Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 07 Ottobre 2022

Cannabis terapeutica, Per uno studio israeliano può contribuire a combattere gli effetti dello stress post-traumatico

Tra le molte facoltà positive che si associano alla cannabis, questa non era del tutto nota o quantomeno provata: l'"erba" potrebbe contribuire a combattere gli effetti negativi sul comportamento e quelli di natura psicologica dei disturbi post-traumatici da stress, secondo una ricerca condotta dai ricercatori Najshon Korem e Irit Akirav, del dipartimento di psicologia presso l'Università di Haifa (Nord) i cui risultati sono stati resi noti ieri 9 settembre."La somministrazione di cannabis sintetica (cannabinoidi) poco dopo un evento traumatico può impedire i sintomi tipici del disturbo da stress post-traumatico nei ratti, sia quelle causate da traumi come ricordi angoscianti ricorrenti ", è possibile leggere in una dichiarazione dell'Università."L'importanza dello studio è che contribuisce a comprendere la reazione del cervello che produce l'effetto positivo della cannabis su questa sindrome, che sostiene la necessità di studi clinici con gli esseri umani per esaminare il suo potenziale", affermano i ricercatori.Secondo l'Associazione medica di Israele, circa il nove % della popolazione israeliana sta soffrendo di disordine da stress post-traumatico, una percentuale che sta crescendo rapidamente tra i soldati, prigionieri di guerra, vittime di aggressioni e civili che vivono nelle zone di confine spesso colpiti dalla guerra mentre anche in Italia, aggiunge Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, seppur con le inevitabili differenze data la diversa drammaticità delle situazioni, sono diversi gli indici che denotano un aumento dei casi dovuti alla crisi economica che ha portato alla recessione un intero paese.Un fenomeno comune tra questi gruppi è che l'esposizione quasi continua agli eventi che ricordano il trauma iniziale, aggrava le loro condizioni di anni di vita.Akirav, che ha già fatto un certo numero di studi in questo campo, garantisce che l'uso di cannabis all'interno di una "finestra temporale" appropriata dopo un evento traumatico riduce i sintomi di PTSD, come dimostrato dai test con i topi.Nella sua ultima ricerca l'esperto si è concentrato sulle conseguenze degli eventi ripetitivi che ricordano il trauma iniziale, per sapere se la cannabis ha lo stesso effetto positivo.La cannabis è stata data ad un primo gruppo di topi che avevano ricevuto scosse elettriche e ad un secondo gruppo al posto della cannabis un antidepressivo composto da sertraline.L'inchiesta ha dimostrato che il primo gruppo non ha dimostrato di aver affrontato ricordi angoscianti ricorrenti, sintomi tipici del disturbo. "In altre parole, con la cannabis gli effetti del trauma ricorrente scompaiono," ha detto. Ed ha anche discusso circa la base neurobiologica dell'effetto della droga nel cervello.Secondo il comunicato, i topi esposti a traumi "hanno mostrato un aumento nelle espressioni di due recettori connessi con l'elaborazione delle emozioni cerebrali: il CB1 e il GR", una riflessione che è stata attenuata in coloro che avevano ricevuto la dose di cannabis."I risultati del nostro studio suggeriscono che la connettività nel circuito di paura del cervello cambia in conseguenza di un trauma, e che la somministrazione dei cannabinoidi impedisca che questo cambiamento si verifichi", hanno concluso gli scienziati.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI