Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 03 Marzo 2024

L'I.C. Papanice investe i…

Mar 01, 2024 Hits:186 Crotone

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:454 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:424 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:643 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:734 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:1114 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1204 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2532 Crotone

Sequestro aree autodemolizione abusive

sfascio 4

 

Il Nucleo di protezione ambientale (Nopa) della Polizia Municipale di Palermo, ha sequestrato in via Ernesto Basile,  un’area limitrofa al capolinea dei mezzi pubblici, destinata ad attività abusiva di autodemolizioni.
Oltre all’area, sono stati sequestrati 60 veicoli in fase di rottamazione e gli immobili riscontrati con gravi carenze strutturali, mentre il titolare, D.T. di 76 anni è stato denunciato all’autorità giudiziaria per violazioni alla normativa ambientale. L’area, è adiacente ad un’altra sequestrata di recente dal Nopa, perché utilizzata come discarica abusiva di amianto ed è in attesa delle opere di messa in sicurezza e bonifica.
L’attività di autodemolizione è stata riscontrata abusiva, il titolare non ha esibito alcuna autorizzazione amministrativa.
All’interno dello “sfascio” sono stati rinvenuti 60 veicoli e 25 targhe.
I veicoli, alcuni dei quali mancanti di parti di carrozzeria e meccaniche, provenivano dal conferimento non a norma da parte di una utenza che elude i centri autorizzati, mentre  le targhe risultano asportate da mezzi di fatto demoliti, ma con l’immatricolazione ancora in vigore.
Per questo sono state avviate indagini e verifiche amministrative.

Gravi carenze strutturali sono state riscontrate negli immobili ubicati all’interno dell’area, utilizzati come ufficio e sede dell’officina di smontaggio.
Nel corso del sopralluogo gli agenti hanno accertato la violazione delle basilari norme di prevenzione ambientale:  l’olio esausto dei motori abbandonato al  suolo o gettato nella fognatura. Nessun registro di carico e scarico a  documentarne la tracciabilità e nessuna documentazione posseduta dal titolare circa  la tracciabilità e lo smaltimento di batterie esauste, liquidi refrigeranti e detriti vari, una particolare tipologia di rifiuti pericolosi per l’ecosistema.-

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI