Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 21 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:471 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:555 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1072 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1763 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1076 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1241 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1274 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1483 Crotone

Agorà: la più grande tragedia del secolo

Forse 300 morti, comunque la più grande tragedia di questo inizio secolo avvenuta nei nostri mari.

La più grande tragedia conosciuta, aggiungiamo noi, in quanto il Mar Mediterraneo, mare di speranza, di sogni e di riscatto, in questi anni è diventato un grande ed immenso cimitero di imbarcazioni e corpi che non avranno mai un nome, un volto, una storia.

La più grande tragedia che forse segna un punto di svolta nell’assurdo dibattito che negli ultimi venti anni si è scatenato sul tema dell’accoglienza e che ha generato mostri come la legge Bossi – Fini che ora, finalmente sembra vedere la sua fine.

Chi parte per un viaggio simile è una persona che anela una vita migliore, la libertà, lo stare bene e di fronte a questi legittimi bisogni non ci sarà niente e nessuno che lo potrà fermare, come niente e nessuno ha fermato i nostri antenati nelle loro lunghe attraversate transoceaniche.

Una tragedia che ci impone, che urla una riflessione complessa che possa far emergere nuove e diverse strategia di accoglienza e, soprattutto percorsi sicuri per arrivare nella nostra Europa.

Per questo motivo volgiamo un appello al Comune di Crotone, alla Provincia e a tutti i comuni presenti sul territorio locale. Che da questa terra, che vive l’accoglienza in maniera importante, esca una proposta nuova, elaborata assieme agli attori del Terzo Settore che si occupano di politiche migratorie, su possibili modelli di accoglienza alternativi ed efficaci che possano garantire percorsi veloci ed efficaci ai loro bisogni permettendogli di potersi muovere liberamente nel territorio europeo.

Nel frattempo a noi rimane la convinzione che è meglio avere parchi con letti e cucine improvvisate che mari con corpi galleggianti.

 

 

 

Coop. Soc. Agorà Kroton

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI