Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 22 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:617 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1355 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:697 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:896 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:951 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1144 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1480 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1472 Crotone

Il carcere attento ai bambini

Raccontare il carcere ai bambini diventa difficile eppure molti di loro devono conoscere precocemente questa realtà e frequentarla per incontrare i genitori, i nonni, i fratelli, gli zii.

Diventa quindi importante un approccio corretto con questo mondo sia per evitare veri e propri traumi sia per una reale educazione alla legalità.

Queste idee sono alla base delle iniziative volute dalla direttrice del carcere di Catanzaro Angela Paravati, sia per valorizzare il ruolo della genitorialità nel percorso di recupero dei detenuti, sia per la tutela delle famiglie.

L’Associazione Universo Minori, presieduta da Rita Tulelli, e la Casa Circondariale hanno avviato delle attività per una corretta percezione da parte dei bambini figli di detenuti di questo “quartiere chiuso” che vuole essere un servizio sociale.

Il 19 aprile Jessica Scalise, Pamela Critelli, Rotundo Tiziana e Ianchello Jessica, dell’associazione Gaia, sostenuta dall’Associazione Universo Minori, all’interno della struttura di Siano e in modo assolutamente gratuito per l’Istituto penitenziario, hanno avviato laboratori creativi per far trascorrere utilmente ai piccoli il tempo con i genitori.

Infatti se da un lato la conoscenza del carcere contribuisce a ridurre le barriere culturali che fanno del carcere un mondo a parte, per altro verso incide sul processo formativo dei ragazzi affinché tocchino con mano il significato del violare la legge e della conseguente punizione.

Nello specifico saranno realizzati laboratori linguistici e artistici, incentrati sulle favole e sulle abilità figurative, in un certo senso paralleli ai laboratori di scrittura e artistici per adulti che vengono tenuti all’interno del carcere da anni.

L’obiettivo è educare ad una legalità positivamente accolta e interiorizzata per prevenire la devianza.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI