Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 29 Febbraio 2020

Si è tenuto questa mattina l’incontro annunciato nella giornata di ieri per discutere del riordino delle Province. Un incontro organizzato dal Presidente, Massimo Ferrarese, per aprire ad un confronto tra i rappresentati istituzionali dei Comuni di Brindisi, Taranto e Lecce e i Presidenti delle relative Province, in merito all’imminente accorpamento, con l’intento di aprire il dialogo e valutare le rispettive posizioni.

Al tavolo hanno preso parte il Sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, e il Sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno.

Dopo un’attenta analisi delle condizioni del territorio e delle volontà delle parti in causa, dunque, si è giunti ad un indirizzo comune che possa meglio rappresentare le esigenze delle due province e dei propri cittadini.

 

“Il 7 agosto scorso la mia Provincia è stata cancellata. Io sono qui non per salvarla, cosa che ormai è impossibile, ma per tentare di salvare, insieme al nostro Sindaco, la città di Brindisi. Ecco perché continueremo strenuamente a difendere insieme anche al Sindaco di Taranto, non solo lo status, ma l’economia e la pari dignità di entrambi i capoluoghi e non permetteremo che questo territorio venga penalizzato. I rappresentati della Provincia di Lecce, purtroppo, non sono venuti al tavolo, pertanto ci troviamo costretti a dialogare senza di loro. Avrei voluto conoscere la posizione di Lecce e della sua Provincia e invece ho conosciuto solo la posizione di Taranto” ha premesso il Presidente Ferrarese durante l’incontro.

“La legge è chiara, qualora non ci fosse un accordo preventivo, il Comune capoluogo diventa quello con più abitanti. Io ho parlato a lungo oggi con il Sindaco di Taranto, e abbiamo valutato un indirizzo comune che ci consenta di salvaguardare le rispettive autonomie. Grazie alla sua totale disponibilità realizzeremo insieme un progetto che non metta a repentaglio il futuro di entrambe le città, dei propri comuni, ma soprattutto dei propri cittadini. Ora il passo successivo è quello di trovare un accordo da presentare alla Regione Puglia, e quindi al Governo, per poter rimanere una Provincia che mantenga i due capoluoghi. Questa è solo la prima riunione, ne faremo altre, soprattutto tecniche con i nostri dirigenti, per portare avanti questo obiettivo e per la definizione di tutti i dettagli, con particolare riferimento alla riorganizzazione degli enti” ha concluso il Presidente.

 

Si è ufficialmente concluso il programma della visita della Delegazione Ceca in provincia di Brindisi nell’ambito del più ampio progetto di partenariato denominato “Comenius Regio” e promosso Assessorato Provinciale Cultura, Pubblica Istruzione, Università, Beni Culturali, Musei, Biblioteche e Teatri. Il vasto programma si è articolato, dal 10 al 17 settembre, alternando incontri formativi con gli istituti scolastici partner e visite guidate alla scoperta dei luoghi artistico-culturali del territorio brindisino. La delegazione, facente parte del Comparing Secondary School Education e del Llp Centres in the Czech Republic and Italy, composta da 6 docenti, 4 rappresentati politici e 2 dirigenti scolastici, ha avuto modo di lavorare in sinergia con il liceo classico “Lilla” di Francavilla Fontana – Oria e l’istituto tecnico agrario “Pantanelli” di Ostuni.

Obiettivo del progetto: dare vita e contribuire allo sviluppo di una Comunità con un’economia sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, oltre a sviluppare la conoscenza e la comprensione delle diversità culturali e linguistiche europee e aiutare i giovani ad acquisire le competenze di base necessarie per la vita e per lo sviluppo personale della cittadinanza europea attiva.

“E’ stata un’esperienza molto proficua che ci ha dato la possibilità di lavorare insieme ai colleghi partecipanti al programma su temi di comune interesse nell’ambito della normale attività scolastica, incrementando la dimensione europea dell’istruzione e promovendo la cooperazione transnazionale tra istituti scolastici in Europa” ha dichiarato Isabella Lettori - Assessore Provinciale Cultura, Pubblica Istruzione, Università, Beni Culturali, Musei, Biblioteche e Teatri.

“E’ un programma biennale al quale ha aderito un liceo di Pardubice e un istituto agrario di Chrudim - Repubblica Ceca, e prevede quattro visite. La prima è stata quella della nostra delegazione nel loro paese e questa volta è toccato a loro venire a trovarci. Non abbiamo avuto modo solo di confrontarci sull’offerta formativa, ma anche di presentare le bellezze del territorio. Di mattina si è intensamente lavorato e nel pomeriggio abbiamo mostrato loro la città di Ostuni con la sua Marina, la sede della nostra Provincia, il museo Ribezzi, San Pietro degli Schiavoni, San Giovanni al Sepolcro, Palazzo Nervegna, il Castello Alfonsino, la città di Oria, ma anche Lecce e Otranto. Sono stati molto colpiti dalle qualità di questi luoghi e soprattutto dal mare che non hanno la fortuna di vivere quotidianamente come noi. Partendo si sono dichiarati impazienti di averci nuovamente nel loro paese il prossimo anno”, ha concluso l’assessore.

 

Nonostante il quadro di crisi globale, dal punto di vista economico, che l’intera Europa sta vivendo, e che ha profondamente colpito l’Italia, l’attività portuale di Brindisi può vantarsi di registrare dati positivi sia sul fronte del traffico passeggeri che sul fronte del traffico merci.

A fronte di un calo traffico passeggeri sulla rotta per la Grecia (l’incremento relativo ai camion e trailer greci è però di un + 9,36), si registra un incremento da e per l’Albania che si attesta addirittura ad un + 8,27%, con una movimentazione di bus del + 35,60%.

Vantano poi segno positivo gli incrementi del traffico portuale brindisino di tutte le tipologie di merci relativamente ai mesi di luglio e agosto. Alcuni esempi: gas liquefatti (+ 26, %); altri gas liquidi (+ 375,84 %); propano (99,04 %); mais (+ 100 % perché prima non era presente) minerali grezzi, cementi e calci (+ 22,06 %); ceneri (+ 5,53 %) e gesso (+ 66,42 %);butadiene (181,66 %); esene (+ 49,90 %); miscela C4 (+ 331,49 %); prodotti chimici (+ 19,37 %); rinfuse solide (+ 21 %); derrate alimentari (+ 14,61 %); zucchero (+ 26,67 %); carbone (+ 28,52 %); minerali grezzi, cementi e calci (+ 4,74 %); ceneri (+ 66,94 %).

Tutti questi dati nel dettaglio sono stati illustrati questo pomeriggio nel corso di una conferenza stampa con il Commissario Straordinario, l’Ammiraglio Ferdinando Lolli.

“Ho assunto questo incarico - ha dichiarato l’Ammiraglio Lolli - con il massimo impegno e intendo mettere a disposizione di questo porto tutta la mia esperienza progettando interventi mirati a potenziare un’attività fondamentale per l’intera città. L’obiettivo è quello di dare sempre maggiore impulso al traffico crocieristico, intervenire su infrastrutture con la riqualificazione della banchina di Sant’Apollinare per Milo e canale Pigonati, l’apertura del varco ex deposito Pol Marina per la realizzazione di un circuito doganale su Costa Morena, e ancora informatizzare il controllo computerizzato di check-in, con un sistema che già da mesi stiamo testando con l’aiuto di una delle nostre compagnia di bandiera, la Grimaldi, e cercare nuovi mercati per incrementare i traffici”. L’ammiraglio ha poi proseguito facendo appello alla collaborazione di tutti, stampa inclusa. “Questo palazzo sarà aperto a tutti e sarà gestito nel massimo della trasparenza. Quello che mi aspetto è la collaborazione di istituzioni, enti e il sostegno dell’opinione pubblica. Inoltre, sarà tenuto in considerazione il proficuo lavoro degli operatori portuali, per far sì che si lavori tutti insieme affinché questo porto diventi d’eccellenza”.

La Provincia di Brindisi ha presentato ufficialmente questa mattina il progetto di partenariato denominato “Comenius Regio” e promosso dall’Assessorato Provinciale alla Cultura, Pubblica Istruzione, Università, Beni Culturali, Musei, Biblioteche e Teatri. Proprio nell’ambito di tale progetto si inserisce la visita di una delegazione Ceca, in corso già dal 10 settembre e che si concluderà lunedì 17. L’obiettivo del progetto è quello di dare vita e contribuire allo sviluppo di una Comunità con un’economia sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, oltre a sviluppare la conoscenza e la comprensione delle diversità culturali e linguistiche europee e aiutare i giovani ad acquisire le competenze di base necessarie per la vita e per lo sviluppo personale della cittadinanza europea attiva.

“Rientrano nelle attività i partenariati Comenius Regio che offrono alle autorità regionali e locali (Province e Comuni) in ambito educativo, agli istituti scolastici, ai docenti e agli alunni, la possibilità di lavorare insieme ai colleghi e ai coetanei degli altri Paesi d’Europa partecipanti al programma su uno o più temi di comune interesse nell’ambito della normale attività scolastica, incrementando la dimensione europea dell’istruzione e promovendo la cooperazione transnazionale tra istituti scolastici in Europa” ha dichiarato l’assessore provinciale Isabella Lettori.

“E’ un partenariato che vede coinvolte le Istituzioni e gli organismi scolastici. La Provincia di Brindisi ha aderito a questo progetto comunitario voluto dal Parlamento europeo denominato “Lifelong learning programme” che riunisce al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell’ambito dell’istruzione e della formazione, dal 2007 al 2013. A questo programma, che si articolerà in un biennio, hanno aderito con noi un liceo di Pardubice e un istituto agrario di Chrudim - Repubblica Ceca”, ha spiegato l’assessore Lettori. Le istituzioni facenti parte del partenariato “Comenius Regio” sono quattro appartenenti alla Repubblica Ceca e quattro italiane, tra quest’ultime c’è in particolare la Provincia di Brindisi. “Abbiamo cercato come partner gli istituti della nostra provincia che fossero similari ai loro – dice in conslusione Isabella Lettori - , ovvero il liceo classico “Lilla” di Francavilla Fontana – Oria e l’istituto tecnico agrario “Pantanelli” di Ostuni. E stiamo già riscontrando ottimi risultati a tre giorni dall’avvio del programma”.

Più dettagliatamente il progetto prevede 4 mobilità, nell’ambito delle quali, una delegazione italiana composta da 12 rappresentanti dei 4 partner, si recherà due volte nella Repubblica Ceca, alternandosi con la delegazione ceca che farà altrettanto in Italia; verranno, inoltre, realizzati poster, spot video, conferenze e seminari volti a dare visibilità all’iniziativa, alle esperienze fatte e ai risultati conseguiti; infine verrà elaborata la documentazione attinente allo scambio delle buone prassi. La delegazione facente parte del Comparing Secondary School Education e del Llp Centres in the Czech Republic and Italy, composta da 6 docenti, 4 rappresentati delle istituzioni politiche ceche e i 2 dirigenti scolastici degli istituti partner, ha successivamente fatto visita alla sala consiliare della Provincia di Brindisi, prima di tornare alle attività didattiche del programma settimanale.

Questa mattina si è riunito l’ufficio di Presidenza dell’Upi nazionale per approfondire e valutare le richieste di tutte le Province italiane in merito alla riorganizzazione e all’accorpamento delle Province stesse.

Il Presidente Ferrarese è stato delegato, con il direttore generale dell’Upi dott.Antonicelli, ad incontrare il Ministro per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione, Patroni Griffi, alle ore 16, per portare alla sua attenzione le problematiche emerse.

Un incontro necessario in questa fase dove le Regioni stanno ascoltando le rappresentanze istituzionali sul territorio per poi presentare entro ottobre una proposta di riordino al governo.

E’ un appuntamento fondamentale per tutte le Province destinate all’accorpamento per far sì che si possano trovare le migliori condizioni di integrazione e di prospettive future.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI