Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 30 Maggio 2024

Il PD sulla sanità calabrese

Non serviva certo la visita dei deputati cinque stelle, per avere contezza delle criticità del sistema sanitario locale e nello specifico dell’ospedale di Crotone. Per quanto nelle loro prerogative, la visita di ieri ci è sembrata una critica più rivolta a raccogliere un immediato risultato mediatico che un confronto su come poter costruire insieme agli attori istituzionali una proposta seria sulla tutela della salute nel territorio crotonese. L’elencazione delle inefficienze e dei disservizi – ampiamente conosciuta e dibattuta - è del tutto priva di proposte concrete e a nostro avviso tiene in poco conto che in Calabria e non solo a Crotone, il problema alla base di tutto il ragionamento si chiama piano di rientro.  La situazione in cui versa la sanità crotonese è drammatica, solo parzialmente afferisce alla carenza strutturale, essa è in larga parte legata alla mancanza di risorse economiche che non consente di sbloccare il turn over e le assunzioni a concorso e costringe il personale medico e infermieristico a turni pesantissimi e a lavorare con strumentazioni spesso inefficienti e datate, con un inevitabile peggioramento dei servizi erogati. È nota a tutti la questione afferente al laboratorio analisi, ed in tal senso abbiamo accolto favorevolmente già subito dopo la sua nomina, le dichiarazioni del neo commissario Arena, nelle quali si è data priorità assoluta alla ristrutturazione e alla riorganizzazione dei locali e del personale (insufficiente ad oggi a coprire le richieste sia provenienti dal pronto soccorso che dai reparti). Sarebbe stata più utile un’interlocuzione dei deputati penta stellati con le istituzioni locali su come frenare i tagli ai posti letto oltre che in oncologia, in tutti i reparti del nosocomio ospedaliero. Su questo tema, riteniamo che vada “consegnata” al Commissario regionale Scura, una proposta nuova che nell’ incertezza di salvare i posti letto in ospedale, dia maggiore spazio all’assistenza domiciliare dei malati oncologici (che come tutti gli altri, preferirebbero essere curati in un ambiente domestico e familiare e non asettico come quello di un ospedale). Un’assistenza oggi largamente diffusa in altre regioni in grado di supportare anche le famiglie la cui vita è inesorabilmente e traumaticamente modificata dalla malattia di un proprio familiare. A Parentela e Nesci avremmo voluto chiedere, nella loro veste di parlamentari, un aiuto fattivo per velocizzare l’iter di l’attivazione dell’emodinamica e non solo una sottolineatura del ritardo e dell’assenza. Come è facile intendere la sanità crotonese ha tante e tali questioni aperte che vi è solo l’imbarazzo della scelta. È necessario quindi rafforzare la fase della proposta istituzionale già nell’immediato attraverso la conferenza dei Sindaci sulla sanità convocata per i prossimi giorni che dovrà servire ad imprimere una velocità maggiore alle azioni messe in essere dal Commissario Arena e garantire quell’indispensabile sostegno di cui lo stesso ha bisogno e che in tempi altrettanto brevi il partito promuova una conferenza programmatica sulla sanità nel territorio crotonese, momento indispensabile per consegnare ai cittadini una proposta seria e nuova sulla sanità che sia frutto di una riflessione largamente condivisa.

Michela Cortese

Enrico D’Ettoris

Alessandro Giancotti

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI