Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 12 Dicembre 2019

Occhiali gratis a chi non può permetterseli

Andare oltre gli obiettivi didattici per mettersi a disposizione dell'altro. È questo lo spirito che anima un progetto di solidarietà attivato dall'Istituto “E. Fermi - F. Eredia” per fornire in forma gratuita occhiali da vista ai più bisognosi. La scuola ha coinvolto la Caritas Diocesana di Catania che, tramite il Centro di Ascolto Diocesano di via Acquicella, di cui è referente il diacono Gino Licitra, ha segnalato alcuni casi previo accertamento della documentazione necessaria. Il progetto, attivo da diversi anni, viene sponsorizzato dal Kiwanis Catania Nord ed è stato realizzato anche col contributo degli studenti, dei genitori e degli insegnanti.

«È davvero meraviglioso educare alla solidarietà i ragazzi attraverso un’attività di laboratorio – ha spiegato Maria Giuseppa Lo Bianco, dirigente scolastica – e vederli lavorare per acquisire atteggiamenti di rispetto e di aiuto reciproco». Un progetto ormai consolidato e permesso dalla collaborazione e dalla condivisione da parte di tutti i soggetti chiamati in causa: ragazzi, genitori che spesso sono professionisti del settore, docenti e associazioni. Un’idea nata a partire da una semplice constatazione. «Abbiamo pensato di mettere a disposizione il nostro laboratorio di lenti oftalmiche – ha spiegato la docente Francesca Santonocito, vicepreside dell’Istituto – verso chi ha più bisogno, così da spingerci oltre il nostro ruolo professionale e didattico, guardando le cose dal punto di vista sociale e umano».

Un lavoro che i ragazzi hanno voluto affrontare con un grande cuore.

«Non si è trattata della solita esercitazione – ha aggiunto Sebastiano Musumeci, docente di laboratorio di lenti oftalmiche – perché tutti loro sapevano che avrebbero fatto felice un bambino col loro lavoro». E anche la consegna degli occhiali, ha voluto sottolineare Giuseppe Conte, docente e presidente del Kiwanis Catania Nord, «è avvenuta con la semplicità e la delicatezza necessarie, non è stata urtata la sensibilità dei bambini che hanno ricevuto questo dono come in un semplice gioco».

Un ruolo centrale in questo processo è stato rivestito dalla Caritas Diocesana di Catania. «Abbiamo immediatamente avviato la collaborazione – ha sottolineato Don Gino Licitra – e spero che si possa ulteriormente approfondire nei prossimi anni». Un modo per ricordare che l’organismo dell’Arcidiocesi di Catania opera anche al di là di quelle che sono le povertà più manifeste, come il bisogno di cibo o dell’accoglienza. «La carità si manifesta in tutte le sue forme – ha commentato Salvo Pappalardo, responsabile delle attività in Caritas – e anche col coinvolgimento dei più giovani che sono una risorsa essenziale per il futuro».

Anche per quest’ultima ragione, la Caritas Diocesana, ormai da qualche mese, ha lanciato il progetto “La Caritas a scuola” che offre agli Istituti la possibilità di ospitare gli operatori e i volontari che, attraverso il racconto della propria esperienza, educano alla solidarietà le giovani generazioni. L’iniziativa viene promossa con una raccolta alimentare da organizzare all’interno dell’Istituto ospitante e destinata alle due mese della Caritas. I momenti più significativi degli incontri saranno resi pubblici, tramite foto e video, sui profili ufficiali dell'organismo diocesano.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI