Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 31 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:898 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1357 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1574 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1175 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1240 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1266 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1515 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1649 Crotone

Recital della violoncellista Erminia De Meo con il pianista Michelangelo Carbonara

Grande ed indiscusso virtuosismo è stato quello che ha caratterizzato il recital della violoncellista Erminia De Meo con il pianista  Michelangelo Carbonara, Sabato 15 Febbraio, presso l’Auditorium  del Liceo Musicale “O.Stillo” di Crotone organizzato dalla Società Beethoven  Acam nell’ambito della Stagione Concertistica  2020 , “l’Hera della Magna Grecia” 3° Edizione.

Un concerto che ha visto anche, giovanissimi presenti, incollati alle loro sedie e ammutoliti da tanta bravura e tecnica interpretativa.

Il programma, certamente non facile comprendeva: F.Mendelssohn: “Sonata n. 2” , E. Elgar: “Concerto Op.85”, D. Popper: “Tarantella Op 33” for Cello and Piano.

La giovane Erminia De Meo però, coadiuvata anche da un pianista eccellente, quale Michelangelo Carbonara, ha saputo calarsi interamente in una interpretazione ricca di una sonorità corposa e un cantabile sublime  rendendo fruibile anche momenti compositivi non facili.

Un Mendelssohn  della Sonata n.2, ricco di virtuosismo e spensieratezza, quello che hanno presentato i due artisti, dove il violoncello ribatte punto per punto le virtuosistiche cascate di note  del pianoforte rimanendo però strumento melodico per eccellenza

Un’opera, interpretata dai due artisti, che richiama la musica fatata del “Sogno di una notte di mezza estate” capace di stupefacente leggerezza e meravigliosi colori dai riflessi perlacei, e dove, specialmente nell’adagio, aperto dalla nobile meditazione d’un corale, suonato dal pianoforte, Mendelssohn affida al violoncello un curioso effetto di pizzicato quasi dei dodici rintocchi della mezzanotte

Il monumentale “Concerto in mi min. op. 85” di Elgar è stato invece caratterizzato da una melodia dal carattere modale basata su un’unica cellula ritmica trocaica.

Opera questa che ha consentito alla De Meo di spaziare con una ricca arcata melodica  del violoncello dalle sorprendenti potenzialità liriche , arricchite da imprevedibili cambiamenti tonali che conferiscono allo strumento un carattere nobile e appassionato

L’allegro finale in particolare, era caratterizzato da un tema risoluto e saltellante, reso mirabilmente dal violoncello e sostenuto con esperta perizia dal pianoforte , dove riaffiorano i temi e il motivo appassionato del terzo movimento, e dove dopo il recitativo del primo movimento riaffiora fiammeggiante nella ripresa del tema  del rondò.

Grazia, sonorità, cantabilità, grande gusto e capacità interpretativa , della De meo sostenuta mirabilmente dal pianoforte di Carbonara hanno culminato un  recital molto bello con la tarantella di Popper in un vortice appassionato e ricco di virtuosismo tecnico.

Un bis molto bello, Elegia di Faurè, hanno concluso una bella serata culturale artistica sottolineata da applausi calorosissimi da un pubblico numerosissimo e particolarmente attento

Prossimo concerto Domenica  23 febbraio presso la Chiesa dell’Immacolata alle ore 19,00 con il pianista George Park e l’Orchestra “ O Stillo” .

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI