Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 09 Dicembre 2021

Festival d'Autunno, proseguono con successo gli incontri culturali

IMG_2529

Cinema e cibo. Fin dagli esordi nel mondo della celluloide il cibo ha sempre avuto un valore simbolico importante e strategico. Un rapporto questo indagato e al centro di numerosi studi e interventi. Anche il Festival d’Autunno, diretto da Antonietta Santacroce, nel quarto appuntamento della sezione culturale “Cibo è arte”, ha voluto indagare proprio su questo antico rapporto con la proiezione di “Amore, cucina e curry”, presso la Sala Augusto Placanica della Biblioteca De Nobili. Il film di Lasse Hallström è una commedia delicata e succulenta in cui il cibo diventa lo strumento e il fine capace di unire personalità apparentemente così differenti. Sarà attraverso il cibo che i protagonisti ritroveranno se stessi integrandosi perché “il cibo è memoria” e per non soccombere occorre contaminare e contaminarsi.

«Nel corso del cinema il cibo è stato raffigurato in diversi modi, – ha dichiarato il direttore artistico – storico Alberto Sordi in “Un Americano a Roma” oppure la scena di Totò che infila gli spaghetti nelle tasche in “Miseria e nobiltà”. A seconda dei registi e delle epoche il cibo ha assunto, quindi, valori differenti e i film sono stati romantici come “Chocolat”, sacrali come “Bianca” di Nanni Moretti, comici come “Sette chili in sette giorni”. Spesso i piatti sono stati usati in trilogie negative, come quella che unisce gli spaghetti, la pasta e la pizza alla mafia e alla cattiva italianità. Il cibo ha avuto anche un valore riconciliativo come in “Anatra all’arancia”oppure è stato inteso come simbolo di virilità, ne sono un esempio i film con Bud Spencer e Terence Hill».

La sezione collaterale dedicata al cibo continua con “Il Business del gusto: economia, sicurezza e salute” con i professori Rocco Reina e Tiziana Montalcini e a seguire “Made in Calabria d’autore. Focus sull’agroalimentare calabrese” con Daniele Rossi (Guglielmo Caffè), Camillo Nola (Azienda Vinicola Ferrocinto e Calabrialatte) e Nuccio Caffo (Amaro del Capo).

Tutti gli eventi previsti nella sezione “Cibo e Arte. Eccellenze d’autore in scena” sono ad ingresso libero. I biglietti dei concerti del Festival d’Autunno potranno essere acquistati online sul sito www.festivaldautunno.com e presso le rivendite autorizzate.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI