Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 17 Settembre 2019

Martina Casaccio: un sogn…

Set 13, 2019 Hits:139 Crotone

Ad Hannam il progetto I l…

Set 04, 2019 Hits:354 Crotone

La Madonna di Czestokowa …

Ago 30, 2019 Hits:491 Crotone

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:663 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1530 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:1410 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:5122 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1801 Crotone

AssoTutela: “nuovi Suv al 118 ma in provincia i mezzi stentano”

“Nuovi acquisti in casa 118. L’Azienda regionale di emergenza sanitaria (Ares) si dota di 8 nuovi suv mentre a Ciampino e Fiumicino, postazioni fondamentali per i soccorsi, le automediche rimangono ancora quelle del 1998”. Lo denuncia il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato, che ha monitorato la situazione dell’autoparco, precisando che la gran parte dei mezzi in dotazione è vecchia, inadeguata, senza airbag e con un sistema frenante privo di ABS. “Si pensi – continua Maritato – che per comprare i suv è stato richiesto il finanziamento regionale a copertura del 50% della spesa mentre, per sostituire numerose vetture obsolete della provincia di Roma si stenta a provvedere”. Il presidente si è poi soffermato sui pregressi dell’Ares, costituitasi da alcuni anni quale azienda autonoma distaccata dal San Camillo Forlanini da cui dipendeva, che avrebbe triplicato i costi di gestione rispetto alla passata amministrazione. “Ė del tutto ammissibile che si acquistino nuove vetture, seppur con un esborso di risorse esagerato, per migliorare i soccorsi in zone difficili. Convince di meno il fatto che tali poderosi autoveicoli vengano a sostituire i pick-up acquistati nel 2006 e mai utilizzati a tale scopo, che attualmente sono diventate vetture di servizio per i dirigenti. Non c’è male, per un’azienda che deve chiudere postazioni per mancanza di personale, causa blocco delle assunzioni. Tanto che, come i cannoni di Mussolini – ironizza il presidente - per la visita di alcuni giorni fa del sindaco Marino alla postazione di San Basilio hanno dovuto trasferire temporaneamente infermieri e barellieri da altre postazioni, dei veri figuranti”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI