Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 20 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:710 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1432 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:957 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1660 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2410 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1925 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1914 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1866 Crotone

Il Mezzogiorno tra ombre e luci

In primis, noi diciamo che passano i secoli, ma, non lo sconforto, dovuto alla persistente Questione meridionale, con una visione statistica del Mezzogiorno tra ombre e luci. Vediamo perché. Da un lato l’immagine scelta dall’ultimo Rapporto Svimez, nel 2014, è quella di un Mezzogiorno “alla deriva, con un sottosviluppo permanente”, in quanto si allarga il divario dal Centro-Nord del Pil-1,3% contro-0,2%. Ancora, viene rilevato un Mezzogiorno a rischio “deserto industriale”. Ma, c’è di più. Il Mezzogiorno, oggi, galleggia tra Europa e Mediterraneo, senza riuscire a fare da cerniera.Dall’altro lato c’è, invece, Confindustria che, nel luglio scorso, con un “check up”, seppure tra mille criticità, ha colto e valorizzato i timidi segnali arrivati dal primo trimestre del 2015, in termini di occupazione, turismo e export. Da questo punto di vista, va detto, anche, che l’Europa ha dedicato al Mezzogiorno risorse economiche straordinarie.In particolare, c’è già, l’OK dell’Unione europea ai piani d’investimento di Sicilia e Basilicata per il periodo 2014-2020, mentre in lista di attesa, del via libera per l’utilizzo degli investimenti comunitari, restano solo la Campania e la Calabria. E dulcis in fundo, diciamo che in tal senso si sta muovendo, anche, Palazzo Chigi: ovvero, facilitare gli investimenti ed accrescere la competitività delle aziende italiane, con un’attenzione particolare, a quelle del Mezzogiorno, destinando, in vista della prossima legge di stabilità, fino a due miliardi di sgravi fiscali. Speriamo che dalle previsioni contabili, si passi ai fatti, per una crescita reale del nostro Mezzogiorno.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI