Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 18 Settembre 2019

Martina Casaccio: un sogn…

Set 13, 2019 Hits:152 Crotone

Ad Hannam il progetto I l…

Set 04, 2019 Hits:366 Crotone

La Madonna di Czestokowa …

Ago 30, 2019 Hits:503 Crotone

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:675 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1541 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:1420 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:5165 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1811 Crotone

Si è ufficialmente concluso il programma della visita della Delegazione Ceca in provincia di Brindisi nell’ambito del più ampio progetto di partenariato denominato “Comenius Regio” e promosso Assessorato Provinciale Cultura, Pubblica Istruzione, Università, Beni Culturali, Musei, Biblioteche e Teatri. Il vasto programma si è articolato, dal 10 al 17 settembre, alternando incontri formativi con gli istituti scolastici partner e visite guidate alla scoperta dei luoghi artistico-culturali del territorio brindisino. La delegazione, facente parte del Comparing Secondary School Education e del Llp Centres in the Czech Republic and Italy, composta da 6 docenti, 4 rappresentati politici e 2 dirigenti scolastici, ha avuto modo di lavorare in sinergia con il liceo classico “Lilla” di Francavilla Fontana – Oria e l’istituto tecnico agrario “Pantanelli” di Ostuni.

Obiettivo del progetto: dare vita e contribuire allo sviluppo di una Comunità con un’economia sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, oltre a sviluppare la conoscenza e la comprensione delle diversità culturali e linguistiche europee e aiutare i giovani ad acquisire le competenze di base necessarie per la vita e per lo sviluppo personale della cittadinanza europea attiva.

“E’ stata un’esperienza molto proficua che ci ha dato la possibilità di lavorare insieme ai colleghi partecipanti al programma su temi di comune interesse nell’ambito della normale attività scolastica, incrementando la dimensione europea dell’istruzione e promovendo la cooperazione transnazionale tra istituti scolastici in Europa” ha dichiarato Isabella Lettori - Assessore Provinciale Cultura, Pubblica Istruzione, Università, Beni Culturali, Musei, Biblioteche e Teatri.

“E’ un programma biennale al quale ha aderito un liceo di Pardubice e un istituto agrario di Chrudim - Repubblica Ceca, e prevede quattro visite. La prima è stata quella della nostra delegazione nel loro paese e questa volta è toccato a loro venire a trovarci. Non abbiamo avuto modo solo di confrontarci sull’offerta formativa, ma anche di presentare le bellezze del territorio. Di mattina si è intensamente lavorato e nel pomeriggio abbiamo mostrato loro la città di Ostuni con la sua Marina, la sede della nostra Provincia, il museo Ribezzi, San Pietro degli Schiavoni, San Giovanni al Sepolcro, Palazzo Nervegna, il Castello Alfonsino, la città di Oria, ma anche Lecce e Otranto. Sono stati molto colpiti dalle qualità di questi luoghi e soprattutto dal mare che non hanno la fortuna di vivere quotidianamente come noi. Partendo si sono dichiarati impazienti di averci nuovamente nel loro paese il prossimo anno”, ha concluso l’assessore.

 

Nonostante il quadro di crisi globale, dal punto di vista economico, che l’intera Europa sta vivendo, e che ha profondamente colpito l’Italia, l’attività portuale di Brindisi può vantarsi di registrare dati positivi sia sul fronte del traffico passeggeri che sul fronte del traffico merci.

A fronte di un calo traffico passeggeri sulla rotta per la Grecia (l’incremento relativo ai camion e trailer greci è però di un + 9,36), si registra un incremento da e per l’Albania che si attesta addirittura ad un + 8,27%, con una movimentazione di bus del + 35,60%.

Vantano poi segno positivo gli incrementi del traffico portuale brindisino di tutte le tipologie di merci relativamente ai mesi di luglio e agosto. Alcuni esempi: gas liquefatti (+ 26, %); altri gas liquidi (+ 375,84 %); propano (99,04 %); mais (+ 100 % perché prima non era presente) minerali grezzi, cementi e calci (+ 22,06 %); ceneri (+ 5,53 %) e gesso (+ 66,42 %);butadiene (181,66 %); esene (+ 49,90 %); miscela C4 (+ 331,49 %); prodotti chimici (+ 19,37 %); rinfuse solide (+ 21 %); derrate alimentari (+ 14,61 %); zucchero (+ 26,67 %); carbone (+ 28,52 %); minerali grezzi, cementi e calci (+ 4,74 %); ceneri (+ 66,94 %).

Tutti questi dati nel dettaglio sono stati illustrati questo pomeriggio nel corso di una conferenza stampa con il Commissario Straordinario, l’Ammiraglio Ferdinando Lolli.

“Ho assunto questo incarico - ha dichiarato l’Ammiraglio Lolli - con il massimo impegno e intendo mettere a disposizione di questo porto tutta la mia esperienza progettando interventi mirati a potenziare un’attività fondamentale per l’intera città. L’obiettivo è quello di dare sempre maggiore impulso al traffico crocieristico, intervenire su infrastrutture con la riqualificazione della banchina di Sant’Apollinare per Milo e canale Pigonati, l’apertura del varco ex deposito Pol Marina per la realizzazione di un circuito doganale su Costa Morena, e ancora informatizzare il controllo computerizzato di check-in, con un sistema che già da mesi stiamo testando con l’aiuto di una delle nostre compagnia di bandiera, la Grimaldi, e cercare nuovi mercati per incrementare i traffici”. L’ammiraglio ha poi proseguito facendo appello alla collaborazione di tutti, stampa inclusa. “Questo palazzo sarà aperto a tutti e sarà gestito nel massimo della trasparenza. Quello che mi aspetto è la collaborazione di istituzioni, enti e il sostegno dell’opinione pubblica. Inoltre, sarà tenuto in considerazione il proficuo lavoro degli operatori portuali, per far sì che si lavori tutti insieme affinché questo porto diventi d’eccellenza”.

La Provincia di Brindisi ha presentato ufficialmente questa mattina il progetto di partenariato denominato “Comenius Regio” e promosso dall’Assessorato Provinciale alla Cultura, Pubblica Istruzione, Università, Beni Culturali, Musei, Biblioteche e Teatri. Proprio nell’ambito di tale progetto si inserisce la visita di una delegazione Ceca, in corso già dal 10 settembre e che si concluderà lunedì 17. L’obiettivo del progetto è quello di dare vita e contribuire allo sviluppo di una Comunità con un’economia sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, oltre a sviluppare la conoscenza e la comprensione delle diversità culturali e linguistiche europee e aiutare i giovani ad acquisire le competenze di base necessarie per la vita e per lo sviluppo personale della cittadinanza europea attiva.

“Rientrano nelle attività i partenariati Comenius Regio che offrono alle autorità regionali e locali (Province e Comuni) in ambito educativo, agli istituti scolastici, ai docenti e agli alunni, la possibilità di lavorare insieme ai colleghi e ai coetanei degli altri Paesi d’Europa partecipanti al programma su uno o più temi di comune interesse nell’ambito della normale attività scolastica, incrementando la dimensione europea dell’istruzione e promovendo la cooperazione transnazionale tra istituti scolastici in Europa” ha dichiarato l’assessore provinciale Isabella Lettori.

“E’ un partenariato che vede coinvolte le Istituzioni e gli organismi scolastici. La Provincia di Brindisi ha aderito a questo progetto comunitario voluto dal Parlamento europeo denominato “Lifelong learning programme” che riunisce al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell’ambito dell’istruzione e della formazione, dal 2007 al 2013. A questo programma, che si articolerà in un biennio, hanno aderito con noi un liceo di Pardubice e un istituto agrario di Chrudim - Repubblica Ceca”, ha spiegato l’assessore Lettori. Le istituzioni facenti parte del partenariato “Comenius Regio” sono quattro appartenenti alla Repubblica Ceca e quattro italiane, tra quest’ultime c’è in particolare la Provincia di Brindisi. “Abbiamo cercato come partner gli istituti della nostra provincia che fossero similari ai loro – dice in conslusione Isabella Lettori - , ovvero il liceo classico “Lilla” di Francavilla Fontana – Oria e l’istituto tecnico agrario “Pantanelli” di Ostuni. E stiamo già riscontrando ottimi risultati a tre giorni dall’avvio del programma”.

Più dettagliatamente il progetto prevede 4 mobilità, nell’ambito delle quali, una delegazione italiana composta da 12 rappresentanti dei 4 partner, si recherà due volte nella Repubblica Ceca, alternandosi con la delegazione ceca che farà altrettanto in Italia; verranno, inoltre, realizzati poster, spot video, conferenze e seminari volti a dare visibilità all’iniziativa, alle esperienze fatte e ai risultati conseguiti; infine verrà elaborata la documentazione attinente allo scambio delle buone prassi. La delegazione facente parte del Comparing Secondary School Education e del Llp Centres in the Czech Republic and Italy, composta da 6 docenti, 4 rappresentati delle istituzioni politiche ceche e i 2 dirigenti scolastici degli istituti partner, ha successivamente fatto visita alla sala consiliare della Provincia di Brindisi, prima di tornare alle attività didattiche del programma settimanale.

Questa mattina si è riunito l’ufficio di Presidenza dell’Upi nazionale per approfondire e valutare le richieste di tutte le Province italiane in merito alla riorganizzazione e all’accorpamento delle Province stesse.

Il Presidente Ferrarese è stato delegato, con il direttore generale dell’Upi dott.Antonicelli, ad incontrare il Ministro per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione, Patroni Griffi, alle ore 16, per portare alla sua attenzione le problematiche emerse.

Un incontro necessario in questa fase dove le Regioni stanno ascoltando le rappresentanze istituzionali sul territorio per poi presentare entro ottobre una proposta di riordino al governo.

E’ un appuntamento fondamentale per tutte le Province destinate all’accorpamento per far sì che si possano trovare le migliori condizioni di integrazione e di prospettive future.

 

Chiudendo una quindicesima edizione di successo, il Barocco Festival Leonardo Leo ha pienamente confermato l’opinione pubblica di essere una delle migliori realtà musicali e culturali del Sud Italia.

Grazie a scelte artistiche sempre di altissima qualità e alla collocazione degli spettacoli in luoghi suggestivi, la kermesse ha conquistato un pubblico numeroso ed eterogeneo e convinto la critica ancora una volta.

2.000 le presenze registrate, diversi i servizi e gli articoli dedicati alla manifestazione dalle emittenti e dalle testate giornalistiche locali e regionali.

Riproposta anche quest’anno la formula collaudata che ha decretato il successo del Festival in questi ultimi quindici anni. Quattro città ospitanti (San Vito dei Normanni, Brindisi, Mesagne, Carovigno), otto concerti, 95 brani, 88 musicisti con solisti di fama internazionale e, da corollario, una mostra di manoscritti musicali per “far vivere” la musica barocca a 360 gradi.

Alla base del progetto artistico, impegno, competenza e rigore organizzativo, qualità premiate dall’incoraggiante risposta del pubblico e dagli entusiastici commenti di chi ha deciso di puntare, ancora una volta, su un Festival capace di coniugare musica di qualità e promozione del territorio.

“Soddisfazione e commozione- afferma il Sindaco di San Vito dei Normanni, Alberto Magli - sono i sentimenti che accompagnano quanti, con determinazione, hanno voluto rinnovare anche quest’anno l’appuntamento del “Barocco Festival Leonardo Leo”, nonostante le note difficoltà nazionali abbiano reso difficile il percorso. Aver realizzato una edizione di tutto rispetto e aver arricchito il nostro patrimonio artistico e storico del manoscritto autografo di Leonardo Leo, ci rende orgogliosi. Il Premio di Rappresentanza conferito dal Presidente della Repubblica Napolitano al Festival, per il quarto anno consecutivo, è la riprova della valenza di un progetto che anno dopo anno respira sempre più aria nazionale e internazionale, grazie a un lodevole lavoro sinergico tra Regione Puglia, Provincia di Brindisi, Comuni e liberi cittadini. Un tesoro dell’umanità, che vogliamo continuare a condividere con l’intero territorio provinciale”.

“Confesso che non è stato facile per il maestro Prontera convincermi a far entrare il Comune di Mesagne nel circuito del Barocco Festival, avevo sottovalutato le potenzialità della kermesse. Devo ricredermi - dichiara l’Assessore alla Cultura del centro messapico, Maria De Guido - Lo scorso anno abbiamo ospitato il Festival nella maestosa cornice della Chiesa Matrice, quest’anno nel bellissimo Castello Normanno Svevo. La qualità dei concerti e la significativa affluenza di pubblico sono state riprova dell’alto profilo della manifestazione, non solo strumento per valorizzare le potenzialità culturali del nostro territorio, spesso sottovalutate, ma anche occasione per promuovere dal punto di vista turistico quel che di bello la nostra terra può offrire”.

“Per la nostra comunità il Barocco Festival è stata una conferma - afferma Nicola Pepe, Assessore alla Cultura del Comune di Carovigno - La grande affluenza di pubblico al concerto tenutosi il 31 agosto nella splendida cornice del Castello Dentice di Frasso, ha sorpreso positivamente anche noi amministratori, raramente qui a Carovigno si vedono platee altrettanto numerose ed attente. Siamo lieti di aver offerto ancora una volta ai nostri concittadini l’opportunità di ascoltare ed apprezzare alcune tra le più belle partiture di musica antica e al contempo conoscere o riscoprire la nostra città”.

Conferme e nuove “conquiste”. Questo il caso del Comune di Brindisi presente quest’anno, per la prima volta, nel circuito del Festival e teatro di una notte bianca interamente dedicata alla musica barocca.

“Il Barocco Festival “Leonardo Leo” si conferma uno degli appuntamenti più importanti e di successo del territorio e la 15^ edizione, appena conclusasi, è stata certamente tra le più entusiasmanti, sintomatico del fatto che la manifestazione continua a crescere - scrive in una nota il Sindaco di Brindisi, Cosimo Consales - Un appuntamento ormai consolidato all’insegna della grande musica, della ricerca, della valorizzazione di un illustre musicista di origine pugliese e che incontra, in maniera sempre crescente, il gradimento del pubblico. In particolare, la Città di Brindisi è stata protagonista, domenica 26 agosto scorso, con la “Notte Bianca Barocca”, la vera novità dell’edizione 2012, che ha visto lo svolgimento di ben quattro concerti consecutivi, svoltisi in altrettante location storiche del nostro capoluogo: la piazzetta antistante il palazzo dell’ex Corte d’Assise, il Castello Svevo, il Chiostro degli Scolopi (Scuole Pie)e la Corte del Museo Archeologico Provinciale “F. Ribezzo”. Il Festival Internazionale di Musica Antica, diretto dall’eccellente Maestro Cosimo Prontera, continua a stupire e convincere, proprio grazie alle qualità professionali e all’impegno che lo stesso maestro, ormai da anni, profonde in studi e concerti di alto livello, portando in alto, in giro per il mondo, il nome della nostra terra. Una terra che mira a diventare sempre più attrattiva grazie all’arte, ai luoghi storici, alle bellezze della natura ed agli ottimi prodotti enogastronomici. Siamo ben lieti, quindi, di aver dato anche il nostro contributo all’eccellente riuscita di questo evento che ci auguriamo possa proseguire il suo percorso, con risultati sempre più entusiasmanti, anche negli anni a venire”.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI