Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 14 Aprile 2024

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:364 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:401 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:590 Crotone

L'I.C. Papanice investe i…

Mar 01, 2024 Hits:1254 Crotone

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:1373 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:1212 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:1382 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:1434 Crotone

Giovani del Sud Italia più sensibili a progetti sostenibili, parola di Adecco

Milano, 17 ottobre 2023 – I giovani della Generazione Z del Sud Italia risultano i più sensibili agli impegni delle aziende verso la sostenibilità. Lo evidenzia una ricerca di Adecco, società di The Adecco Group che sviluppa e valorizza il capitale umano, che approfondisce quali sono i driver principali nella loro scelta del lavoro in un osservatorio in partnership Teleperformance. Se il fattore più determinante per i giovani del Sud Italia, come per il resto del Paese, rimane lo stipendio, con il 62% delle preferenze, l’attenzione alle tematiche ambientali è rilevante per il 10% del campione. Un risultato più altro rispetto ad altre aree del Paese, come il Nord-Ovest, dove questo dato si ferma al 7%.

Al contrario, per i giovani nel Sud Italia risulta meno importante rispetto ad altri coetanei il bilanciamento vita-lavoro. Sebbene questo dato raggiunga comunque il 31% delle preferenze, in altre aree ottiene punteggi più alti, come ad esempio il 34% del Nord-Est. Gli unici che invece dimostrano lo stesso interesse per le tematiche ambientali sono i giovani del Centro Italia, anche loro al 10%.

La ricerca evidenzia infine che, nonostante lo stipendio sia il driver principale delle scelte, la Gen Z non rinuncia ai propri interessi e alla crescita professionale: ben sei su dieci sono disposti ad accettare uno stipendio più basso per avere un ruolo gratificante e in linea con gli studi compiuti. Probabilmente anche per questa ragione ben il 74% dei giovanissimi che già lavorano si dichiarano soddisfatti della propria occupazione. Più che sul lavoro, infatti, sembra che sia la ricerca dello stesso a creare preoccupazioni alle giovani generazioni: per il 68% questa viene effettuata con sentimenti negativi, legati principalmente a preoccupazione (38%), ansia (31%) o rassegnazione (12%). Dati importanti per comprendere il mercato del lavoro futuro e attuale, considerando che, in Italia, già il 20% del totale degli assunti appartiene alla Gen Z.

“L’ingresso sempre più ampio della Gen Z nel mondo del lavoro impone alle aziende riflessioni approfondite per comprenderne desideri e aspettative. Le differenze culturali fra le generazioni devono essere analizzate nel profondo, per implementare strategie che possano essere efficaci nell’attrarre talenti. Questa ricerca di Adecco, nata proprio per ascoltare la Gen Z, fornisce gli strumenti per comprendere cosa serve per essere attrattivi verso i più giovani e avviare quindi percorsi che rendano il mondo aziendale più coinvolgente e interessante per questa nuova generazione” commenta Virginia Stagni, Chief Marketing Officer di The Adecco Group Italia.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI