Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 18 Settembre 2019

Elezioni Europee, presntiamo Roberta Angelilli

Oggi, dopo tante battaglie, tutte rigorosamente vinte, Roberta Angelilli però non ha alcuna voglia di fermarsi e accetta una nuova sfida insieme a Giorgia Meloni, quella di cambiare l'Europa; ricordandoci che con i Fratelli d'Italia combatterà con caparbietà sperando di cambiare in meglio le cose.  

Sono 15 le candidature di Fratelli d'Italia nell'Italia centrale per le prossime elezioni europee. A Giorgia Meloni capolista, seguono i nomi, in ordine alfabetico: Francesco Acquaroli, Arianna Alessandrini, Roberta Angelilli, Alfredo Antoniozzi, Monica Stefania Baldi, Marco Bertolini, Ida Collu, Fabrizio Ghera, Alessio Pestelli, Diego Petrucci, Federica Picchi, Nicola Procaccini, Luca Romagnoli, Michele Sciurpa.“

Roberta Angelilli, 52 anni, nata a Roma. Esperta di Diritto europeo.

Laureata in Scienze politiche. Master in Diritto europeo, Master in Euro progettazione e accesso ai finanziamenti comunitari, Master in Comunicazione e media digitali, Master in Diritto amministrativo. Volontaria della Croce Rossa Italiana. Fondatrice e attivista dell'Associazione ambientalista "Fare Verde" e dell'organizzazione di volontariato internazionale "Movimento Comunità". Giovanissima inizia la sua attività politica militando nei nuclei studenteschi della Capitale, diventando Segretario provinciale di Roma del Fronte della gioventù (Movimento Sociale Italiano) e poi Presidente provinciale di Azione giovani (Alleanza Nazionale).
Dal 1994 al 2014 è Deputato al Parlamento europeo.
Da Luglio 2009 a Giugno 2014 è Vicepresidente del Parlamento europeo, Mediatore per i casi di sottrazione internazionale di minori, Presidente del Gruppo di alto livello per l'uguaglianza di genere e la diversità, rappresentante per il Parlamento europeo al Forum internazionale per i diritti dei minori...

Nel 1980 inizia la sua attività politica nei nuclei studenteschi di Roma.

Nel 1993 è eletta segretario provinciale della Provincia di Roma del Fronte della Gioventù, organizzazione giovanile del Msi. Alle elezioni europee del 1994 è eletta per la prima volta al Parlamento Europeo nelle liste di Alleanza Nazionale. Dal 1996 al 1997 è presidente provinciale di Azione Giovani, organizzazione giovanile di Alleanza Nazionale.


Nel 1998 è nominata dirigente provinciale di Roma di Alleanza Nazionale. Alle elezioni europee del 1999 viene riconfermata al Parlamento Europeo, seconda della lista di Alleanza nazionale subito dopo Gianfranco Fini, con oltre 50.000 preferenze. Nel 2000 è nominata Commissario Straordinario della Federazione, prima donna a guidare Alleanza Nazionale a Roma. Nel 2002 è nominata Coordinatrice regionale di Alleanza Nazionale per il Lazio, incarico che mantiene per tre anni.

Alle elezioni europee del 2004 ottiene il terzo mandato al Parlamento Europeo nella lista di Alleanza Nazionale nella circoscrizione centro, ricevendo oltre 87 000 preferenze. È stata iscritta al gruppo Unione per l'Europa delle nazioni, è capo delegazione di Alleanza Nazionale, membro della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, della Commissione per lo sviluppo regionale; della Delegazione per le relazioni con gli Stati del Golfo, compreso lo Yemen, della Delegazione per le relazioni con Svizzera, Islanda e Norvegia.

Nel 2005 ha fatto parte dell'Esecutivo politico di Alleanza Nazionale. Alle elezioni del Parlamento europeo del 2009 è eletta per la quarta volta nelle liste del Popolo della Libertà, risultando seconda nella circoscrizione Italia centrale e aderisce al Partito popolare europeo.
Il 14 luglio 2009 è eletta al terzo turno, con 274 voti su 644 voti validi, vicepresidente del Parlamento Europeo.[1]. Il 18 gennaio 2012 è stata confermata nella carica con 246 voti su 672[.

A Bruxelles è componente della Commissione Libertà Civili, Giustizia e Affari Interni, della Commissione per i Diritti della Donna e l'Uguaglianza di Genere e della Commissione per l'occupazione e gli affari sociali. È membro della delegazione per le relazioni con l'Afghanistan e con i paesi del Maghreb e l'Unione del Maghreb arabo. Presso l'ufficio di Presidenza del Parlamento europeo ha la delega ai diritti dei minori, al personale ed è responsabile dell'Assemblea Parlamentare Euro-Mediterranea. È stata relatrice della Direttiva Europea contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale minorile e la pedopornografia approvata il 27 ottobre 2011.

Nel giugno 2012 si mostra attiva sul tema della messa al bando delle mutilazioni genitali femminili.[4] Il 16 novembre 2013 aderisce al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano per cui è candidata alle successive Elezioni europee del 2014 (Italia) nella Circoscrizione Italia centrale ma con 25.443 preferenze non viene eletta arrivando terza.
Nel 2015 abbandona il Nuovo Centrodestra ed aderisce ad IDeA-Identità e Azione di Gaetano Quagliariello.
Nel 2016 è tra i promotori della campagna per il "no" al referendum costituzionale di Renzi (Comitato Civici e Riformatori per il No).

Alle elezioni regionali nel Lazio del 2018 in virtù di un accordo tra IDeA e Forza Italia, viene candidata al Consiglio regionale all'interno delle liste di Forza Italia, in provincia di Roma.[7] Prima dei non eletti, ad agosto subentra a Adriano Palozzi, sospeso come conseguenza del suo arresto, e si iscrive al gruppo del candidato Presidente Stefano Parisi. La supplenza della Angelilli terminerà nel dicembre dello stesso anno con il reintegro di Palozzi in consiglio.

Il 9 dicembre dello stesso anno il movimento “Cuori Italiani” di cui fa parte si federa con Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni in vista delle elezioni europee del 2019.
Attualmente è componente dell'European Parliament former members Association.

Questa e una tra le sue battaglie di questo anno : “Una situazione di degrado assoluto, tonnellate di rifiuti, molto peggio degli scorsi mesi. Qui non c’è lo Stato”. Così l'ex vicepresidente del Parlamento europeo, Roberta Angelilli, nel corso di un sopralluogo al campo nomadi di via Salviati insieme ai rappresentanti di alcuni comitati civici della periferia est della Capitale.

Ha consegnato al Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, una petizione sull’emergenza dei roghi tossici e del trattamento illegale dei rifiuti nei campi rom a Roma. “Nonostante le rassicurazioni fatte dall’Italia alla Commissione Europea per chiudere la procedura di indagine avviata, le istituzioni italiane non hanno dato assolutamente seguito agli impegni presi”, evidenzia Angelilli. “Abbiamo deciso di richiedere un intervento alle istituzioni europee perché la situazione nei campi rom e nelle zone limitrofe è talmente grave da violare tutte le direttive europee sul trattamento dei rifiuti e sul rispetto dell’ambiente e la qualità dell’aria”, dichiarano i rappresentanti dei comitati e delle associazioni che hanno sottoscritto la petizione.

Un altra sua la battaglia per la chiusura di Cupinoro, una delle discariche più fuorilegge d’Europa. “Non ci siamo rassegnati e dopo anni di lotte al fianco dei cittadini e dei territori della zona Bracciano/Ladispoli/Cerveteri, l’abbiamo fatta chiudere. E dopo non ci siamo fermati! Passo dopo passo stiamo chiudendo ogni ipotesi di costruire ecomostri in zone protette. Ora vigiliamo per risanare completamente la zona. Hanno vinto i cittadini!”, dichiara Roberta Angelilli.

Il suo posto è accanto ai cittadini, alle famiglie e alle imprese. E’ al fianco di imprese balneari e degli operatori del commercio su aree pubbliche contro la direttiva Bolkestein allo scopo di tutelare sia le aziende coinvolte che i lavoratori impegnati in questi settori.

Nel 2016 è tra i promotori della campagna per il “no” al referendum costituzionale di Renzi (Comitato Civici e Riformatori per il No). “Abbiamo manifestato a Montecitorio con centinaia di persone contro chi, dai palazzi del potere, avrebbe voluto calpestare la sovranità popolare. Alla fine, anche questa battaglia l’abbiamo vinta noi!”

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI