Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 19 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:552 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:167 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:459 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:492 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:707 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1109 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1101 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1474 Crotone

Sanremo, lo specchio del paese

Sembra che lo fanno apposta ogni anno siamo qui a monitorare tutte le varie frasi, uscite, rappresentazioni, abbigliamenti, dei partecipanti al festival canoro di Sanremo. Non sto qui a fare l’inventario completo delle trasgressioni, delle provocazioni dei cantanti o degli ospiti con le puntuali e accese discussioni. Tuttavia rispetto agli anni precedenti è apparso un festival del politicamente corretto, nel quale si è voluto rappresentare “la banalità del male”, come disse Hannah Arendt di fronte a casi più seri.

“Male” per tutto quello che è stato evocato positivamente, come un bene a partire dal sesso libero, al poli-amore, dal presunto razzismo degli italiani nei confronti della campionessa di colore Paola Egonu, al rifiuto della maternità, in un tempo, particolarmente in Italia, segnato da un drammatico inverno demografico, che metterà a rischio l’esistenza stessa dell’Italia come popolo. “Male” perché si è voluto esaltare la legalizzazione della droga e attaccare  espressamente il governo degli italiani da parte di un ente, la Rai, che impone a ciascuno di noi un balzello annuale per restituire un servizio che dovrebbe essere pubblico.

Aggiungo qualche altro particolare, me lo ricorda Jacopo Coghe di Pro Vita & Famiglia, nell’ultima serata di Sanremo c’è stato l’episodio ripugnante e schifoso, trasmesso dalla Rai grazie ai soldi che noi siamo costretti a versare ogni anno col nostro canone. Coghe si riferisce a Fedez e il cantante Rosa Chemical hanno inscenato un rapporto anale tra il pubblico in sala con tanto di "bacio gay". Inoltre, Chiara Ferragni si è presentata in scena con una collana a forma di utero, rivendicando l'aborto - cioè l'uccisione brutale di un bimbo inerme nel grembo materno - come un "diritto umano". Inoltre Coghe nel messaggio ci invita a sostenere anche economicamente la campagna di Pro Vita & Famiglia iniziata durante lo svolgimento del Festival, “abbiamo noleggiato e fatto circolare per le vie di Sanremo due camion-vela con la scritta: Basta ideologia gender e propaganda LGBT sul servizio pubblico. Aboliamo il canone Rai!”

Non varrebbe la pena occuparsi dello spettacolo orrido che offre il Festival, ma visto che ho la “pretesa” di comunicare qualcosa ai miei lettori e soprattutto constato, almeno da quello che ci comunica la Rai, gli alti dati di ascolto delle cinque serate, del Festival di Sanremo si deve parlare. Infatti, dai dati di ascolto, “viene quasi da sorridere pensando alle petizioni, agli appelli-grancassa social, alle campagne di boicottaggio proclamate dai santoni duropuristi della rete per invitare a non sintonizzarsi sulla televisione di Stato pur di non guardarne nemmeno uno spezzone”. (Gianluca Kamal, Sanremo 23, lo specchio della (sur)realtà, 13.2.23, destra.it) Se questa è la situazione, coloro che fanno politica hanno il dovere di interessarsi ai fenomeni, “reali”. Una nota particolare di Kamal, di cui sono pienamente d’accordo, si poteva evitare in mezzo a questo circo equestre la rievocazione del doloroso ricordo dei martiri infoibati. Un ricordo sporcato.

A Sanremo è  il nuovo che avanza! E’ quella rivoluzione sessuale, nel 68 ancora alla fase di avanguardia  e che ora ambisce a diventare fenomeno di massa? E ha buone speranze di diventarlo se 2 italiani su 3 sono rimasti incollati allo schermo in obbedienza ai dettami di mamma RAI.

Se sono veri i dati che hanno dato i dirigenti Rai, sull’ascolto e la visione di Sanremo 23, per Marco Invernizzi (La “banalità del male” e l’astensionismo, 14.2.23, alleanzacattolica.org) Se è vero tutto questo “merita una riflessione perché, se molti milioni di italiani hanno guardato e condiviso il messaggio culturale veicolato da Sanremo, questo consenso, questa sintonia, nella misura in cui è vera, ci deve preoccupare. Perché non serve indignarsi, anche se sarebbe giusto che un governo eletto dagli italiani cercasse di sostituire o comunque limitare espressioni culturali che contraddicono il suo programma e i suoi valori. Non serve indignarsi se il consenso è autentico: bisogna, invece, impegnarsi per cambiare la cultura che concorda con quanto il Festival ha espresso”.

Allora bisognerebbe impegnarsi per cambiare la cultura con quanto il festival ha espresso. E qui Invernizzi fa una riflessione importante: un cambiamento culturale non può avvenire soltanto perché lo vuole un governo, ammesso che lo voglia veramente. Un governo non può cambiare il cuore delle persone, può soltanto favorire, non ostacolare, aiutare quelle forze della società che possono, se vogliono, cercare di educare al vero, al bello e al bene. Ma questo lavoro culturale dobbiamo farlo noi, deve nascere dalla società e dovrebbe anzitutto vedere impegnata in prima persona la Chiesa, attraverso le tante realtà che a essa fanno riferimento”. Infine per Invernizzi esiste un legame “fra la cultura espressa dal Festival di Sanremo, “sazia e disperata” avrebbe detto il cardinal Biffi, triste e vecchia come ha scritto Giovanni Orsina su La Stampa, e la disperazione politica che emerge dal non voto della maggioranza di lombardi e laziali: annoiati e abbandonati davanti a un televisore, alla ricerca delle solite trasgressioni, disillusi dalla politica e senza speranze. Un Paese che muore quasi senza saperlo”.

Ritornando a Sanremo 23, scrive Diego Torre sulla sua pagina fb, “eppure tutto era iniziato così garbatamente, con la presenza impeccabile di Mattarella e le declamazioni elogiative della Costituzione in salsa antifascista fatte dal comico di corte”. La performance di Benigni nella serata d’apertura, riesumata la Costituzione “più bella”. Potremmo chiedere al super comico: “Dov’era Benigni mentre veniva sospesa?”. Pertanto la kermesse sanremese, sotto la guida del cerimoniere Amadeus, pare che abbia inteso dare una precisa impronta pedagogica alle cinque lunghe ed estenuanti serate. A proposito del mite presentatore, non ha avuto difficoltà ad annunciare candidamente: ”Ai bambini va spiegato che esiste un uomo che ama un uomo e una donna che ama una donna, che è normale e che questo va portato ovunque, in televisione e nello spettacolo”. Chiaro? Ipse dixit!

Eppure l’operazione almeno da quello che hanno detto ieri sera a “Zona Bianca” non sembra destinata a produrre grandi risultati se, per recuperare i consensi perduti, l’universo radical-chic si affida ai banali monologhi degli influencer travestiti da maître à penser, alle lezioncine dei comici crepuscolari nel ruolo di costituzionalisti, ai sermoni dei rapper con toni da fustigatori.

Addirittura c’è un entusiasmo ingiustificato come quello di Francesco Merlo su Repubblica, che ha scritto sul palco ligure sta andando in scenala nuova resistenza”, affidando ad Amadeus i panni del novello partigiano. Mentre secondo Ugo Magri, editorialista de La Stampa, questo Festival è destinato a passare addirittura alla storia per essersi posto a difesa dei valori repubblicani.

Tuttavia quello che fa notare un articolo pubblicato da Atlantico è l’aspetto “educativo” che vuole imporre la manifestazione politicamente orientata e culturalmente debole. Il tutto naturalmente nell’intento di educare le masse al nuovo pensiero unico, di elargire panem et circenses, di formare una nuova classe di cittadini allineati e obbedienti. (Gianluca Spera, La sinistra si aggrappa a Sanremo, il nuovo cineforum per rieducare gli italiani, 11.2.23, atlantico quotidiano.it)

Li convinceremo che saranno liberi soltanto quando rinunceranno alla loro libertà in nostro favore e si sottometteranno a noi, scriveva Dostoevskij nel suo romanzo capolavoro, “I fratelli Karamazov”. Allora, ecco che la pedagogia sanremese diventa una sorta di sovrastruttura di un disegno più ampio, destinato però a fallire come ha scritto magistralmente Stefano Folli su Repubblica.

La sinistra intellettuale una volta si riconosceva nei giudizi taglienti di Pierpaolo Pasolini su Sanremo (“povera idiozia”); oggi si aggrappa al Festival come a una zattera in cerca di un ricostituente ideale, ma se possibile anche elettorale, che difficilmente potrà venire dallo spettacolo allestito da Amadeus”.

Insomma, da Pasolini a Chiara Ferragni, il passo verso il viale del tramonto politico e ideologico è davvero breve. Anzi, visti gli ultimi esiti elettorali, vedi le ultime elezioni regionali, siamo più vicini al tracollo che al tramonto.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI