Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:608 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:180 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:471 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:504 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:721 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1118 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1110 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1483 Crotone

Sottoscritto il Progetto integrato per Palermo Educativa "Tutta la città educa"

Durante l'incontro di restituzione delle proposte, riflessioni, idee e desideri raccolti, hanno preso parte il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il Garante Nazionale per l'Infanzia e l'Adolescenza Vincenzo Spadafora, le assessore comunali alla Scuola e alla Cittadinanza sociale, Barbara Evola e Agnese Ciulla, il garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Pasquale D’Andrea, i rappresentanti dell’Università di Palermo e dell’Ufficio Scolastico Regionale, del Centro per la Giustizia Minorile, della Questura e della Prefettura, il presidente del CeSVoP, la presidente dell’APPI, le rappresentanze degli enti e delle istituzioni coinvolte e le oltre 200 organizzazioni che hanno aderito al Patto.
"Il festival della città educativa ci ha consentito di rafforzare la rete fra tutte le istituzioni, ed anche fra il mondo profit e no profit che da anni opera a Palermo - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - e attraverso la costruzione di un dialogo, momenti di confronto e una raccolta dei bisogni e dei desideri della cittadinanza è stato elaborato un modello partecipato il cui intento è quello di mettere a sistema le forze che operano in questa città, per cercare di condividere obiettivi e percorsi educativi ad ampio raggio, e soprattutto per costruire quella comunità che ancora oggi a Palermo manca e che conferma tutta la sua attenzione sulla centralità di bambini e bambine, cittadini e cittadine di oggi e di domani".
"Attraverso questo modello di città educativa - ha detto l'assessore alla Scuola Barbara Evola - si vuole scardinare una mentalità che si è radicata nel tempo e che, finora, non ha aiutato a costruire il senso di comunità e di collaborazione tra tutte le parti di cui abbiamo fortemente bisogno. Ora stiamo ripartendo dalla condivisione di un progetto educativo e dalla messa in rete di tutte le istituzioni, intanto, per ricostruire la realtà scolastica, ma in senso più ampio, per definire una comunità che sia il risultato del dialogo democratico e partecipativo tra diversi soggetti operanti nella società civile cittadina. E per far questo, si è invertito il modo di operare consueto, si è partiti dall'ascolto della città, dai punti di fragilità per andare ad individuare i punti di forza, gli obiettivi comuni  e mettere, infine, tutto a sistema".
"Il Festival della Città educativa ha voluto riporre al centro della programmazione della città l'infanzia e l'adolescenza secondo un modello di Palermo come città che educa - ha dichiarato l'assessore alla Cittadinanza sociale Agnese Ciulla. Il progetto presentato deve diventare uno strumento per concordare e mettere a punto procedure e modalità di collaborazione tra le istituzioni di questa città, anche se diverse tra loro per competenze e specificità, al fine di riuscire, poi, ad operare efficacemente sul territorio. E, d'altro canto, può servire per mettere in moto tutte quelle risorse che derivano dalla programmazione comunitaria 2014-2020 ottimizzandole al fine di utilizzare i fondi nell'interesse esclusivo di cittadini e cittadine, grandi e piccoli".
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI