Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:608 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:180 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:471 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:504 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:721 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1118 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1110 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1483 Crotone

Dalle Zes la crescita del Mezzogiorno a “macchia di leopardo”

Le Zes, (leggi: Zone economiche speciali), a nostro modesto avviso, costituiscono la crescita del Mezzogiorno, a “macchia di leopardo”. Vediamo perché. In primis, diciamo che ogni decisione, relativa alla perimetrazione delle Zes è di competenza delle Regioni e che la fiscalità, di vantaggio, prevista dal Decreto Mezzogiorno, che nell’agosto 2017, ne ha deciso l’istituzione, viene applicata a tutte le aree perimetrate nelle Zes. Ancora, secondo il parere di economisti ed esperti del settore, ciò che importa, non sono le agevolazioni fiscali concesse con il Decreto Mezzogiorno, sotto forma del credito d’imposta, ma la semplificazione amministrativa per i nuovi insediamenti produttivi nel recinto delle Zes e la fiscalità di vantaggio locale. A questo punto, va detto senza mezzi termini, che semplificazione e fiscalità locale sono competenze esclusive delle amministrazioni locali e delle Regioni, le quali, per aiutare i nuovi insediamenti devono: 1) rinunciare a decidere sui nuovi insediamenti produttivi, trasferendo, ogni competenza  autorizzativa, ad un Comitato di indirizzo delle Zes(coordinato dal Presidente dell’Autorità di sistema portuale di riferimento), così, da permettere, il rilascio di una Autorizzazione unica, in tempi celeri; 2) deliberare, nei rispettivi organi elettivi o esecutivi, per garantire agli investitori, il taglio dei tributi locali. In conclusione, diciamo che se da un lato le Zes possono essere fondamentali per lo sviluppo del Sud, grazie ai suoi porti, dall’altro lato, per dovere di cronaca dobbiamo riportare, anche, che le Zone economiche speciali, in Puglia, stentano a partire, mentre le Regioni: Calabria e Campania hanno, già,  approvato  i loro Piani strategici di sviluppo e ottenuto i rispettivi decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, per l’istituzione delle Zes.

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI