Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 15 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:427 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1177 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:525 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:796 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:850 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1047 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1389 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1382 Crotone

Il pericolo di un'Italia spaccata

A nostro modesto avviso, il pericolo di un’Italia spaccata, con il “regionalismo differenziato”, non è stato, ancora, risolto. Vediamo perché. Ad, oggi, manca una strategia ben studiata, da parte del Governo nazionale, con una forte accelerazione del processo, in vista, di una sua rapida conclusione. In tal senso, si è espresso, anche, il Procuratore generale della Corte dei Conti della Campania, Michele Oricchio, in occasione della cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario 2019: “Il regionalismo differenziato è un pericolo per la complessiva tenuta delle finanze della Repubblica e per la garanzia di analoghi livelli di servizi per tutti i cittadini di questo Paese” (Cfr. “Il Messaggero” dell’1 marzo 2019, pag.2). A questo punto, noi diciamo che per uscire da questa impasse, ed evitare che lo scontro prenda una piega esplosiva, c’è una soluzione: il Governo nazionale convochi, intorno ad un tavolo, tutte le regioni del Sud, del Centro, del Nord, d’Italia. In conclusione, diciamo, senza mezzi termini, che l’unità nazionale è un valore indiscutibile del nostro Stato repubblicano e un bene, da salvaguardare, in assoluto.

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI