Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 16 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:454 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1205 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:555 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:809 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:864 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1058 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1399 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1393 Crotone

Il Mediterraneo afroasiatico

L’Atlante geopolitico del Mediterraneo 2014, prodotto dall’Istituto di studi politici “San Pio V” in collaborazione con il Ce.S.I. (Centro studi internazionali) e pubblicato da datanews (pp. 384, € 20), costituisce un eccellente strumento per comprendere storia e novità degli Stati africani e asiatici che si affacciano sul Mediterraneo, dal Marocco alla Turchia.

Le vicende dei Paesi della sponda meridionale del Mediterraneo, a due anni dall’esplosione delle primavere arabe, costituiscono una delle principali sfide che la comunità internazionale e, in particolar modo, l’Europa dovranno affrontare e (chissà?) risolvere nei prossimi anni. L’instabilità politica ed economica ancora perdurante, il problema dei sempre più consistenti flussi migratori, il conflitto in atto oramai da parecchio tempo in Siria, la guerra a Gaza e la crescente destabilizzazione di tutta l’area rendono il bacino del Mediterraneo uno dei teatri più caldi dello scenario internazionale, già oggi. Per tale motivo il volume si propone, attraverso riflessioni puntuali su argomenti pregnanti e tramite complete schede su ciascun Paese, di costituire un utile strumento per comprendere il passato storico e la recente evoluzione dei Paesi del Mediterraneo afro-asiatico.

L’opera è curata da due storici, Francesco Anghelone e Andrea Ungari, al quale si devono svariate schede storiche che permettono di comprendere l’origine, anche remota, di eventi a noi coevi. La prefazione è di Antonio Iodice, mentre l’introduzione è firmata da Andrea Margelletti.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI