, che si traduce nel considerare le vittime "esseri umani", cui l'Italia si impegna a restituire dignità, dopo l'ingente impegno nel soccorso, anche recuperando il relitto del barcone.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI