Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 16 Gennaio 2021

BALAT a Catania, l’associazione ha presentato il suo modello per lo sviluppo e la tutela del patrimonio culturale etneo

Presentazione BALAT

Fare sistema per salvaguardare i beni culturali siciliani e al contempo rilanciare il lavoro di tecnici, ingegneri, architetti e costruttori dando nuove opportunità ai giovani: è l’obiettivo dichiarato di BALAT, associazione fondata a Palermo con spirito da mecenate dall’ing. Giuseppe G. Amaro, che questa mattina si è presentata alla città di Catania nel corso di un evento tenutosi nel cortile del Convitto Cutelli.

“Troppo spesso – ha spiegato l’ing. Amaro, palermitano di origine ma attivo a Torino - in assenza di una pianificazione strategica e per colpa di una burocrazia miope, restano inutilizzati i fondi comunitari destinati al recupero dei beni culturali”. BALAT (acronimo di Beni Artistici per un Lavoro Attivo sul Territorio) si propone come cerniera e motore di un processo sinergico tra amministrazioni, università, ordini professionali e associazioni di categoria, un formatreplicabile in grado di selezionare i progetti migliori e portarli a realizzazione grazie ai fondi UE.

Se a Palermo BALAT ha già donato al Comune il progetto per la riqualificazione del Teatro Politema, a Catania l’associazione chiama a concorso le forze positive della città affinché partecipino al recupero di eccellenze cittadine come il Convitto Cutelli, l’ex Collegio dei Gesuiti, il Teatro Greco. Mediante workshop si individueranno i progetti economicamente sostenibili, se ne svilupperà l’iter (dallo studio di fattibilità al progetto definitivo) e si ri-sottoporranno alla Regione per l’attivazione della gara.

“Il concetto è quello della democrazia urbana” ha detto l’arch.Luigi Longhitano, coordinatore di +Architetti+Idee, partner sostenitore di BALAT così come ANCE Sicilia, ANCE Catania e l’Ordine degli Ingegneri di Catania. “C’è la necessità di un investimento sui beni culturali in un momento di crisi”, ha confermato l’assessore comunale Orazio Licandro, ricordando alcune iniziative già in atto come il Distretto del Sud-Est. “In Sicilia abbiamo 40 comuni con siti UNESCO, si deve fare sistema” ha aggiunto.

Alla presentazione di BALAT sono intervenuti anche Giuseppe Sciuto e Carmelo Salanitro, rispettivamente rettore e commissario del Convitto Cutelli, e l’antiquario Emanuela Tortorici, presidente di BALAT.

Cortile Convitto Cutelli

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI