Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 22 Aprile 2024

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:586 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:613 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:796 Crotone

L'I.C. Papanice investe i…

Mar 01, 2024 Hits:1377 Crotone

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:1499 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:1324 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:1494 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:1541 Crotone

Le difficoltà dell'Alleanza

Un attacco della Russia in Romania spaventa la Nato. Anche perché, con la guerra in Ucraina, le truppe di Mosca sono a meno di 500 km da Bucarest. Più precisamente in Crimea. Insieme alla flotta navale nel Mar Nero. Condizioni elencate nel report del Cepa, Center for European Policy Analysis, coordinato dal generale dell’esercito americano Ben Hodges. Un'azione del Cremlino paralizzerebbe l'Europa. Che per questo sta investendo nella difesa.

C'è chi può non crederci, ma un intervento della Nato in caso di invasione russa della Romania potrebbe non essere così tempestivo. Perché? Precarietà delle infrastrutture e delle comunicazioni nella zona.

Due sono le possibili vie analizzate per l'attacco. Quella che preoccupa maggiormente è un'operazione di terra da parte della Russia attraverso la Porta Focsani. Che è considerato il punto più critico per la difesa della Romania, ma anche l'elemento di maggior debolezza dei confini Nato. Si tratta di una parte del territorio di Bucarest compresa tra i fiumi Danubio e Siret. Secondo gli esperti militari, l'esercito russo posizionate sulla costa nord-occidentale del Mar Nero raggiungerebbero la capitale in poco più di 24 ore.

Un'operazione anfibia lanciata dalla Crimea, occupata dopo l’annessione nel 2014, oppure un attacco via terra attraverso il Mar Nero. Questi i possibili scenari di un'invasione russa. Ce n'è anche un altra, anche se più remota, presa in considerazione dagli analisti. Ovvero la possibilità di occupare prima l'Ucraina e la Moldavia, e solo dopo la Romania. Ci sono, però, degli elementi che rendono questa possibilità molto remota.

E lo scenario che stanno cercando di "rimediare da parte della Nato" in un possibile attacco verso l'alleanza che sarebbe la fragilità nello spostamento di truppe e munizioni, le influenze di Putin nei Paesi confinanti e il punto debole nel territorio che consentirebbe di arrivare alla capitale in 24 ore.

Servirebbero infatti enormi preparativi e un tempo molto lungo per operazioni del genere. E la Nato non li ignorerebbe. Ma se ciò dovesse accadere, la Romania potrebbe perderebbe contro la Russia in meno di 24 ore. Questa la simulazione dell’accademia delle forze terrestri di Sibiu. Perché? La risposta della Nato impiega dalle 48 alle 72 ore per raggiungere qualsiasi posto dell’Alleanza. Ma ci sarebbero delle difficoltà a raggiungere la Romania a causa delle infrastrutture precarie.

A maggio l’Ue ha approvato la partecipazione di Stati Uniti, Norvegia e Canada all’iniziativa per aumentare la mobilità militare. Costo 1,5 miliardi di euro

Per rispondere a un attacco russo, secondo il quotidiano il Messaggero, la Nato dovrebbe portare 20 brigate (tra i 60.000 e i 100.000 soldati). Inoltre servirebbero 20 milioni di litri di gasolio e 12.000 tonnellate di munizioni. Da dove partirebbe le operazioni di difesa? Dalla Germania, attraverso Polonia e Ucraina, oppure dal Sud, in particolare dall’Italia e sfruttando i porti della Grecia, per poi passare attraverso la Bulgaria. Ma non tutte le rotaie, i ponti e i tunnel sono in grado di sopportare il trasporto di attrezzature pesanti. Tant’è che si prende in considerazione anche l’utilizzo di gru per aggirarli. Il più critico? Ruse-giurgiu sul Danubio. Se la Russia lo colpisse “porterebbe al fallimento del movimento delle forze dell’Alleanza”. L'alternativa è un sistema di chiatte sul Danubio che possa creare passaggi sul fiume e trasportare i treni.

Secondo l'agenzia Nova in questo momento è fuori questione che la Russia attacchi la Romania. Lo ha detto il ministro della Difesa romeno, Angel Tilvar, in un'intervista all'emittente televisiva "Digi24". Il ministro ha affermato che è normale nutrire qualche preoccupazione per i piani di Mosca, dato che l'Ucraina è uno dei vicini della Romania, ma ha precisato che non vi è alcun pericolo immediato. 

C'è un livello di preoccupazione per il comportamento aggressivo della Russia, un livello che ha dimensioni globali considerando l'aggressione non provocata e contro qualsiasi norma del diritto internazionale che la Russia ha messo in atto contro uno Stato sovrano. 

E per noi, essendo un Paese vicino, un Paese in prossimità di un conflitto di tale portata, è normale avere delle reazioni, preoccupazioni ed elementi di riflessione riguardo alle situazioni che possono crearsi. E' un fatto normale. Ovviamente la Nato, e lo si vede dal fatto che nell'ultimo vertice sono stati approvati dei piani regionali, tiene conto degli scenari che partono da quelli più negativi, fino a quelli con un approccio che genera meno preoccupazione, ciò di cui si discute ora riguarda la situazione esistente ed è avvenuta durante i due anni di conflitto", ha detto Tilvar. 

Fonte il messaggero / A.Rosi /  Agenzia Nova / e varie agenzie

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI