Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 19 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:516 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1257 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:606 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:838 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:894 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1086 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1427 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1419 Crotone

L'Orizzonte Catania sfiora l'impresa contro la capolista

Claudia Marletta al tiro

L’Orizzonte Catania sfodera una grande prestazione e sfiora l’impresa contro la capolista della Serie A di pallanuoto femminile.

Le catanesi sono state sconfitte 7-10 dal Plebiscito Padova nell’undicesima giornata di campionato, sul campo della Piscina “Francesco Scuderi” di Via Zurria (CT), ma a metà partita si erano trovate meritatamente avanti per 5-4.

Il match si era aperto con un gran goal di Tania Di Mario, che dava la carica alle compagne, indietro 3-4 al termine del primo tempo. Il ribaltone arrivava nel secondo parziale, giocato perfettamente dalle catanesi e vinto 2-0 proprio dalle padrone di casa. A quel punto però c’era il break delle ospiti, probabilmente anche sproporzionato nella sua misura, con le venete che si aggiudicavano la terza frazione per 0-4. Orgoglio e rabbia per le catanesi nel quarto tempo, chiuso sul 2-2.

Due reti a testa in casa Orizzonte Catania per Capitan Tania Di Mario, Valeria Palmieri e Claudia Marletta, ancora un goal bellissimo per Isabella Riccioli.

Soddisfatto a fine partita il coach dell’Orizzonte Catania, che ha elogiato la prestazione delle sue ragazze al di là del risultato finale: “Abbiamo sfiorato il colpaccio – ha detto Martina Miceli – e abbiamo giocato alla pari con Padova per buona parte del match. Però va bene così, mi è piaciuta davvero tanto la prova delle mie ragazze e, se consideriamo che abbiamo perso con uno scarto più che dignitoso malgrado loro siano più forti dello scorso anno, possiamo essere contente della nostra partita perché siamo sulla strada giusta. Oggi abbiamo giocato con tre atlete del 2000 in acqua, una ha segnato, un’altra ha tirato senza paura e l’altra si è fatta rispettare come sempre. Hanno giocato tutte e tredici e anche questo è un dato positivo. Ci sarebbe sicuramente piaciuto compiere l’impresa, anche se non era questa la partita da vincere, però era importante fare soffrire un po’ di più le nostre avversarie e credo proprio che ci siamo riuscite. Per noi è un periodo un po’ particolare, io nelle ultime due settimane non sono stata a Catania per stare accanto a mia madre che non sta tanto bene e lo stesso accadrà nelle prossime due, ma sia Aurora Coppolino che Tania Di Mario stanno facendo un grandissimo lavoro e devo ringraziarle per questo. Devo ammettere però che le ragazze sono cresciute tantissimo, a dispetto di tutto. Sono proprio questi i momenti in cui, per cause di forza maggiore, si cresce sia come atleta che come persona e si è visto chiaramente anche in quest’occasione. Claudia Marletta e Valeria Palmieri hanno affrontato la partita di oggi con un piglio totalmente diverso, sembravano davvero un altro tipo di giocatrici e questi sono gli aspetti positivi da valorizzare nei periodi più delicati. E’ nei momenti negativi che si vuole vedere sempre la cosa positiva, siamo una grande famiglia e lo abbiamo dimostrato per l’ennesima volta”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI