Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 18 Aprile 2024

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:484 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:514 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:700 Crotone

L'I.C. Papanice investe i…

Mar 01, 2024 Hits:1312 Crotone

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:1431 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:1268 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:1438 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:1486 Crotone

Diritti umani, oggi a Palazzo delle Aquile "Palermo non tratta"

Si è svolta questa mattina presso l’Aula Consiliare di Palazzo delle Aquile "Palermo non tratta", iniziativa celebrativa della Giornata europea contro la tratta degli esseri umani.

L’incontro di questa mattina rientra nella campagna di sensibilizzazione per la costruzione di una società multietnica e nasce per promuovere una cultura della legalità, in contrapposizione alle nuove forme di schiavitù gestite dalle mafie internazionali. E’ stata organizzata dal Comune di Palermo, in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale e il Coordinamento Antitratta di Palermo "Favour e Loveth". All’iniziativa hanno preso parte, tra gli altri, il Sindaco Leoluca Orlando, l’Assessore alla Partecipazione Giusto Catania, la Direttrice dell’Ufficio Scolastico Regionale Maria Luisa Altomonte e i rappresentanti del Coordinamento Antitratta di Palermo.

“La scuola – ha dichiarato il Sindaco Leoluca Orlando - ha una missione fondamentale da compiere: far conoscere a questi ragazzi la storia dell’umanità e soprattutto il volto di coloro che ancora oggi, nel 2013, sono schiavi”.
Quest’appuntamento, infatti, era rivolto principalmente agli istituti scolastici della nostra città, per attivare un percorso di informazione e di formazione al contrasto della tratta, ai giornalisti nelle vesti di promotori nei confronti dell’opinione pubblica e a tutte le realtà che lavorano, in vari modi e forme, con i cittadini stranieri contro l'esclusione, la marginalizzazione sociale, il razzismo e la discriminazione e contro tutte le nuove forme di schiavitù.

“La scuola, in questo senso, - ha continuato il Sindaco Orlando - si eleva non tanto a luogo di libertà, ma di liberazione e di formazione di persone che sono già libere prima ancora che qualcuno riconosca loro il diritto di esserlo. Questi ragazzi devono essere seguiti in un percorso di riflessione su quei meccanismi atroci che portano alcuni individui a mercificarne altri, sulla differenza tra essere e appartenere e sul perché straordinari personaggi, come il grande Voltaire, arrivino a ritenere legittimo vendere gli esseri umani. Forse è ora che cominciamo a chiederci – ha concluso il Sindaco - se anche noi siamo complici di quelli che ancora adesso la pensano come lui”.

Il Primo cittadino in passato ha più volte proposto l’abolizione del permesso di soggiorno. “Sono convinto che rappresenti un altro male terribile”, aveva detto Orlando, che ha paragonato la normativa sugli ingressi controllati “alla nuova schiavitù del Terzo millennio, il vero carnefice di migliaia di vite umane nel Mediterraneo e altrove''.

“L’anno scorso – ha dichiarato l’Assessore Catania - quest’Amministrazione si è assunta l’impegno di diffondere nelle scuole e nella società palermitana un messaggio di lotta forte contro la tratta degli esseri umani. Da lì abbiamo cominciato una vasta campagna di sensibilizzazione: stampando anche alcune cartoline, abbiamo partecipato e sostenuto le iniziative promosse dal Coordinamento Anti tratta palermitano, che non a caso è dedicato a due donne vittime della tratta. Oggi possiamo affermare che Palermo è una città che si è schierata in maniera decisa dalla parte di coloro che vogliono liberamente viaggiare per il mondo, una città che si sta impegnando a costruire una campagna internazionale per l’abolizione del permesso di soggiorno e che ancora una volta con le sue scelte politiche, amministrative e la costituzione della Consulta delle culture ha dato un segnale forte che va nella direzione di chi vuole costruire un percorso di contaminazione delle culture, come elemento fondamentale della sua identità”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI