Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Febbraio 2017

A Sorrento "Tribute to Caruso"

Il prossimo 10 settembre 2016 alle ore 21.00 nel bellissimo giardino di Villa Fiorentino a Sorrento (Napoli) si terrà l’evento musicale Tribute to Caruso, per celebrare l’indimenticabile tenore napoletano Enrico Caruso, attraverso la potente voce del giovane tenore Giuseppe Gambi, accompagnato al piano da Lauren; voce narrante Enzo Esposito.

In una notte, Giuseppe Gambi interpreterà le principali arie di opere liriche  e le canzoni del grande conterraneo Caruso, per ricordare i momenti salienti della storia della sua intensa vita, conclusasi prematuramente, ma costellata di enormi successi e di altrettanti dolori. Egli fu il primo cantante ad incidere dischi, che  divenuti famosi a livello internazionale, hanno notevolmente contribuito a far conoscere il Bel Canto italiano oltre i nostri confini.

Lo spettacolo è organizzato dall’Associazione Gioia di Vivere Oulus, in collaborazione con la Fondazione Sorrento.

Ho avuto occasione di intervistare in esclusiva per il nostro giornale Giuseppe Gambi, un giovane di talento e grande potenzialità, che con grande determinazione sta inseguendo il sogno di diventare un cantante di successo.

Concludo con una celebre frase del tenore:

La vita mi procura molte sofferenze. Quelli che non hanno mai provato niente, non possono cantare.

La sua prima apparizione televisiva risale al 2010, quando partecipò a Domenica In ed ebbe occasione di conoscere Pippo Baudo, che notoriamente nella sua lunga carriera ha portato fortuna a moltissimi artisti. Quali sono state le impressioni del noto presentatore nei suoi riguardi?

Ho sempre seguito Pippo Baudo, sin da piccolo. Quindi, conoscerlo personalmente è stato come realizzare un sogno. In effetti, da tempo tante persone mi suggerivano di contattarlo. Un breve incontro con lui c’era già stato tanti anni prima, per le vie del centro di Roma. Io credo fermamente nel destino e questa casualità mi portò fortuna. Io mi avvicinai a lui e gli dissi che mi sarebbe piaciuto diventare un cantante lirico ed egli mi rispose: Ragazzo, ma tu ce l’hai il do di petto? Alla mia risposta affermativa, mi suggerì di scrivere in Rai per partecipare ad programma sulla lirica Tour de chant. Mandai via la domanda, sostenni il provino a Milano e mi presero.

Successivamente ha partecipato al programma I raccomandati, nel corso del quale si è esibito in coppia con Marcella Bella. Possiamo dire che questo è stato il suo trampolino di lancio?

Quella fu la mia prima apparizione importante, ma purtroppo venni colto da un improvviso abbassamento di voce a causa del cambiamento di temperatura. Di questo particolare ne conservo un ricordo un po’ triste, anche se l’esperienza in sé fu assolutamente positiva, poiché mi trovai dinanzi ad un pubblico più vasto e vinsi la puntata duettando con la bravissima cantante Marcella Bella

Ho ascoltato con una certa emozione il suo brano Italia Patria mia, che non appena uscito, in breve tempo è diventato l’inno degli italiani all’estero. Questa canzone, presentata al grande pubblico attraverso diversi passaggi televisivi, tra i quali la Rai, ha poi approdato in Argentina, dove è stata particolarmente apprezzata dagli italiani presenti, spesso da generazioni, in tale area geografica. Cosa ricorda di questa importante esperienza

Certamente questa bellissima esperienza ha contribuito a farmi crescere come artista e maturare, vista la responsabilità di esibirmi dall’altra parte del pianeta, dinanzi al Senato Argentino. Inoltre, ringrazio la giornalista Tiziana Grassi, ideatrice del dizionario emigrazioni italiane nel mondo ed il compositore Luigi Polge; insieme abbiamo scritto questo inno, che in poco tempo ha fatto il giro del mondo ed oggi è molto apprezzato presso diverse comunità italo-americane e argentine.

Il suo bagaglio accademico è di grande levatura, se consideriamo che ha frequentato il Conservatorio di Avellino Domenico Cimarosa, compiendo complessivamente dieci anni di studi. Quale posto occupa l’opera lirica nel suo cuore?

Questa è una domanda alla quale ancora oggi non so rispondere. Sono convinto che l’opera lirica faccia parte del mio percorso di studi classici, portati avanti con tanto amore, passione e dedizione, ma che conservo in un angolo del mio cuore, poiché pur avendo una buona voce, per fare una carriera lirica teatrale dovrei andare incontro ad una serie di rinunce, per le quali non sono ancora pronto. Tuttavia, non mi precludo nulla; ho semplicemente spostato le mie attenzioni musicali verso un genere lirico pop più moderno: il crossover, che mi consente di arrivare più velocemente al grande pubblico con mie canzoni inedite, oppure attraverso brani del repertorio di Andrea Bocelli, sulla scia del trio de Il Volo, ultimamente molto acclamati nel mondo.

In questi anni di proficua attività ha dato vita a spettacoli musicali, con la finalità di divulgare e far apprezzare il Bel Canto italiano non solo nel nostro Paese, ma anche a livello internazionale. Vorrebbe parlarmi del livello di cultura musicale e dell’interesse verso la musica classica che ha percepito attraverso gli incontri del pubblico oltre confine?

Posso affermare che il pubblico resta sempre affascinato dalle mie vocalità, in particolare quello americano e la fascia adulta; ho notato in loro una certa commozione. In genere, sono apprezzato molto quando canto le nostre belle canzoni napoletane, ma anche il famoso brano di Andrea Bocelli Con te partirò. Al termine è sempre un trionfo di applausi! Guardando verso il futuro, mi auguro che il mio percorso di cantante possa riservarmi un’importante crescita artistica. La mia maggiore ambizione sarebbe di poter andare in America.

Come le dicevo, ho ascoltato numerose sue canzoni e mi ha sinceramente colpito la sua interpretazione della struggente Caruso, scritta ed interpretata da Lucio Dalla e dedicata al famoso  tenore napoletano Enrico Caruso. Riesce a descrivere l’emozione che si prova ad interpretare un brano di così profonda intensità?

Su questa domanda potrei dire moltissimo… Questo brano è un vero capolavoro dedicato al grande tenore, sul quale e con grande impegno ho anche scritto uno spettacolo, parlando della sua vita; un vero tributo. Infatti, si chiama Tribute to Caruso, con il quale debutterò il 10 settembre 2016 a Sorrento, presso la Villa Fiorentino. Sono incredibilmente emozionato dal fatto di essere stato scelto per ricordare ed omaggiare una figura così importante, come Enrico Caruso e ce la metterò tutta per non disattendere le aspettative del pubblico. Mi piace immaginare che questo spettacolo possa diventare un appuntamento per i tantissimi turisti che soggiornano a Sorrento, dove il tenore trascorse gran parte della sua vita, per lasciare in ognuno un ricordo indelebile di una grande figura artistica nell’ambito della lirica.

Quest’anno, in collaborazione con il compositore Giorgio Selvaggi, ha scritto un brano dedicato a San Francesco di Paola, con il quale ha effettuato un tour presso numerose comunità religiose. Qual è stato l’incontro più significativo?

Sicuramente cantare una canzone di carattere religioso, lascia di per sé un segno significativo. Inoltre, è un evento particolarmente importante, in quanto ricorre il seicentenario della nascita di san Francesco di Paola. Il brano Charitas di Selvaggi è di grande impatto spirituale e mi auguro che il messaggio di carità e misericordia, quindi di pace, possa arrivare alla gente, in un periodo non facile, come quello che stiamo vivendo. Ho cantato questa canzone nella basilica di San Francesco di Paola a Napoli alla presenza del nostro Cardinale Crescenzo Sepe e si è creata una magica atmosfera, che solo questo luogo sacro riesce a trasmettermi.

Il suo forte potenziale vocale, dotato di una certa duttilità, le consentono di eseguire un repertorio vasto ed eterogeneo, che coinvolge diverse fasce di pubblico. È seguito dai suoi coetanei?

Anche questa è una domanda non facile, dove non saprei cosa dire; generalmente i giovani sono attratti da musiche più ritmate, ma il successo dei ragazzi de Il Volo è la dimostrazione che in Italia e non solo stia crescendo la competenza musicale e in qualche modo sia in atto un ritorno  verso il genere lirico e melodico.

Le oggettive difficoltà determinate dalla crisi economica tuttora in corso a livello planetario l’hanno mai scoraggiata nel proseguire il suo percorso artistico?

Siamo tutti consapevoli che questo non è un buon periodo per le nuove generazioni, ma non dobbiamo scoraggiarci; è fondamentale lo studio, una buona dose di autostima e tanta perseveranza… chi la dura la vince.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie.

LEGGI