Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 16 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:454 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1205 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:555 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:809 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:864 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1058 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1399 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1393 Crotone

Intervista al Ministro Pichetto Fratin

Si svolgerà a Venaria Reale, il 29 e 30 aprile, la riunione ministeriale G7 Clima, Energia e Ambiente, guidata dalla Presidenza italiana. Il ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin ha presentato nella sede dell'Associazione Stampa Estera, il programma, il metodo di lavoro e gli obiettivi del vertice.
"In continuità con gli impegni assunti in ambito G7 e G20, la
Presidenza italiana consoliderà le iniziative già in corso e si concentrerà su azioni mirate e congiunte, orientate alla concretezza - ha spiegato - Vogliamo imprimere una forte spinta allo sviluppo delle rinnovabili e allargare gli orizzonti a tutte le fonti che, con il supporto scientifico, possano garantirci la sicurezza energetica, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi ambientali".
"Altrettanta forza - ha aggiunto - vogliamo dare alle politiche di adattamento, cruciali per la tenuta e la resilienza dei sistemi naturali ed economici, anche nei Paesi africani. "A Venaria, l'Italia si presenta con le idee chiare e la determinazione necessaria affinché questo G7 porti risultati concreti e ambiziosi - prosegue il Ministro Pichetto.
Sul tavolo anche il tema delle nuove materie prime richieste dalla transizione e dell’economia circolare e centralizzata in questo settore. Verrà inoltre affrontato il tema dei biocarburanti. I gruppi di lavoro a cui hanno preso parte i negoziatori dei rispettivi Paesi hanno definito in questi mesi i temi che saranno al centro dei dibattiti. Per la sezione Ambiente il focus sarà su: consumo e produzione sostenibili, economia circolare ed efficienza delle risorse con particolare riferimento al tema del riciclo delle materie prime critiche e della circolarità nel settore tessile e della moda. Verranno poi affrontati i campi legati alla lotta all’inquinamento per la natura e le persone, alla biodiversità, agli ecosistemi, ai mari e agli oceani.
Centrale sarà il tema dell’uso sostenibile delle risorse idriche, con particolare rilevanza per la collaborazione con i Paesi Terzi, in particolare l’Africa, su temi trasversali come il contrasto al degrado del suolo e la lotta alla desertificazione, l’utilizzo di tecnologie avanzate per monitorare e prevenire gli effetti dei cambiamenti climatici e sostenibilità delle filiere produttive. Particolare attenzione sarà inoltre rivolta al passaggio dall'utilizzo massiccio delle risorse fossili a quelle rinnovabili, in particolare all'energia nucleare. Riguardo al gas russo, il ministro Pichetto risponde così: "Oggi l'Italia è indipendente dal gas russo perché ha sostituito la Russia con altri fornitori: è una situazione complessa, di totale sicurezza energetica per l'Italia e parte dell'Europa, e per quanto riguarda i prezzi, queste situazioni determinarono nuovi equilibri internazionali dei prezzi, che portarono a oscillazioni colossali."
Riguardo la decarbonizzazione, il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Pichetto Fratin risponde: "abbiamo tanti percorsi paralleli, l'obiettivo comune è al 2050, prima chiudiamo il fossile più inquinante, il carbone, mentre usiamo il gas che è il fossile meno inquinante.
Italia è già pronta a chiudere prestissimo con il carbone almeno per la parte continentale: l'obiettivo è il 2025 ma potrebbe anche avvenire prima, esclusa la Sardegna".
Nella sessione Clima ed Energia, si affronterà il tema della 'Net-zero' agenda, con obiettivi volti a potenziare i sistemi di accumulo e flessibilità, in modo da gestire il forte apporto delle rinnovabili. Al centro anche il potenziamento dell'efficienza energetica e il rafforzamento della sicurezza, in particolare per la catena di approvvigionamento dei minerali critici necessari per lo sviluppo delle rinnovabili. Puntare su nuove tecnologie energetiche tra cui ricerca e sviluppo del nucleare sostenibile, ridurre le emissioni di metano e promuovere la collaborazione con i
Paesi terzi, specie con quelli più vulnerabili e con gli Stati africani, sul fronte dello sviluppo di risorse energetiche, infrastrutture locali e adattamento.
Sarà obiettivo del Ministero dell'Ambiente e Sicurezza energetica lanciare, nel corso della ministeriale, iniziative congiunte come l'avvio di gruppi di lavoro, coalizioni, focus e specifiche collaborazioni sui temi di interesse. Quattro le sessioni di lavoro.
In particolare, dalle ore 10 del 29 aprile si aprirà la plenaria dei Ministri. Al termine (h.11.50) è prevista la "'Foto di famiglia", cui seguirà (h.13.40) la sessione di lavoro dedicata a Clima ed
Energia. Dopo le 16.30 si avviera la sessione Ambiente, che concluderà la prima giornata.
Martedì 30, si terrà una nuova plenaria di tutti i Ministri del G7, con l'obiettivo di definire il comunicato conclusivo. È prevista alle 14.30 la conferenza stampa congiunta del Ministro Gilberto Pichetto Fratin con i Ministri del Giappone e del Canada, rispettivamente la precedente e la prossima Presidenza G7.
A Venaria, oltre ai Ministri di Italia, Francia, Germania, Canada, Stati Uniti, Giappone, Regno Unito e Commissione europea sono invitati: la Presidenza Cop 28 (Emirati Arabi Uniti) e quella Cop29 dell'Azerbaigian, il Brasile quale presidenza di turno del G20, l'Arabia Saudita e, nel quadro del focus sull'Africa, la Mauritania quale presidenza di turno dell'Unione Africana, il Kenya, l'Algeria e la Banca Africana di Sviluppo. I lavori prevedranno anche la presenza di organizzazioni internazionali: per la sessione Clima ed Energia lea, Irena, Odi e Conferenza sui cambiamenti climatici. Per la parte Ambiente prevista la presenza di Undp, Ocse e Unep.
Riguardo ai rapporti tra Romania e Italia, il Ministro italiano dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto-Fratin, ci ha detto: "I rapporti tra Italia e Romania sono molto buoni! Ottimo anche dal punto di vista economico e per quanto riguarda i rapporti politici tra il governo romeno e quello italiano. Nel febbraio di quest'anno si è svolto a Roma un vertice intergovernativo italo-romeno e so che sono stati firmati numerosi contratti di reciproco interesse. Da parte mia, come Ministero, abbiamo fruttuose collaborazioni con la Romania, nel campo nucleare. Il Gruppo Ansaldo Energia, attraverso Ansaldo Nucleare, è presente in Romania da oltre 40 anni e ha contribuito alla costruzione della Centrale di Cernavodă, dove continua ad essere presente con attività di servizi.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI