Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 24 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:884 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1494 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1018 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1717 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2476 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1984 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1975 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1925 Crotone

Scicli (RG) - Karate-Aikido, la prima sfida in Italia finisce con un pareggio

Alla fine ha vinto lo spettacolo. Si è concluso in parità il combattimento tra il karateka Tonino Giannì e l'aikidoka Giovanni Aprile, che si è svolto domenica sera nella cornice barocca di Piazza Italia a Scicli alla presenza di centinaia di persone. La sfida, la prima del genere di cui si abbia notizia in Italia, ha riscosso un grande interesse proprio per la novità della formula. Karate e Aikido non sono discipline omogenee. L'una è un'arte marziale e una disciplina olimpionica, nata per il combattimento. L'altra è studio dell'antica tradizione del Samurai e non prevede gare. "Prima d'ora - hanno ammesso Sergio Cassisi e Maurizio Agricola, rispettivamente presidente provinciale e regionale dello Csen, l'ente patrocinatore dell'evento - non era mai accaduto che un karateka e un aikidoki si scontrassero sul tatami. Tanto che è stato necessario approntare un regolamento speciale per la gara, che tenesse conto delle specificità delle due discipline".

Una breve cerimonia d'apertura con i rituali di preghiera giapponesi, i suoni del Taiko (il tamburo militare) e i colori dello Yori (armatura di samurai), ha ricreato l'atmosfera di concentrazione e silenzio propedeutica all'ingresso dei due sfidanti sul tatami.

Da un lato, Tonino Giannì, alto 1,90 cm per 90 kg di peso, 50 anni, di cui 36 dedicati al karate, consigliere della Federazione Shotokan Karate–do International Italia, cintura nera IV dan, una carriera costellata da successi in competizioni nazionali e internazionali. Dall'altro Giovanni Aprile, 1,70 cm di altezza per 70 kg di peso, 36 anni, cintura nera IV dan, considerato uno dei maggiori esperti in Italia di Aikido, responsabile per l'Italia centrale e meridionale della Scuola nazionale di Arti Marziali "Il Samurai".

È stato un combattimento leale ma vero, condotto senza esclusione di colpi tra i contendenti che hanno fatto sfoggio di grande agilità e abilità tecnica, mostrando il classico repertorio di colpi delle arti marziali giapponesi. Tre round di puro spettacolo che hanno incantato ed emozionato il pubblico. Non sono mancate le tensioni, subito stemperate dall'arbitro Sergio Cassisi, coadiuvato dai giudici Maurizio Agricola e Domenico Ruta, intervenuto più volte per decretare un minuto di pausa utile a far scendere i livelli di adrenalina tra i combattenti. Il maestro Giannì è dovuto persino ricorrere alle cure dei sanitari per una piccola ferita al volto: per fortuna, nulla di grave e scuse immediate dell'avversario. Alla fine, il pareggio è sembrato ai giudici il risultato più equo per una sfida inedita, in cui il vero protagonista è stato lo sport, con i suoi valori di lealtà e correttezza, autocontrollo e rispetto dell'avversario.

L'evento, che nei giorni scorsi sui Social aveva diviso il mondo dei maestri e degli appassionati italiani di Aikido in gran parte contrari allo spirito della competizione, si è trasformato in una vetrina di successo per le arti marziali, che ne escono rafforzate in termini di popolarità e d'immagine.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI