Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Dicembre 2021

Caltagirone - Fronte comune contro i disturbi specifici dell'apprendimento

A Caltagirone è fronte comune fra le istituzioni per promuovere risposte adeguate ai disturbi specifici dell’apprendimento. Annunciata, nel corso di un convegno in municipio, una serie di iniziative: “Un ciclo di seminari dal 21 novembre – ha detto la psicologa e direttrice del CeRi (Centro Risorsa) Rosalia Mistretta –; l’apertura, dal 5 dicembre, all’interno dell’Ipsia Dalla Chiesa, dello Sportello dislessia e l’avvio di un punto dimostrativo dei software Anastasis, strumenti compensativi di questa tipologia di disturbi”.

Il convegno ha fatto seguito al protocollo d'intesa sottoscritto fra il Comune, l’Ipsia e l'associazione ”ManSourcing”, con cui si è avviato il progetto “Ceri Centro risorsa”, finalizzato “a creare un spazio qualificato che dia una mano alle famiglie e agli istituti scolastici nell’affrontare al meglio i disturbi dell'apprendimento”. “Riteniamo si tratti di un'iniziativa assai utile – ha sottolineato l'assessore Massimo Favara -, capace di creare un punto di riferimento per famiglie e scuole su un fenomeno spesso sottovalutato”. Il sindaco Nicola Bonanno ha confermato “l'attenzione dell'Amministrazione alla scuola e a una sua azione sempre più efficace”. A snocciolare le cifre ci ha pensato il medico dell'unità operativa di neurospichiatria infantile di Caltagirone, Sergio Messina: “Oggi, nel nostro territorio, 4 bambini su 100 patiscono questi disturbi e un centinaio di studenti di scuole di ogni ordine e grado sono da noi seguiti”. L’altro medico dell'unità operativa di neurospichiatria infantile, Marianna Ragusa, si è soffermata sulle difficoltà per le famiglie e su come affrontarle al meglio, mentre il dirigente scolastico dell’Ipsia, Antonina Satariano, ha posto l’accento sulla tutela normativa apprestata a quanti soffrono di questi disturbi.

Emblematica la testimonianza di Elena Foddai, psicologa e dislessica: “E’ stata dura. Per me imparare una poesia era un’impresa. Ma, con grande sacrificio, sono riuscita a raggiungere i risultati prefissati, compresa la laurea e un dottorato di ricerca. Se io ce l’ho fatta, può riuscirci chiunque altro. Servono, però, tanta buona volontà e impegno. Non bisogna mollare mai”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI