Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 20 Aprile 2024

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:546 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:576 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:758 Crotone

L'I.C. Papanice investe i…

Mar 01, 2024 Hits:1352 Crotone

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:1471 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:1302 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:1473 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:1522 Crotone

25 beni archeologici restituiti all'ambasciata della Colombia

Il recupero di 24 oggetti archeologici, nonché di un’importante scultura in terracotta, tutti di arte precolombiana, è il frutto di due distinte attività investigative, rispettivamente condotte dal Nucleo Carabinieri TPC di Firenze, coordinato dalla Procura della Repubblica di Firenze e dal Nucleo Carabinieri TPC di Torino, coordinato dalla Procura della Repubblica di Torino. I reperti sono stati individuati nel corso di indagini finalizzate a contrastare il traffico illecito di beni culturali e ricondotti, grazie anche alla cooperazione fornita dalla Rappresentanza Diplomatica della Colombia in Italia, al patrimonio culturale nazionale di quel Paese. La restituzione degli antichi manufatti celebra la conclusione delle seguenti indagini di polizia giudiziaria svolte dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale:

24 oggetti archeologici di arte precolombiana, tra cui coppe e sculture di differenti forme e tipologie, trafugate dalla Colombia e riconducibili alle regioni archeologiche di Muisca, Guane, Quimbaya e Nariño. I beni sono stati individuati e sequestrati dal Nucleo TPC di Firenze nel corso di mirati controlli preventivi presso esercizi commerciali di settore, in particolare in una casa d’aste di Firenze, ove erano stati posti in vendita dall’erede di un collezionista deceduto, privi di alcuna documentazione giustificativa circa la provenienza;

scultura in terracotta di arte precolombiana, raffigurante un dignitario seduto. Individuata e sequestrata dal Nucleo TPC di Torino nel corso di una perquisizione a carico di un commerciante di quella città, indagato per un imponente traffico di opere d’arte contemporanea contraffatte. Il commerciante deteneva presso la sua abitazione, senza alcuna documentazione giustificativa, diversi reperti provenienti dal Sud America, tra cui la pregevole scultura colombiana.

I beni, altissima espressione storico-artistica della Colombia, il cui valore commerciale non è quantificabile, sono stati restituiti il 29 febbraio 2024, nel corso di una cerimonia tenutasi nella sala “La Marmora” del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, dal Generale di Divisione Francesco GARGARO, Comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, a S.E. Ligia Margarita QUESSEP BITAR, Ambasciatrice della Colombia in Italia, alla presenza del Consigliere Amb. Clemente Contestabile, Consigliere Diplomatico del Ministro della cultura.

In tale contesto, il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, in ossequio ai principi dettati dalle convenzioni internazionali, opera da decenni avendo come obiettivo non solo il rimpatrio dei beni culturali trafugati dall’Italia, ma anche la restituzione di quelli appartenenti ad altri Paesi che hanno subito i medesimi “saccheggi”. La natura del mercato degli oggetti d’arte comporta la quasi quotidiana necessità per i Carabinieri del TPC di estendere le indagini all’estero, attraverso i diversi canali di cooperazione. La restituzione degli importanti beni culturali testimonia, quindi, l’importanza dei rapporti internazionali consolidata nel tempo, in questo caso con le Autorità della Colombia, che hanno permesso di addivenire all’eccellente risultato, ovvero il ritorno al contesto originale di inestimabili beni culturali e dimostra come la loro restituzione alla collettività garantisca la ricomposizione di percorsi storici, culturali e sociali, altrimenti leggibili solo parzialmente, contribuendo, pertanto, al rafforzamento di un comune sentimento di appartenenza e di una forte coscienza identitaria.

 Fonte Carabinieri CT.P.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI