Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Settembre 2023

Incoronata la Vergine del…

Lug 31, 2023 Hits:1596 Crotone

Rimini, ottimi i risultat…

Lug 26, 2023 Hits:1689 Crotone

Book Baby Boom, personale…

Lug 13, 2023 Hits:2157 Crotone

Book Baby Boom: Leggere C…

Giu 30, 2023 Hits:2436 Crotone

Portfolio Cafè, esposta p…

Giu 30, 2023 Hits:2482 Crotone

Book Baby Boom: partita l…

Mag 04, 2023 Hits:3395 Crotone

Al via il progetto Book B…

Apr 22, 2023 Hits:3916 Crotone

Il "Ciliberto" …

Apr 22, 2023 Hits:3816 Crotone

Ucraina, Macron prende le distanze da Biden

La Casa Bianca è stata costretta a precisare che Biden «non stava parlando di un cambio di regime in Russia». Ora, che si sia o meno d'accordo con Biden, non è questo il punto: il punto è che le sue parole hanno allontanato la possibilità di porre fine al conflitto per via diplomatica. Macron l'ha subito compreso e ha preso le distanze dal Presidente americano: «Putin macellaio? Non lo chiamerei così», ha detto, aggiungendo che non si deve aumentare «una escalation né di parole né di azioni» per poi annunciare che oggi telefonerà a Putin per organizzare un'evacuazione di civili da Mariupol. L'attivismo di Macron non è casuale e non sarebbe neppure corretto ricondurlo solo ad esigenze di campagna elettorale  

E mentre il sangue scorre nel cuore dell'Europa, le sorti della guerra continuano ad essere affidate alla Russia, alla Cina, agli Stati Uniti, senza che i leader europei si accorgano che il conflitto è dentro casa nostra e proprio per questo, il ruolo di protagonista nelle trattative dovrebbe essere nostro e non di Paesi stranieri. Un'unica voce si è levata con orgoglioso dissenso ed è stata quella di Emmanuel Macron. Il Presidente francese è stato fin da subito attivo nel tentare una mediazione fra Ucraina e Russia e ieri ha definitivamente rotto ogni indugio. La goccia che ha fatto traboccare il vaso sono state le parole del Presidente Biden, che si è lasciato andare a pericolose dichiarazioni: «Putin è un macellaio», ha detto, «quest'uomo non puó restare al potere».  

Il dolore dei profughi che scappano. No, non ci laveremo le coscienze limitandosi a inviare armi e a condannare il regime di Putin. Non basta l'accoglienza di chi fugge. Quello che il popolo ucraino vuole, è porre fine alla guerra, mantenendo però la loro sovranità. Non una resa, ma un accordo. È compito dell'Europa trovare una mediazione che porti alla pace. Se non lo farà, ne risponderà davanti alla storia.

Toni Capuozzo, storico inviato di guerra, ha descritto a "Zona Bianca", il programma di approfondimento politico di Rete 4, il lato “intimo” l'invasione dell’Ucraina da parte della Russia, potremmo dire l’aspetto umano nel senso stretto del termine. Capuozzo ha spiegato come sottolinea il giornale il Tempo: “Sono guerre destinate a scavare fossati più profondi di quelli scavati dalle bombe. Quando parli con gli ucraini oggi, ti parlano della carestia mortale cui li condannò di fatto Stalin come di una cosa successa pochi anni fa. Sono storie che non si dimenticano restano come cicatrici e sono pronte ad affiorare di nuovo”.

Ed è proprio ciò che si teme anche dopo il cessate il fuoco scrive il tempo : risentimento, rabbia e fuoco che arde sotto la cenere per decenni, pronto a esplodere in qualsiasi momento. “Questo vale per gli uni e per gli altri, noi parliamo giustamente dello strazio dei bambini uccisi, però non è che nel Donbass in questi otto anni non siano morti dei bambini, ci sono stati 14.000 vittime, sono guerre sporche, somigliano a guerre civili anche se le combattono gli eserciti e non lasciano spazio al perdono, non porgi l’altra guancia, la memoria diventa una condanna a ripetere” è stata l’amara conclusione del giornalista. Il presente e il futuro dell’Europa appaiono sempre più instabili.

Da un lato, il Presidente francese è conscio del fatto che una rapida risoluzione diplomatica del conflitto è nell'interesse europeo, ma non in quello americano. Dall'altro, la tradizione francese, di forte attaccamento alla propria sovranità, si è trasformata, con il turno di presidenza del Consiglio europeo, in un tentativo di rivendicare la sovranità europea.

Da ultimo, non c'è da escludere che le sue posizioni, filo ucraine ma dialoganti con la Russia, potrebbero favorire le aziende francesi che operano in Russia, a discapito, come abbiamo visto in Libia, di quelle italiane. In fondo però, il messaggio di Macron è anche e soprattutto un messaggio culturale, che evoca un'Europa indipendente, filoatlantica ma identitaria. Un'Europa che, se fosse stata presente a se stessa, federale, unita, avrebbe potuto prevenire questo ennesimo conflitto e anche evitare quanto è accaduto in Afghanistan.

Come ha ricordato in un'intervista a Repubblica ieri Michael Ignatieff, sottolinea il giornale il Tempo saggista ed ex rettore dell'Università di Budapest, cacciato da Orban, abbiamo commesso errori fin da quando ai tempi di Eltsin abbiamo favorito le liberalizzazioni, senza prima accompagnare la Russia verso la democrazia liberale. E ancora, non abbiamo visto i segnali che erano stati lanciati fin dal 2007, quando Putin mise in discussione l'ordine mondiale post caduta del muro di Berlino e, poi, con l'Invasione della Crimea e del Donbass.

Si aggiunga poi che abbiamo lasciato che il disimpegno americano si trasformassi in una tragedia per il popolo afghano. In questo momento, le lacrime delle giovani donne di Kabul, a cui i Talebani impediscono di andare a scuola, sono lacrime che pesano sulle nostre coscienze. Così come il sangue degli uomini e delle donne di Kiev.

Fonte il Tempo

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI