Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 29 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:1081 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1574 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1094 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1798 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2558 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2059 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2050 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:2004 Crotone

Linguaglossa - La casa confiscata alla mafia in contrada Panella diventa centro di turismo sociale per giovani con disagio

casa contrada panella lavori in corso

 

Sono in corso d’opera i lavori di restyling dell’immobile confiscato alla mafia, ubicato in contrada Malopasso-Panella a Linguaglossa e saranno ultimati in estate. Il progetto è stato finanziato con 434.963 euro nell’ ambito del Pon Sicurezza.

La struttura interessata dai lavori diventerà un centro di turismo sociale, immerso in un contesto naturale straordinario, sulla Sp 59, poco distante dal centro urbano, dove le terrazze in pietra lavica si rincorrono fino a raggiungere quota mille metri di altezza, sovrastando il livello del mare in un panorama misto di pietra lavica,piante e alberi secolari dell’ Etna.

Il centro di turismo sociale offrirà una vacanza, nel periodo estivo, con l’ occasione di conoscere i tesori cultuali e naturalistici dell’ Etna ai giovani in condizione di disagio. La struttura sarà affidata in gestione ad una cooperativa sociale o altro soggetto del terzo settore, che ne assumerà i costi di gestione e sarà fruibile tutto l’ anno, offrendo servizi a minori e a giovani di età compresa tra gli 8 i 28 anni, anche disabili, prevedendo attività tese alla conoscenza del territorio, attività ludiche e di supporto scolastico.

L’ immobile in questione, confiscato alla mafia è stato conferito in uso e godimento, con delibera di giunta la n° 43 /2009, al Consorzio etneo per la legalità, che ha presentato il progetto di recupero al Pon Sicurezza. Il Programma è gestito dal Ministero dell’ Interno e cofinanziato dall’ Unione europea, rientra nell’ obiettivo operativo 2.5, diretto al recupero dei beni confiscati alla mafia e al loro reinserimento nel circuito produttivo legale.

“Siamo felici –ha commentato il sindaco Rosa Maria Vecchio- che, nel bene confiscato, una volta ristrutturato e arredato, sarà realizzata una struttura ricettiva dedicata ai giovani, che potranno conoscere e apprezzare le meraviglie del nostro territorio, usufruendo di un centro di turismo sociale in tutti i periodi dell’ anno”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI