Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 25 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:905 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1503 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1025 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1724 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2482 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1990 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1981 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1931 Crotone

Per il rilascio di Greta e Vanessa in Siria sono stati pagati 11 milioni di euro

Per il rilascio di Greta e Vanessa, le due ragazze italiane rapite in Siria lo scorso anno, sarebbe stato pagato un riscatto di circa 11 mln di euro. Lo dicono fonti giudiziarie di Aleppo, secondo cui una delle persone coinvolte nel negoziato è stata condannata per essersi intascata circa metà del riscatto. Il "tribunale islamico" del Movimento Nureddin Zenki, una delle milizie già indicata come coinvolta nel sequestro, ha condannato Hussam Atrash, descritto come uno dei signori della guerra locali, capo del gruppo Ansar al Islam.

La notizia arriva in seguito a dei procedimenti processuali del tribunale di Aleppo, dove le due erano state sequestrate.
All'epoca del loro rilascio in molti si erano affrettati a smentire l'ipotesi del pagamento di un riscatto. Lo stesso ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni aveva assicurato alla camera che le voci sul pagamento del riscatto "erano solo illazioni", "Siamo contrari al pagamento di riscatti - disse all'aula - nei confronti degli italiani presi in ostaggio la priorità è indirizzata alla vita e all'integrità fisica". All' epoca parlò anche il presidente del Copasir che spiegò: "Le contropartite ci sono sempre quando uno riesce a liberare ostaggi, non sempre sono economiche".
Ma attraverso la condanna che è stata emessa lo scorso 2 ottobre dal tribunale Qasimiya del movimento Zenki. Tra le pagine della sentenza si scopre che Atrash operava nella zona di Abzimo, la stessa località in cui vennero viste per l'ultima volta Greta e Vanessa. Sempre secondo le carte del processo si deduce che gli altri soldi del riscatto sono finti nelle tasche di altri signori della guerra locali.

Il "tribunale islamico" del Movimento Nureddin Zenki ha condannato tale Hussam Atrash colpevole di aver preso indebitamente parte del riscatto versato per liberare le due. Nureddin Zenki è in realtà la milizia che ha operato direttamente nel sequestro di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo. Atrash, signore della guerra locale capo del gruppo Ansar al Islam, avrebbe intascato 5 degli 11 milioni del riscatto.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI